Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“La responsabilità reciproca non funziona e ci sono troppi clandestini”

“La responsabilità reciproca non funziona e ci sono troppi clandestini”

Michel Boldrin (Padova, 1956) conosce bene la Spagna perché è stato direttore della Fondazione Fidea tra il 2012 e il 2014. Da giovane è stato segretario della Gioventù Comunista di Venezia, ma si è sviluppato in posizioni di libero mercato dopo la laurea in economia all’Università Ca’ Foscari, e prima di tutto dopo aver conseguito il dottorato negli Stati Uniti, dove ha lavorato nelle più importanti università. Boldrin sta attualmente concentrando i suoi sforzi sullo studio della politica monetaria e del declino dell’Europa.

“Cosa devi sapere quando stai affrontando una crisi?”

“Dipende da cosa intendi per ‘lì’. È quello che idealmente vuoi sapere (cosa ti permetterà di evitare una crisi) o cosa è utile sapere in generale? Nel primo caso non c’è crisi. Nel secondo , devi renderti conto che le crisi sono componenti inevitabili del cambiamento, non solo economico ma anche strutturale. Ricevo la risposta ‘hegeliana’ anche se con poca simpatia per questo filosofo: è meglio sapere che da una crisi esce sempre qualcosa di nuovo e che se vuoi sopravvivere devi capirlo, vederlo arrivare e anticiparlo.

“Che tipo di crisi abbiamo?”

– Immagino tu intenda l’economia, ma ci sono diverse crisi importanti e allo stesso tempo difficili: prima, la crisi della democrazia, che è stata negata; In secondo luogo, il ritorno della Russia al suo modello storico imperialista e “mongolo”. Terzo, la marcia della Cina, che inizia la sua seconda lunga marcia, che dovrebbe condurla all’impero asiatico e mondiale.

La crisi dell’inflazione è molto semplice: hanno gestito così male il Covid dopo che non sono stati in grado di riparare i postumi della crisi finanziaria. Tutto ciò ha portato a un massiccio aumento del debito pubblico e della massa monetaria nelle tasche di famiglie e imprese. Questi trasferimenti sono stati spesi in mezzo a un declino abbastanza ampio della capacità produttiva nazionale e globale. L’inflazione è arrivata ei politici e le banche centrali ne hanno negato l’esistenza. Avrebbero potuto fermarlo se avessero tagliato le spese e monetizzato il debito all’inizio del 2021!

La BCE ha sbagliato a impiegare così tanto tempo per alzare i tassi di interesse?

Si sbagliavano tutti: la Banca centrale europea, la Federal Reserve e così via. Hanno sbagliato perché hanno perso la loro indipendenza. Hanno finanziato passivamente tutti i tipi di debito pubblico, il buono (poco), l’inutile (tanto), il dannoso (molto di più). Guarda il PNRR: tutti lo lodano. Puoi dirmi a cosa serve? Qual è il suo rapporto con l’epidemia? In che senso faciliterà una maggiore crescita e una migliore gestione del riscaldamento globale? Quasi tutti i progetti che vedo sono doni a questa o quella lobby o gruppo elettorale.

Perché l’iniezione di liquidità da parte delle banche centrali non è stata nemmeno inflazionistica?

READ  L'Italia vinse e si qualificò seconda nel Gruppo D ed entrò negli ottavi di finale

– Tre motivi. Le iniezioni di liquidità del 2008-2010 sono state nelle banche, per non crollare, portando con sé l’intero sistema. Questa era la lezione che Milton Friedman e Anna Schwartz avevano appreso dalla crisi del 1929, e ragionevolmente applicata. L’allentamento quantitativo (QE) è stato un tentativo di adeguare la struttura temporale dei tassi di interesse con l’obiettivo di abbassare i tassi di interesse a lungo termine; Il successo è stato parziale e la maggior parte della liquidità generata è rimasta nelle riserve delle banche commerciali, nella banca centrale, senza generare molto potere d’acquisto nelle mani di famiglie e imprese, e quindi non ha generato inflazione. Le iniezioni 2020-22 hanno finanziato la spesa pubblica in bonifici che sono finiti subito nei conti di famiglie e imprese e sono stati subito spesi. Inoltre, in termini relativi, era superiore ai due precedenti. Per i motivi spiegati sopra, ciò ha portato all’inflazione che stiamo vivendo ora.

– Chi è il principale responsabile del contenimento dell’inflazione? La Banca centrale europea o i governi?

-di entrambi. La Banca centrale europea gode di un’indipendenza molto parziale. Se i governi emettono debito, la Banca centrale europea alla fine lo acquista e crea liquidità per evitare grandi variazioni negli “spread” del debito nazionale. E se i governi spendono per i trasferimenti, le risorse del debito alimentano l’inflazione.

Gli aumenti dei tassi di interesse sono finiti?

-non credo. L’inflazione è stata attaccata negli ultimi tempi e ora si autoalimenta (prezzi, costi, stipendi, tassi…) quindi ci vorrà del tempo.

Vedremo di nuovo tassi di interesse negativi in ​​futuro?

“I tassi reali sono ancora negativi!” Più negativo di due o tre anni fa! Fino a quando l’inflazione “core” (centrale) non tornerà nell’ambiente al 2%, non assisteremo a cali. Coloro che presumevano che i tassi sarebbero rimasti bassi “indefinitamente” si sbagliavano, hanno affermato molti economisti seri.

La BCE si è sbagliata con la sua politica monetaria accomodante del “qualunque cosa serva”?

– Tutto quello che serve nel 2011-2014 è stata una buona idea: ci ha permesso di evitare il debito sovrano e la crisi dell’euro. Quello che è successo dopo è stato un pasticcio causato da due fattori: la pressione politica per risolvere i problemi strutturali con iniezioni di denaro e l’eccessiva fiducia nelle stravaganti teorie ‘keynesiane-MMT’ (Modern Monetary Theory) secondo le quali la valuta nelle mani dei consumatori non provoca inflazione se l’accesso non è raggiunto piena occupazione.

Il quantitative easing è durato a lungo?

-esattamente.

– Negli Stati Uniti c’è solo un’autorità fiscale, quindi ciò che fa l’espansione quantitativa è cambiare il debito a lungo termine con le riserve a breve termine, ma è sempre il debito degli Stati Uniti. In Europa quello che fa la Banca Centrale Europea è trasformare il debito di uno stato membro nel debito dell’Europa. La BCE non emette obbligazioni internazionali senza chiamarla così?

READ  "I prestiti non sono costosi, quello che non aveva senso erano i tassi precedenti."

– Sì, in parte, e ogni giorno di più. Questo perché alcuni Paesi (Italia e Spagna in particolare, Grecia fino al 2014-2015 e Francia più recentemente) non hanno la capacità politica di fare riforme strutturali e cercano di aggiustare tutto con spesa pubblica, sussidi, trasferimenti… finiscono anche di ripagare i paesi più responsabili.

Hanno sbagliato perché hanno perso la loro indipendenza. Hanno finanziato passivamente tutti i tipi di debito pubblico, dal buono al più dannoso”.

– In Spagna ci sono sempre più persone che affermano che siamo entrati nell’euro in modo che le banche centrali smettano di finanziare i deficit dei governi che hanno distrutto il valore delle nostre valute e quello che vediamo è questo: la Banca centrale europea finanzia i deficit dei governi. Cosa ne pensi di questa recensione?

– Quale è corretto? Il meccanismo della responsabilità reciproca non funziona ei paesi “liberi” si moltiplicano. La Spagna è stata un paese modello fino al 2008, dopodiché è entrata a far parte del modello italo-greco con il sostegno francese.

Molti hanno salutato l’emissione del debito di Bruxelles per finanziare il Recovery and Resilience Facility come un “momento hamiltoniano” che avrebbe preannunciato l’unione fiscale europea. La vedi così? Quale dovrebbe essere il prossimo passo?

“chiacchiere!” Un momento hamiltoniano ha richiesto decisioni costituzionali e un ampio sostegno pubblico, nessuno dei quali oggi. C’è semplicemente un “giro gratis” nella speranza che la Germania e altre nazioni responsabili paghino per il cioccolato di tutti. Il passo successivo dovrebbe essere il ritorno alla responsabilità finanziaria. In mancanza di ciò, non è possibile alcuna unità fiscale europea.

– L’economista Luis Garricano ha pubblicato un articolo in cui spiega che il mercato ha cambiato la sua visione del debito europeo, che prima era simile al debito olandese e ora assomiglia più al debito spagnolo. Cos’è questo?

– Per quello che ho detto prima. Gli investitori sanno bene che la “corsa gratis” al buffet di cioccolata della BCE per tutti trasforma tutti i paesi europei in una penisola mediterranea e non viceversa.

– Ci sono economisti che affermano che la Banca Centrale Europea, assumendo norme sul cambiamento climatico, perde la sua indipendenza ed efficacia nel raggiungere il suo obiettivo principale, che è la politica monetaria. Come risponde a questa opinione?

Le politiche di gestione del cambiamento climatico passano attraverso investimenti nazionali, tasse sull’anidride carbonica e, soprattutto, cambiamento tecnologico e ritorno al nucleare.

Siamo nel contesto macroeconomico più complesso dagli anni ’70?

– Probabilmente sì, soprattutto perché a causa delle crisi politiche di cui ho parlato all’inizio, la situazione globale non è buona e le tensioni geopolitiche complicano la gestione delle crisi economiche nazionali.

READ  La produttività in Spagna è inferiore di circa il 20% rispetto alla media comunitaria

– In che condizioni è l’economia italiana?

Molto simile all’amministrazione spagnola, solo un po’ peggiore perché abbiamo una pubblica amministrazione peggiore, un mercato del lavoro più duplicativo e una minore capacità di fare riforme. Anni fa, quando hai trascorso molto tempo in Spagna, hai scritto che corri il rischio di essere un’altra Italia. Sta accadendo e l’Italia prosegue sulla strada luminosa dell’Argentina, nostra sintesi politica e culturale.

C’è spazio per ridurre la spesa pubblica. Bisogna guardare dove sempre: pensioni, trasferimenti, sussidi»

Qual è la politica fiscale che dovrebbe essere sviluppata in queste circostanze?

– Fermare i trasferimenti, le pensioni in particolare, e mantenere costante la spesa pubblica, che fa crescere il Pil. Ciò richiede di liberare risorse dalla spesa sanitaria verso investimenti. Non aumentare le tasse e quando la spesa si ferma, abbassale. Ma senza riforme strutturali (scuola e università, ricerca e sviluppo, politica della concorrenza) non cambieremo rotta. I problemi di crescita non si risolvono con più spesa e più debito.

– C’è spazio per tagliare la spesa pubblica? E per renderlo più efficiente?

«Sì, c’è, bisogna sempre guardare dove: pensioni, trasferimenti, benefit.

C’è una storia che circola in Italia secondo cui il paese non se la cava bene con l’euro. È ancora valido?

– Sì, molti italiani la pensano ancora così. Si sbagliano. L’euro ha dato loro due decenni di sopravvivenza, che non hanno usato per cambiare politica economica.

Si dice che la definizione del quadro energetico europeo non sia più credibile dopo la guerra in Ucraina. sei d’accordo o no?

-Dipende da. Abbiamo risolto bene e rapidamente il problema del petrolio e del gas della Russia, confermando che le elezioni degli ultimi 20 anni sono state sbagliate e dannose. Il nucleare va ripreso con coraggio. Senza nucleare non c’è transizione, ma suicidio economico e sociale.

Perché il segnale del prezzo dell’energia non genera più investimenti nell’esplorazione energetica?

– Perché gli incentivi politici e finanziari distorcono gli investimenti: se solo fosse possibile investire nelle fonti energetiche rinnovabili, tutti cercherebbero sostegno e nessuno oserebbe guardare alle diverse fonti energetiche.

– In Spagna, le forze sostengono che il modello economico è cambiato e questo spiega alcune discrepanze tra le statistiche e l’ottimismo ufficiale. Pensi che sia possibile?

Le statistiche sono statistiche: misurano ciò che chiedi loro di misurare. Se qualcuno crede che ci sia un valore aggiunto o un’altra ricchezza che non misuriamo, dica dov’è e misuriamola. I “modelli economici” non esistono, sono strutture artificiali che servono ad organizzare il pensiero e la discussione.