Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le compagnie elettriche aumenteranno i prezzi se non li preveniamo.

Il Terzo Vice Primo Ministro e Ministro della Trasformazione Ambientale e della Sfida Demografica arriva soddisfatto dell’intervista con avanguardia . Ci ha convocato, per motivi di ordine del giorno, in un luogo insolito, all’Orto Botanico di Madrid, dove è arrivato con quello che potrebbe essere il più grande successo politico della sua carriera. Ha raggiunto una pietra miliare nell’Unione europea: che la Commissione avalli l'”eccezione iberica”, contro molte speculazioni che scommettono sul fallimento. Un “meccanismo innovativo” che consente di fissare un tetto ai prezzi del gas nel mercato all’ingrosso e quindi di ridurre le tariffe elettriche per quasi 11 milioni di consumatori nel mercato regolamentato in Spagna. Ci sono altre novità. La Francia cambia posizione per quanto riguarda i collegamenti elettrici e gas con la Spagna. La Francia è ora più aperta alla ripresa del gasdotto Midcat.

Spagna e Algeria

Il rapporto con l’Algeria è solido e ampio. Auguro una pronta guarigione”

Il governo algerino era responsabile della corruzione di questo partito. La società, da sempre primo fornitore di gas in Spagna, aveva appena annunciato (venerdì) la sospensione dei rapporti commerciali con la Spagna. Nonostante l’Algeria si sia già ritirata dalla sua posizione, avvertita dall’Unione Europea, l’allarme continua a suonare.

Italia e Algeria

“Non credo che l’amicizia tra Italia e Algeria dovrebbe preoccuparci affatto”

Le forniture di gas in Spagna sono a rischio dopo questo duro episodio con l’Algeria?

Lo spettacolo non è in pericolo. Il rapporto tra la Spagna e l’Algeria è abbastanza importante, solido e sufficientemente ampio, sia nel tempo che nelle questioni importanti, da augurarsi una pronta guarigione da questa situazione. Quanto al gas, si tratta di rapporti contrattuali tra società private regolate da contratti privati ​​che da mesi negoziano i prezzi. Sono decenni che spero saranno esclusi da quella situazione politica e non vi è alcun suggerimento che non sarà così.

In caso di ipotetici tagli, la Spagna ha la capacità di fare a meno del gas algerino?

Meglio non parlare di ipotesi. Fortunatamente, negli ultimi 15 anni, le compagnie energetiche spagnole hanno sviluppato una politica di diversificazione in termini di sicurezza energetica che ci permette di giocare su scala più ampia nei casi di grave debolezza in altri paesi, compresa l’Unione Europea, che dipende dal 40% o il 60% O l’80% del gas che usano proviene da un paese, in questo momento, che è la Russia.

Negli ultimi mesi Italia e Algeria hanno intensificato i loro rapporti. La Spagna potrebbe essere ferita?

Il nostro rapporto con l’Italia è molto buono. Penso che i suoi rapporti con l’Algeria non dovrebbero preoccuparci affatto. La situazione dell’Italia è più complessa della nostra. Il 40% del gas che consumano proviene dalla Russia. Ha senso che cerchino alternative che includano il superamento di questa debolezza ed è naturale che inizino quella conversazione con l’Algeria. Abbiamo anche mantenuto un rapporto con l’Italia attraverso discussioni su come costruire questa sicurezza energetica. Per aumentare le esportazioni di gas verso l’Italia, la premessa più importante su cui l’Algeria sta lavorando è aumentare la produzione che necessita di condizioni di maturità. Da parte nostra, stiamo attualmente aiutando i nostri colleghi italiani con la fornitura di gas naturale liquefatto (GNL), ed è prevista anche la costruzione del gasdotto Barcellona-Livorno, anche se è ancora un progetto molto preliminare.

READ  La nuova compagnia aerea italiana che dopo oltre due anni rivitalizzerà la rotta da Roma a Buenos Aires

A che punto sono i contatti con la Francia? La tua posizione personale è cambiata riguardo all’appello di Midcat?

Il contesto internazionale è cambiato, così come l’approccio al concetto di sicurezza dell’approvvigionamento. Alcuni anni fa, la Spagna non poteva scommettere su un gasdotto su cui nessuno sembrava intenzionato a investire e l’Unione Europea lo ha classificato come impraticabile in termini di rapporto costi-benefici. È stato avventato promuovere un’infrastruttura a pagamento basata sul pagamento del consumatore spagnolo quando la Francia, inoltre, aveva altre priorità.

Ora, l’interdipendenza con la Francia è una priorità ufficiale dell’UE. C’è un percorso per il Great Iberian Hydrogen Pass che coincide con il Medcat Pass. Anche la Francia è passata dal vedere i legami con la Spagna come una garanzia di approvvigionamento per la Spagna a vederla come un problema di sicurezza per se stessa.

Midcat

“La Francia ora vede Midcat come qualcosa di redditizio e qualche anno fa non lo era”

Quindi è la Francia che ha cambiato posizione?

Sì, la situazione in Francia è cambiata e ora è più aperta. La Francia si trova in una situazione complicata per garantire la fornitura di elettricità ai suoi cittadini. Quest’anno, a causa di varie circostanze, comprese le pause tecniche alle centrali nucleari, mi sono reso conto che l’interconnessione è fondamentale, compresa quella con la Spagna. Il dibattito in questo momento è quali siano le scadenze. Abbiamo già aperto il collegamento sottomarino attraverso il Golfo di Biscaglia e vogliamo promuovere i Pirenei.

La Commissione europea mercoledì ha dato l’ultimo via libera all’eccezione iberica che consentirà ai consumatori di ridurre la bolletta dell’elettricità, ma perché devono pagare parte del cap gas e non tutte le società elettriche?

La misura è finanziata dai profitti delle società elettriche che stanno registrando un forte calo dei loro profitti. Quello che abbiamo fatto è che se per produrre l’elettricità è necessario il 20% o il 25% di gas, allora è quello che paghiamo per il prezzo del gas e non tutto il resto, come è stato finora. Non possiamo forzare nessuna centrale a ciclo combinato a produrre in perdita. È ragionevole per coloro che consumano il prezzo del gas.

READ  Il Grupo Emperador ha triplicato il mercato del brandy in cinque anni

C’erano tre possibilità. Che i bilanci generali dello Stato lo coprano, lo addebitino all’impianto elettrico e ne generino un debito, oppure lo distribuiscano secondo la parte relativa del consumo energetico. Pensiamo che la terza opzione sia la più ragionevole. In effetti, non abbiamo mai considerato nessun’altra opzione. L’elettricità ha difeso gli altri due. Crediamo che l’impianto elettrico non possa essere indebitato così tanto e che i budget non debbano coprire nulla relativo ai consumi energetici. Abbiamo trovato il giusto equilibrio. Una parte è finanziata dalle imprese e l’altra dai consumatori.

legame

“L’Europa avrebbe dovuto spingere di più per l’interdipendenza”

Le organizzazioni dei consumatori lodano questa misura, ma la considerano insufficiente. Il governo ha pianificato misure aggiuntive per i gruppi più vulnerabili?

Anche con l’aggiustamento di cui abbiamo parlato, il credito netto al consumo è positivo. Tra il 15% e il 20% sono previsti in fattura. Non dovremmo commettere l’errore di spegnere le cose troppo in fretta come succede a volte. Stiamo compiendo sforzi molto significativi per sostenere i più vulnerabili. Con un livello di impegno e protezione di gran lunga superiore a quello degli altri Stati membri.

Questo è un meccanismo del tutto innovativo. La Commissione Europea non ha mai dato la sua approvazione per un tale meccanismo. La tutela dei consumatori vulnerabili è molto apprezzata, c’è un livello di sconto molto alto coperto dalle stesse aziende, a differenza di altri stati membri.

limite ai benefici

“Allargheremo il tetto di 67 euro al megawattora a beneficio delle società elettriche”

Ritenete sufficiente lo sforzo richiesto dalle società elettriche?

Fate i calcoli: dalla carica media di 200 euro al megawattora si è ridotta a circa 140. Una differenza molto importante spiega perché è una battaglia molto difficile su più fronti, tra l’altro con alcuni dirigenti di alcune società elettriche . È stata un’operazione audace perché sta avvenendo sulla base di una riduzione molto consistente degli utili potenziali che le società elettriche avrebbero incassato in uno scenario come quello attuale.

Le società elettriche aggiornano i contratti con aumenti di prezzo significativi. Consiglieresti ai consumatori di tornare di nuovo al PVPC?

Sebbene le aziende stiano rivedendo i prezzi al rialzo, stanno attente a non superare i 67 euro per megawattora. Questo perché il governo ha approvato questo importo come tetto a marzo. Se vengono superati, sono considerati vantaggi aggiuntivi per assorbire i prezzi del gas più elevati e devi pagare per tali vantaggi aggiuntivi. Se non avessimo costruito questo riferimento di protezione dei prezzi, avremmo potuto scoprire che le compagnie elettriche suggerirebbero prezzi molto più alti in quelle revisioni dei contratti. Penso che sia stato un fattore di contenimento molto importante. Le compagnie elettriche avrebbero alzato i prezzi a 180 o 200 euro al megawattora se non lo avessimo impedito. Questo limite, che prevediamo di estendere al persistere delle condizioni attuali, funge da fortissimo incentivo a contenere gli aumenti dei prezzi. Questa è la chiave. Non può essere in tali circostanze che non valga più benefici di tale profondità.

READ  Il governo è fiducioso che l'omicron girerà "a gennaio" perché "l'economia non può tollerare ulteriori restrizioni"

Il PVPC sarà di nuovo il più economico sul mercato?

La scelta del prezzo è una decisione che dipende dalle circostanze e dalle variabili personali. Si consiglia di non lasciarsi trasportare dalle motivazioni e di studiare attentamente le condizioni ei vantaggi che possono essere offerti dai liberi professionisti. Il fatto è che in un confronto dei prezzi sul sito web della CNMC, 15 giorni fa era impossibile trovare un tasso di PVPC inferiore. Le offerte di marketing fatte ai nuovi clienti erano superiori al PVPC, anche lo stesso giorno in cui un manager di un’azienda elettrica ha fatto un commento così sfortunato. Un’altra cosa è che ci sono clienti che hanno vecchi contratti a un prezzo molto più basso e non sono affatto interessati a cambiare i prezzi. Può anche accadere che ci siano consumatori che hanno recentemente stipulato un contratto con i loro prezzi relativamente alti che potrebbero essere interessati a tornare al PVPC.

Come farà il governo a garantire che il cap sul gas sia adeguatamente rispettato?

È terribile vivere in un paese in cui i consumatori non si fidano delle compagnie elettriche. Ma questo viene prima risolto con trasparenza e vigilanza per verificare che le cose funzionino correttamente. Questo è ciò che abbiamo sperimentato nelle recenti modifiche legali. Fornire maggiore trasparenza e informazioni sul prezzo della domanda tra chi genera energia e chi la vende, ma anche tra questi e il cliente finale. Da settembre sono obbligati a trasmettere queste informazioni alla CNMC, che le sta già analizzando.

Visti i ritardi della Commissione nell’approvazione del tappo del gas, ha mai avuto paura che il provvedimento non fosse stato approvato?

Se prendiamo in considerazione i tempi normali dell’organismo, la procedura è stata approvata in tempi record per loro. Non è necessario pensare che sia successo qualcosa di particolare al di fuori della gestione della burocrazia. Ho scoperto che ci sono quelli che pensano che le cose non funzioneranno, il che è sorprendente. Chi conosce la commissione sa che dopo una dichiarazione dell’assessore, dopo un impegno del capo commissione, e dopo una lettera formalmente inviata, la commissione non si tira indietro.