Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“È una pietra nella scarpa media”: Fernando Signorini, in un’intervista a Infobae, difende Michel Leno

Marcelo Michel Leno sarà l’allenatore del Chivas (Immagine: Twitter @betogarciaaspe8)

Fernando Signorini Il mondo non capisce senza convinzioni. La sua carriera educativa va oltre il calcio industriale. Era un preparatore fisico per Diego Armando Maradona Al culmine della sua carriera ha incontrato la copia più timida Lionel Messi. lavoro con Cesar Luis Menotti così come con Carlos Salvador Bilardo. Questo viaggio attraverso mari pieni di talento, raffinatezza e conoscenza non cambia la sua personale definizione del gioco planetario: “Il calcio è un costrutto culturale per le classi popolari”.Ha detto in un’intervista a Infobae Messico.

Oggi fa parte dello staff tecnico di Marcelo Michel Leno, allenatore chivas, che ha conosciuto nel 2007. Signorini ha accompagnato Minotti ai suoi tempi al timone Tecos UAG. Il leader di oggi di gregge Era il nipote del proprietario di Tecos e si offrì volontario come autista personale per magro a Guadalajara. il ciecoCome è noto Signorini, ammette che Marcelo Michel ha catturato la sua attenzione fin dal primo momento.

“Ho immaginato che questo ragazzo avesse la possibilità di frequentare buone scuole. Era molto rispettoso e carismatico. Ma soprattutto, come SocrateHa fatto un milione di domande e sono sempre state legate al calcio. Ha preso Cesare”, ricorda Ligno. Un giorno gli ho chiesto quanti anni avesse. Quando ha risposto che aveva vent’anni, ho detto: “mentimi”. Masticavo una gomma a quell’età”.

Fernando Signorini ha lavorato come allenatore fisico dell'Argentina ai Mondiali 2010 in Sud Africa (Foto: Facebook / Fernando Signorini)
Fernando Signorini ha lavorato come allenatore fisico dell’Argentina ai Mondiali 2010 in Sud Africa (Foto: Facebook / Fernando Signorini)

Dieci anni dopo, Marcelo Michel divenne capo allenatore di cervo merida E non ha esitato a chiamare Signorini che voleva uscire da lui Argentina. “Abbiamo avuto una grande esperienza. Ha iniziato a mostrare le capacità per guidare i gruppi. Ha pagato il prezzo per arrivare sul posto colui il quale Un soprannome che infastidisce molti. Ha pagato il prezzo per avere questa capacità di mettere il verbo nel tempo, senza errori di ortografia. Questo disturba molto la media. Penso che sia una pietra nella scarpa media. Non riusciranno a tirarlo fuori, dovranno soffrire”.

Prima di prendere posto, Leno è stato direttore sportivo del Chivas nel 2012 ed è stato una parte essenziale del Viaggio Johan Cruyff per il Messico. Signorini mette in luce quella capacità di apprendere che ha scoperto tanto tempo fa.

“È un ragazzo che non ha esitato a viaggiare in Europa per incontrarsi Juan Manuel Lillo con Angel Kappa…vicinanza a Minoti. All’età di venticinque anni, quando la maggior parte dei giovani conduceva una vita semplice, ricoprì una posizione a Chivas e chiamò Johan Cruyff. Ho avuto un rapporto stretto con lui e ne sono stato testimone. Possibilmente senza tetto. Non esita a continuare a imparare”.

READ  Gravi incidenti nel ritorno del pubblico ai tribunali

Lontano dai riflettori mondiali che aveva una volta, le sue motivazioni a lavorare a Chivas trovano un punto d’appoggio nel suo corpo di convinzioni. “Quando parlavo con Minotti, gli dicevo sempre: “Il club che guiderà il Messico è il Chivas”. Perché siamo strettamente legati al romanticismo. Mi sembra straordinario che ai Chiva sia vietato l’ingresso agli stranieri perché questo li rende al sicuro dal mandato del sistema, che vuole il privilegio di lavorare”.

Signorini difende la tradizione gregge Indica il valore del successo quando è associato a questa identità.

“Penso che non ci possano essere fan più orgogliosi di Chivas quando ottengono qualcosa perché stanno sostenendo quell’avventura fantasy in competizione con giocatori nati in Messico”.

Signorini ha lavorato per dieci anni come personal fitness trainer per Diego Armando Maradona.  (Foto: Facebook / Fernando Signorini)
Signorini ha lavorato per dieci anni come personal fitness trainer per Diego Armando Maradona. (Foto: Facebook / Fernando Signorini)

Ma avverte anche degli svantaggi e chiede l’intervento della Federazione messicana. “Questo dà un certo vantaggio alle squadre più forti. La federazione calcistica messicana dovrà in qualche modo difendere il calcio messicano impedendo alle squadre di avere più di due stranieri in campo. Quando sono ammessi due stranieri, il Atletico Bilbao Può essere un eroe in Spagna. A Barcellona, ​​ad esempio, c’era solo Diego e Schuster“.

Questa idea opposta è discussa con le sfumature anti-clima con un esempio che Signorini trova rappresentativo. Successivamente furono aperti i confini. un giorno è Inter di Milano Ho giocato con undici alieni. Come hai finito? L’Italia è stata esclusa dal Mondiale. Se la FMF è impegnata per un futuro radioso, dovrà mettere un po’ da parte il lavoro perché il calcio nasce principalmente come costruzione culturale delle classi popolari. Improvvisamente tutto è rovinato perché l’unica cosa che conta oggi è vincere e non importa quali mezzi vengono usati per raggiungere i fini”.

“Si giocano calendari e nessuno protegge il giocatore. C’è molta sensibilità. Se il calcio in Messico non cambia, non credo che il futuro sarà molto luminoso”, apprezza l’attuale contesto nazionale.

Si è recato a Barcellona con l'intenzione di guardare gli allenamenti di Minotti.  Lì ha incontrato Maradona, che gli ha chiesto di essere il suo personal fitness trainer.  (Foto: Facebook / Fernando Signorini)
Si è recato a Barcellona con l’intenzione di guardare gli allenamenti di Minotti. Lì ha incontrato Maradona, che gli ha chiesto di essere il suo personal fitness trainer. (Foto: Facebook / Fernando Signorini)

Messico e Argentina sono certamente paesi simili: problemi comuni e società diseguali. Ma nel calcio c’è una differenza che può portare alla domanda: perché è possibile e non qui? I paesi hanno prodotto quantità variabili di talenti globali. Centinaia di Argentina e Messico sono pochi. Signorini spiega questa differenza in base alle abitudini identitarie.

READ  Vai o rimani? Il futuro di Cardona al Boca

La risposta va cercata nei costumi e nelle culture di ogni popolo. L’argentino potrebbe chiedersi perché non ci sono giocatori di baseball in Argentina. Il calcio in Argentina è un costrutto culturale per le classi popolari. Sebbene fosse portato dagli inglesi, la gente, per quanto modesta, poteva suonarlo. C’erano molti posti, pascoli ovunque. Da lì è nato come fatto culturale e si è tramandato di generazione in generazione”.

Le qualità dei giocatori aztechi non sono in dubbio, ma ci sono fattori che ostacolano la crescita esponenziale del calcio messicano nel suo complesso. “I giocatori messicani hanno tutte le condizioni. Oggi il Messico ha giocatori con qualità formidabili. Dal punto di vista fisico sono talentuosi quanto gli argentini. Un altro fattore che ha influenzato questa situazione è che, a causa della sua vicinanza agli Stati Uniti, è sorta l’influenza di altri tipi di intrattenimento sportivo”.

Ha combinato il suo attivismo calcistico professionale con il suo ruolo di docente.  (Foto: Facebook / Fernando Signorini)
Ha combinato il suo attivismo calcistico professionale con il suo ruolo di docente. (Foto: Facebook / Fernando Signorini)

La natura economica di Campionato MX Può essere, in questo senso, un’arma a doppio taglio. “Forse questo va contro il fatto che i ragazzini fanno tanti soldi in tenera età. Fa perdere loro interesse, fame, occhio di tigre. Che arrivi l’argentino Boca o Il fiume è un punto di transito, non un punto di accesso”.

Ma Signorini, lungi dall’assumere un ruolo indagatore, comprende e rispetta questo concetto. È un modo rispettabile di intendere la professione. Nessuno è obbligato a pretendere ciò che l’altro vuole”.

Citazione di Cesar Luis Menotti Jorge Luis Borges. Signorini cita entrambi. Lo scrittore ha detto che in letteratura dovrebbe esserci un equilibrio tra ordine e avventura. Menotti ha estrapolato questo presupposto al calcio: se tutto va bene il calcio diventa noioso; Se tutto è un’avventura, allora il calcio è un disastro. Per questo, dice Cesar Lewis, Il calcio è ordine e avventura. Equilibrio in poche parole. Tuttavia, Signorini è d’accordo che oggi il sistema sta vincendo con decisione nella battaglia contro l’avventurismo.

“La paura è il più grande argomento per il dominio. Non so perché tutta questa paura. Paura di perdere: perdere il lavoro, perdere opportunità. ” Un giorno perderemo anche le nostre vite. In Argentina c’è stato il caso di ragazzi che si sono suicidati perché non hanno risposto a una chiamata. Nessuno ne parla. I ragazzi non possono essere messi a rischio grazie all’idea che il secondo posto non funziona, e il secondo posto è il primo a perdere”.

Menotti e Signorini hanno lavorato in Italia, Spagna e Messico.  (Foto: Juan Ignacio Roncoroni/EFE)
Menotti e Signorini hanno lavorato in Italia, Spagna e Messico. (Foto: Juan Ignacio Roncoroni/EFE)

Il regime vuole riportarci ai tempi tribali. Gli sport non dovrebbero essere usati per il confronto o per il nazionalismo. Lo sport dovrebbe essere una grande idea per essere felici”.

Signorini ha lavorato con due dei migliori calciatori della storia. Ha tutte le carte in regola per elevare il suo ego nella stratosfera, ma preferisce sminuire la sua professione, che accusa di tirannia calcistica negli ultimi anni.

READ  Kelly Gonzalez parla della rabbia di Emiliano Vecchio: 'È una febbre temporanea'

“Ci sono allenatori che sanno che il problema nel calcio non è correre di più ma correre meglio. Lui non si allena per correre ma per giocare. Stessa cosa José Mourinho Lo dice nel suo libroMourinho: Perché tante vittorie?)Il problema non è più correre ma saper correre per poter giocare. Più sa un allenatore, dice Minotti, meno PF sarà. L’impreparazione dell’allenatore ha dato un posto esagerato al PF, che di preparazione fisica sa, ma sa poco di preparare i calciatori”.

Non esita a mettere in luce i fattori emotivi coinvolti nel calcio come uno sport complesso. “PF nasce per l’atletica, l’atleta prepara i muscoli, ma il sistema cognitivo non è coinvolto. Il calcio è pieno di differenze. Giocare a un gioco normale è diverso da un gioco classico. Giocare per vincere non è come giocare per perdere 3-0. Nel calcio c’è anche una penetrazione culturale e un’affiliazione di cui gli atleti non godono».

Di fronte all’ascesa della tecnologia applicata al calcio, Signorini mantiene qualche riserva e non adora le mode dei tempi. “L’azienda ha fatto la sua parte. I club sono pieni di tecnologia, droni, GPS, neuroscienze, palestre top. Chi sarebbe stato Garrincha, pelleDi Stefano MaradonaPuskas, se hanno questi sviluppi”.

In tempi di calcio robotico, cannibalismo e super competitività, Fernando Signorini è uno strenuo difensore delle origini originali del gioco. Dice che non gli interessa il calcio come industria, ma come strumento di formazione per le nuove generazioni. Con Maradona o con Messi, a Barcellona o Mérida, in cima al mondo come nel 1986 o in tempi difficili come quelli di Chivas, c’è una cosa che rimane immutabilmente chiara: le loro convinzioni.

Continuare a leggere:

Ricardo Pelaez ha approvato Michelle Linio come allenatore del Chivas per il prossimo torneo
La travolgente reazione dei tifosi alla partenza di Checo Pérez in Reforma
Ricardo Pelaez ha rinnovato il contratto con il Chivas a tempo indeterminato