Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Javier Milley ha condannato l’uccisione di Lior Redif da parte di Hamas: “Questi attacchi non rimarranno impuniti”

Javier Milley ha condannato l’uccisione di Lior Redif da parte di Hamas: “Questi attacchi non rimarranno impuniti”

Consigliera Diana Mondino (Adrienne Alexander)

Javier Maile martedì ha condannato duramente l’omicidio Lior RudaevIl cittadino argentino rapito in precedenza agitazioneHanno chiesto il rilascio immediato e incondizionato di tutti i cittadini ancora nelle mani del gruppo terroristico.

Attraverso un comunicato diffuso dalla Presidenza, il Presidente nazionale ha inviato “le sue condoglianze alla famiglia e agli amici di Lior Rodev, il cittadino argentino ucciso dall’organizzazione terroristica Hamas”.

“Il governo nazionale sottolinea il coraggio, l’audacia e l’onore di Lior, che era responsabile della sicurezza della sua comunità ed è morto difendendo la sua famiglia il 7 ottobre. Ha aggiunto: “Fino ad oggi Hamas ha rapito il suo corpo e ha impedito alla sua famiglia di dire addio ai suoi resti”.

Inoltre, il Capo dello Stato ha sottolineato che “è deplorevole che l’attacco sistematico e deliberato dei governi precedenti alle nostre gloriose Forze Armate abbia lasciato gli argentini impotenti di fronte agli attacchi del terrorismo internazionale”.

Presidente Javier Miley (EFE)

Ha aggiunto: “Una delle maggiori priorità di questo governo è rafforzare le forze armate affinché tutti gli argentini possano camminare sicuri per il mondo, sapendo di avere l’appoggio assoluto di questo governo”.

Ha infine sottolineato che “questi attacchi non rimarranno impuniti, come è avvenuto con le precedenti amministrazioni”. “Continueremo a chiedere il rilascio di tutti gli ostaggi ancora detenuti dall’organizzazione terroristica Hamas, e continueremo a lavorare affinché il mondo sappia che ogni volta che un argentino fa il giro del mondo, questa amministrazione cammina al suo fianco”.

Da parte sua, il Ministero degli Esteri argentino ha espresso “profondo rammarico per l’uccisione del cittadino argentino Lior Rudaev per mano di Hamas, avvenuta il 7 ottobre scorso e confermata oggi dalle autorità israeliane”.

READ  A che ora ha chiuso giovedì 11 aprile?

L’organizzazione da lui diretta aggiunge: “Il Ministero degli Affari Esteri esprime le sue sincere condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici, e ribadisce la sua categorica e ferma condanna degli atti terroristici compiuti da Hamas, di cui sono diventati il ​​signor Radif e altri suoi cittadini vittime.” Diana Mondino.

Allo stesso modo, le autorità nazionali hanno chiesto ancora una volta “il rilascio urgentissimo e incondizionato degli argentini ancora tenuti in ostaggio dal gruppo terroristico”.

“L’Argentina è impegnata negli sforzi, sostenuti da altri paesi con cittadini nella stessa situazione, per garantire che tutti gli ostaggi vengano immediatamente restituiti alle loro case e alle loro famiglie”, conclude la nota.

Il testo è stato diffuso poco dopo la notizia della morte dell’uomo di 61 anni, andato a vivere in Medio Oriente all’età di 7 anni, e che ha perso la vita durante gli attacchi alla Striscia di Gaza, dove si trova ancora la sua famiglia. resti. Il corpo trattenuto.

Rudev è il 38esimo ostaggio di cui è già stata accertata la morte A Gaza sono detenute 132 persone.

La vittima era sposata con Jaffa e aveva quattro figli da lei (Noam, Nadav, Bar e Ben). Lior è nato in Argentina e si è trasferito in Israele con la sua famiglia all’età di sette anni, stabilendosi in Israele Kibbutz Nir Yitzchak. Redeef ha lavorato come agricoltore e camionista e si è offerto volontario come medico e autista di ambulanze per la sua comunità.

A confermare la triste notizia è stato il cugino dell’uomo, leggendo una lettera arrivata poco prima della sua partecipazione a un evento congressuale, al quale alla fine non era presente: “I suoi occhiali sono stati trovati macchiati di sangue. Lior è morto da 214 giorni. È difficile da capire cosa stanno passando le famiglie delle persone rapite.” Tutti coloro che sono stati rapiti devono tornare a casa adesso, sani, salvi e vivi. Lior non tornerà vivo“, ha commentato Michaela Rudaev.

Hamas ha iniziato i suoi attacchi a Gaza il 7 ottobre (Reuters/Hatem Khaled)

L’evento, organizzato sotto la commissione per i diritti umani della Camera, è proseguito con un servizio fotografico congiunto di parlamentari di quasi tutti gli schieramenti politici con le foto degli ostaggi.

READ  Chi sono i membri e quanto è pericoloso il ramo afghano dello Stato Islamico

Pochi istanti fa abbiamo appreso della morte di Lior Rudaev Uno dei rappresentanti che hanno presieduto la sessione parlamentare ha spiegato: “Per questo motivo inizieremo con un minuto di silenzio”.

I rappresentanti hanno inoltre concordato di firmare un progetto di dichiarazione congiunta affinché la Camera dei Rappresentanti continui a chiedere in ogni sessione la liberazione dei sequestrati.

Hanno partecipato, tra gli altri, i radicali Julio Cobos, Fabio Quitglass e Karina Banfi; Peronisti Leandro Santoro e Santiago Cafiero; Sabrina Agmechet, Hernan Lombardi, Waldo Wolff e Alejandro Finocchiaro Da PRO; Margherita Stolpizer, dal generale; socialista Esteban Bolón; Juliana Santillan e Martin Menem, da La Libertad Avanza; E Massimiliano Ferraro Per la coalizione civile. Era presente anche lui Jorge NoblovitsPresidente della DAIA.

“Ogni settimo di ogni mese è molto difficile, ma questo mese è più difficile degli altri. Ma siamo riusciti a fare una cosa che voglio sottolineare: I parlamentari di diversi partiti politici che non erano quasi mai d’accordo su nulla sono riusciti a scattare questa foto“, ha osservato Sabrina Ajmecht.