Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’OCSE ha approvato una tabella di marcia per raggiungere il Brasile e il Perù, ma non l’Argentina

Il segretario generale dell’OCSE Matthias Kormann parla con il segretario di Stato americano Anthony Blinken Patrick Siemansky/Paul tramite Reuters

Segretario generale dell’Organizzazione australiana per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) Mattia Kormann, E ha annunciato in una conferenza stampa a Parigi, sede dell’organizzazione, “l’adozione ufficiale della road map per l’adesione di Brasile, Bulgaria, Croazia, Perù e Romania”.

Diamo un caloroso benvenuto a questi paesi all’inizio di un processo positivo e trasformativo. “Siamo in conversazioni positive con l’Argentina sui prossimi passi nel processo di adesione”, ha detto Corman, senza approfondire.

Alla domanda sul motivo per cui non ha inserito la “road map” argentina, nonostante i “colloqui positivi”, Corman ha risposto che c’erano ancora “alcune questioni da risolvere”, ma ha sottolineato ancora una volta lo “spirito positivo e costruttivo” della discussione.

L’annuncio è arrivato a conclusione della riunione annuale dei ministri dell’organizzazione che comprende le maggiori economie mondiali con democrazie, compresi gli Stati Uniti e il resto dei paesi del Gruppo dei Sette.

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ha annunciato a gennaio l’avvio dei colloqui con i sei paesi citati, in vista dell’ottenimento della sua futura adesione, che attualmente conta 38 membri, un processo che normalmente richiede alcuni anni.

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro parla con il ministro dell'Economia brasiliano Paulo Guedes durante una conferenza stampa al Palazzo Planalto di Brasilia, Brasile, 6 giugno 2022. REUTERS/Adriano Machado
Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro parla con il ministro dell’Economia brasiliano Paulo Guedes durante una conferenza stampa al Palazzo Planalto di Brasilia, Brasile, 6 giugno 2022. REUTERS/Adriano Machado

Il passo successivo è stato concordare una tabella di marcia che delinei le modalità e le condizioni per l’accesso all’organizzazione, che esaminerebbe aree come il commercio, gli investimenti, la lotta alla corruzione e il cambiamento climatico.

Quattro paesi dell’America Latina – Cile, Costa Rica, Colombia e Messico – sono già membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, fondata nel 1961. I 38 membri rappresentano circa l’80% del commercio e degli investimenti globali.

READ  Viaggi in Europa, Stati Uniti e Brasile: quali vaccinazioni sono richieste agli argentini per entrare in ogni paese

Il rapporto consultivo dell’Argentina con l’OCSE ha circa 40 anni, ma si è approfondito a partire dal 1995, sotto il governo di Carlos Menin, Quando il paese è diventato membro di 6 dei suoi comitati. Durante i governi Kirchner, altri 3 sono stati fusi e sotto l’amministrazione di Macri altri 15 sono stati aggiunti e nel 2016 è iniziato il processo di incorporazione, che nel 2019 ha ricevuto il sostegno del governo Donald Trump.

Soddisfazione del governo brasiliano

L’annuncio delle “road map” di venerdì è stato ben accolto dal governo brasiliano, il cui ministro dell’Economia, il liberale Paulo Guedes, si aspettava che l’inizio delle discussioni fosse un “riconoscimento” che il Brasile è un “grande Paese”. La “tabella di marcia” è approvata a meno di 4 mesi dalle elezioni presidenziali brasiliane, in cui l’incumbent, Jair Bolsonaro, cercherà un secondo mandato, contro Luis Inacio “Lula” da Silva, che cercherà il suo terzo mandato, dopo il quale ha tenuto tra gli anni 2002 e 2010.

La Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH) e le sue organizzazioni in Brasile – Justiça Global e Movimento Nacional de Direitos Humanas – hanno accolto con favore la decisione dell’OCSE. Ha il potenziale per spingere il Brasile ad adottare cambiamenti positivi nelle sue politiche ambientali e sui diritti umani.

Lo scorso gennaio, il presidente peruviano Pedro Castillo ha dichiarato il suo “impegno nei confronti dei valori dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico a beneficio del suo popolo”.

La delegazione peruviana del Perù festeggia "carta stradale" Dall'accesso all'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico
La delegazione peruviana celebra la “road map” verso l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico

Da dove viene

IlL’OCSE è il successore dell’Organizzazione europea per la cooperazione economica (OECE), creata nel 1949 per contribuire all’attuazione del Piano MarshallIl programma di assistenza economica attraverso il quale gli Stati Uniti hanno cercato di accelerare la ricostruzione europea nell’era del secondo dopoguerra. L’OCSE è stato creato nel 1961 da Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti di America, a cui in breve tempo si aggiunse l’Italia a formare gli originari venti.

READ  Mattarella invoca la “dignidad” de Italia para afrontar su secondo mandato come jefe del Estado | Internazionale

La maggior parte di questi paesi a quel tempo erano più poveri dell’ArgentinaAnche la Finlandia è stata nel 1969 l’anno della sua adesione. In precedenza si era unito al Giappone (1964), poi all’Australia (1971) e alla Nuova Zelanda (1973). Poi, per più di 20 anni, il club non ha accettato nuovi membri. Si riaprono le porte per il Messico (1994) e il processo è accelerato: Repubblica Ceca (1995), Corea del Sud, Ungheria e Polonia (1996), Slovacchia (2000), Cile, Slovenia, Estonia e Israele (2010, Lettonia (2016)) ) e Lituania (2018). ).

Gli ultimi due paesi ad ottenere l’adesione all’organizzazione sono l’America Latina: Colombia, nel 2020, e Costa Rica, l’anno scorso.

Continuare a leggere: