Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Olimpiadi di Tokyo 2021: l’ultimo ballo di Federica Pellegrini | Giochi Olimpici 2021

Federica Pellegrini dice che ama essere stanca, e non ci sono soldi per pagare la sofferenza fisica dell’allenamento. Dice che i nuotatori sono masochisti perché lavorano sodo per un anno al massimo per quattro minuti di corsa. Dice anche di essere stata toccata dalla passione e dal fuoco dentro di lei. Quel fuoco, che l’ha resa la regina del nuoto internazionale e della corsa più lunga, è stato spento domenica. Il Tokyo Aquatics Center ha licenziato la 33enne italiana dopo aver nuotato nella sua ultima finale, la staffetta 4×100. Lascia il Giappone senza medaglia ma con le congratulazioni di Michael Phelps, che l’ha vista nuotare seduta sugli spalti: “Quello che ha fatto alla sua età è incredibile”. È la prima e unica nuotata a fare ciò che ha fatto Phelps, nuotando cinque finali alla stessa distanza in cinque diverse Olimpiadi. Lei stessa ha dato il soprannome alle sue ultime 200 persone: “L’ultimo ballo, piccola” [el último baile].

Giovedì scorso all’inizio della sua prova libera 200 [suyo es todavía el récord del mundo: 1m 52,98s], il test che l’ha portata a vincere due medaglie olimpiche, quattro ori mondiali e quattro europei, si è guardata intorno in call room e in panchina e ha visto ragazze di soli 19-24 anni. Madison Wilson era il minimo che portava, l’ultima in finale e sei anni più giovane di lei. Eppure lei sorrideva dentro. Sapeva, perché lo aveva avvertito il giorno prima, che non c’era molto da fare contro gli escrementi della giovinezza, ma si riprometteva di divertirsi. [terminó séptima]. E non piangere. Quest’ultimo non ha funzionato.

maggiori informazioni

“È stato un viaggio meraviglioso, bello e impegnativo. Sono orgoglioso di me stesso, di come sono cresciuto, della donna che sono diventata nel corso degli anni. Ho colpito il mondo (e me stesso molte volte) per così tanto tempo, per tanti anni, lottando sempre fino all’ultimo centimetro in acqua. Sono così felice oggi Sono stati i miei ultimi 200, il tempo che volevo, nelle innumerevoli finali olimpiche. Ho dato la mia vita per questo sport e da questo sport ho preso tutto Volevo e di più. Grazie, grazie a tutte le persone che mi hanno sostenuto in questi anni, e grazie alla mia famiglia (cuore che mi spinge) e grazie alla mia squadra che non si è mai arresa”, ha scritto su Instagram. La nuova stella del nuoto Ariarn Titmus, che ha vinto l’oro nei 200 con il record olimpico, aveva appena quattro anni quando Pellegrini ha giocato la sua prima finale olimpica.

READ  Fritz sta ancora cavalcando l'onda. Sul doppio decideranno Stati Uniti e Italia

divine, si incontrano in Italia; È una Fede per tutti. Perché è entrata nelle case di tutti da adolescente dalla faccia tonda ai Giochi Olimpici di Atene. Perché da quel momento non importava a che ora nuotava e dove si trovava nel mondo, l’allarme italiano veniva dato a qualsiasi ora a causa di “niente vid”. E tutti sapevano che se i primi cento passavano il quarto o il quinto, allora non sarebbe successo nulla, perché dall’ultimo giro il primo cappello che appariva nell’acqua era per lui. Ha iniziato a tornare e nessuno è riuscito a raggiungerla.

In Italia la pressione è insopportabile.

Aveva 16 anni quando ha vinto la sua prima medaglia olimpica, un argento, nei 200 metri stile libero ad Atene 2004. È salita sul podio con una corona d’alloro e il viso innocente e ingenuo di una ragazza che non aveva ancora iniziato a colpire il mondo. E ancora non sa quanto gli chiederanno da allora. Così abituato a tutti che il terzo o il quarto posto è stato considerato un fallimento. Le responsabilità sono diventate pesanti. Lo disse nel 2015 in un’intervista a questo giornale: “Non lo vivo bene, ma ci si abitua e la pressione, sapere che vale solo la pena vincere e che dal secondo posto in giù è come perdere. I hai sofferto abbastanza in Italia. La pressione è insopportabile, non ti danno neanche mezzo secondo, fallisci una gara per la quale non ti eri preparato e non ti danno tregua. Negli USA Phelps ha 40 anni e non dicono niente”.

Ha anche raccontato i suoi problemi di bulimia, quanto poco ammirasse il suo fisico da adolescente e gli attacchi di panico che soffriva in piscina ogni volta che doveva nuotare i 400 liberi. La distanza a cui alla fine ha rinunciato. Ha raccontato come tutto sia diventato difficile dopo la morte di Alberto Castanetti, l’allenatore che l’ha allenata, che è stato al suo fianco, che ha sempre saputo di cosa aveva bisogno Fede e come prenderla. Il vuoto che ha lasciato non è mai più stato colmato.

READ  Il Ministro degli Affari Esteri prima di denunciare le molestie sul lavoro all'Ambasciata italiana

Pellegrini ha iniziato a nuotare quando aveva cinque anni e l’ha lasciato solo per 12 mesi con sette. Ha deciso di provare qualcosa di diverso e si è iscritto alla ginnastica artistica. Non era lei. Da allora, non è più uscito dallo stagno. Alle 5.30 era già in acqua; Tre giorni alla settimana si allenava prima di andare a scuola. Sua madre si è svegliata alle cinque per prepararle la colazione e lasciarla dormire per altri 10 minuti. Cibo in macchina: spaghetti in un mocassino mentre papà andava a prenderli dopo la scuola per portarli in piscina per le sessioni pomeridiane. E da lì a quell’argento di Atena. Da qui l’oro di Pechino 2008. Da qui la quinta delusione di Londra 2012. “Sono arrivato al punto di non ritorno, tutto quello che ho fatto in allenamento non mi dava risposte nelle gare. Il mio corpo era così abituato ad allenarsi che non rispondeva più. Mi sono fermato. E mi sono fermato”. La disoccupazione. Per un anno, si è allenato solo una volta al giorno e ha nuotato solo nella sua schiena.

A Rio 2016 è stata la portaerei della brigata. Entrò in finale con il terzo miglior punteggio, ma finì quarto. E pensa a smettere di fumare. Il fuoco che lo spostava verso l’interno non lo permetteva. Lei, come Ian Thorpe in passato, è come Michael Phelps. Tanta adrenalina per lo sport e tanto hook che generi. In questo ciclo olimpico, ha vinto la medaglia d’oro mondiale (2019) battendo Titmus e Sjoestroem e nuotando il suo miglior tempo in un costume da bagno in tessuto (1m 54,14). Due anni prima, ai Mondiali 2017, ha posto fine al dominio di Ledecky e ha vinto un altro oro mondiale.

READ  Manchester City e Paris Saint-Germain si presentano in una giornata di Champions League ad alto impegno: palinsesti e TV per tutte le partite

La pandemia ha portato al rinvio dei Giochi di un anno. Ha capito ma ha sempre ripetuto che altri 12 mesi di nuoto alla sua età erano un mondo. E il mondo del nuoto, da oggi, sarà un po’ più basso divine Peccato vid.

Iscriviti qui Alla newsletter dei Giochi di Tokyo