Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tra Pinochet e la nuova costituzione | Quello che è stato selezionato domenica al secondo turno in Cile

da Santiago

Domenica i cileni dovranno eleggere il loro nuovo presidente al secondo turno, ognuno con un progetto di governo e una visione del paese molto diversi, in quella che è considerata l’elezione più polarizzante – e incerta – dal ritorno del referendum del 1988 in cui alle urne sconfisse la dittatura di Pinochet.

Da una parte Gabriel Borek, rappresentante della nuova sinistra È emerso dopo le grandi proteste studentesche del 2011. In alleanza con il Partito Comunista sotto il Dignity Consent Caucus, incarna le aspettative più orizzontali del Cile, con accesso garantito a salute, alloggio e istruzione, un budget più ampio per la cultura, un cambiamento nel modello pensionistico e una tassazione su larga scala. Promozione della ricchezza e della scienza ed energie rinnovabili in campo estrattivo. Qualsiasi governo in sintonia con il processo di fondazione in corso, che ho contribuito a concludere con l’Accordo di pace nel novembre 2019 dopo un mese di intense esplosioni sociali nel paese, e dove, un anno dopo, Quasi l’ottanta per cento dei cileni ha votato per seppellire la costituzione del 1980, la costituzione della dittatura.

Da un lato, José Antonio Caste, dall’altro, incarna un altro mondo sotterraneo con molto carisma in Cile: il conservatorismo e la nostalgia per l’ordine e l’ordine che, in teoria, esistevano nel paese. Onestamente, la sua prima apparizione pubblica è stata mentre era al college, Nella propaganda del “sì”, la scelta che Pinochet voleva restare al potere al referendum E che ha lasciato l’UDI – il partito di Jaime Guzmán, il teorico della dittatura e assassinato nel 1991 – perché non era troppo di destra, il fondatore del Partito Repubblicano. E nonostante abbia cercato di separarsi dalla personalità del dittatore, avvicinandosi al mondo evangelico (la sua alleanza si chiama Fronte Sociale Cristiano), il candidato ha pubblicamente riconosciuto la sua simpatia per il dittatore nel corso della sua prima campagna elettorale nel 2017. ha ricevuto quasi l’otto percento dei voti (“Se fossi vivo, voterei per me”). D’altra parte, il suo programma è principalmente impegnato a ridurre lo stato, tagliare le tasse sulle grandi società, scavare trincee per prevenire l’immigrazione illegale e dispiegare maggiori forze di sicurezza in Araucanía.

READ  La "Guida Suprema" dei talebani appare pubblicamente per la prima volta in cinque anni

Per questo motivo non dovrebbe sorprendere il sostegno del partito al governo a quest’ultima proposta, compresi funzionari del governo di Sebastian Pinera come il segretario alla Sanità Paola Daza che ha chiesto alcune settimane “gratuite” per supportare Kast nel suo tour in Cile che si è rivelata, ad una svolta, inaspettata, dalla promessa di chiudere il Ministero delle Donne all’apertura alle donne leader.

D’altra parte, Borek ha rapidamente aggiunto il sostegno della gloriosa Concertación de Partidos por la Democracia, che ha governato il paese da un ritorno alla democrazia fino al 2010, quando Pinera ha vinto per la prima volta: dagli ex presidenti Ricardo Lagos e Michelle Bachelet a la maggior parte dei Democratici Cristiani, dei Socialisti e del Partito Radicale, con la loro grande “assunzione” come responsabile della campagna per il presidente della scuola di medicina Izkia Siches, sono una delle voci più forti – e critiche a Piñera – durante la pandemia la cui combinazione di carisma e il rigore scientifico li ha resi così Nominato dalla rivista Time come uno dei 100 leader per il futuro con un testo di Bachelet.

sorprese

Sebbene in pratica Tutti i sondaggi danno a Borek il vincitore Con un range da due a tredici punti (la proiezione che si fa in diversi sondaggi privati, che non possono essere pubblicati a causa della legge che vieta la pubblicazione dei sondaggi a partire da quindici giorni prima delle elezioni), Caste è favorevole alla prima maggioranza al primo turno (27,91%). Marco Enriquez -Ominami alla sua quarta avventura presidenziale.

La sorpresa più grande è stata l’economista Franco Baresi, terzo con il 12,81 per cento dei voti (900.000 persone), che in Cile non ha mai messo piede a causa del radicamento per non aver pagato la pensione familiare. Baresi, che appartiene a quell’onda libertaria che disprezza i politici tradizionali, si è fatto piacere al punto da invitare entrambi i candidati al suo show online “Bad Boys”. Condividi Kast e fatti regalare un guanto bianco inaspettato. Qualcosa ha attivato gli allarmi nella squadra di Borek, che inizialmente ha accettato di partecipare. Il bizzarro viaggio di Caste negli Stati Uniti, due giorni dopo il primo turno, ha destato sospetti. secondo Il servizio di La Red TV è andato a incontrare Baresi, anche se ha confermato ufficialmente che c’è stato solo un incontro con il repubblicano Marco Rubio, e poi ha aggiunto, di sfuggita, con i titolari delle AFP (gestori di fondi pensione) che controllano i soldi che i cileni devono pagare per la loro pensione e che investire privatamente. senza partecipazione agli utili. Alla fine Borek, in un gesto verso le donne che lo hanno votato, si è rifiutato di andare. Parisi dedicò tutto il suo spettacolo a “distruggere” il suo programma economico.

READ  Jose Maria Aznar ha deriso la richiesta di perdono per i crimini di Conquista del Papa e Andres Manuel Lopez Obrador | "E come ti chiami?"

Ma il vero eroe di questo secondo round sono state le fake news. Secondo il membro del Congresso Gonzalo Winter, membro della leadership di Gabriel Borek, questa è la prima volta che un candidato lo usa “professionalmente” nella storia cilena. Nello stile di Bolsonaro o Donald Trump, usa il comando di fotomontaggio di Kast come Borek in mezzo ai disordini, quando infatti era uscito per aiutare con il diluvio. O che nel bel mezzo del dibattito televisivo, è stato trattato come un “offensivo” quando la stessa vittima ha parlato di “atteggiamenti virili” nei suoi primi anni come leader studentesco. O l’abuso di droghe è stato insinuato, costringendo Borek a testimoniare di non aver assunto droghe, il che non era abbastanza per Caste, e lo ha invitato per un test dei capelli. “Le bugie del Partito Repubblicano sono i campioni delle elezioni presidenziali e abbiamo la responsabilità che ogni volta che dicono con simpatia qualcosa che non è vero, dobbiamo segnalarlo.Winter ha detto in un’intervista radiofonica.

L’ultima chicca: Sebastian Izquierdo, giovane travagliato ma leader della versione cilena dell’alt-right, ha realizzato un video in cui Ha pubblicamente invitato gli agenti del tavolo a “barare” affinché Kast vincesse, sebbene indichi in modo confuso come farlo. El Serville, Distretto elettorale cileno Già annunciato un reclamo.

Il futuro del Cile

Conclusa la campagna lo scorso giovedì, poche ore dopo la morte di Lucia Herriart de Pinochet è stata annunciata – per molti cileni che la ricordano nelle sue apparizioni pubbliche e sui media, più autoritaria ed estrema del marito, Borek ha osservato che la propaganda di Caste era “attribuibile” al “sì” mentre Pinochet cercava di vincere il voto cileno. Ed è vero: con le lunghe testimonianze di persone che sono state derubate o hanno subito una violazione dell’immigrazione, diamo la colpa a tutto alla sinistra (e al Partito Comunista, che in Cile era democratico, capace di governare al fianco di Bachelet nel suo secondo mandato e grande trazione nei regni popolari) e mostrano Cile perfettamente esportato e persone umili ma felici.

READ  Joe Biden dice che vuole condurre la vaccinazione in ...

E sebbene alcuni analisti dicano che Kast non è né Pinochet, né un “facho” ma solo un cattolico conservatore, la sua candidatura ha fatto rivivere il passato più oscuro del Cile, anche se cerca di parlare sempre del futuro.

All’età di trentacinque anni, Borek, che riuscì ad aggiustare il suo aspetto e il suo linguaggio, cercando di convincere gli adulti che non era più il giovanotto con i fianchi rasati e le camicie punk dalla linea dura (come ogni giovane della sua generazione), era trasparente nell’ammettere gli errori e diceva nelle discussioni che la sua forza stava nell’ascoltare e nel costruire alleanze e nel guardarsi di nuovo in faccia. Siamo una generazione che impara da chi è venuta prima e si unisce per sconfiggere la dittatura. Ci uniamo per democratizzare il Cile, ci uniamo per una nuova costituzione e ora ci uniremo per sconfiggere l’erede di questo governo e Pinochet”.