Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La valuta europea entra nell’età adulta

I giornali ribollono di domande da circa 20 anni ormai. La valuta europea è una buona idea? Ci saranno abbastanza soldi negli sportelli automatici il 1 gennaio 2002, quando hanno iniziato a dare euro invece di pesetas, franchi, marchi, lire…? Basterà il periodo di transizione di due mesi per far uscire dalla circolazione le vecchie monete? Ci sarà un’approssimazione? Il conteggio in centesimi ci renderà più duri? O più fuorviante? Sai quanto una peseta di euro?

Ora abbiamo alcune risposte. Il processo di lancio è andato liscio. I soldi non mancavano. Nel giro di poche settimane le monete antiche scomparvero dalla circolazione. Sì, certo, c’era un’approssimazione. Contando in centesimi, lo saltiamo subito. Dopo 20 anni nelle nostre tasche, pochi oggi ricorderanno l’esatto cambio delle loro valute (1 euro = 166.386 pesetas, che è un conto diabolico, non importa quanto abbiamo avuto eurocalcolatrici La Banca di Spagna ha insistito sul fatto che 60 centesimi erano 20 centesimi.) Molti troveranno difficile identificare le loro vecchie monete e banconote, figuriamoci determinarne il valore.


Leggi anche

editoriale

L’euro, quello straniero che ci mettiamo in tasca con innocente curiosità ed estasi, il campione più realistico di cinquant’anni di integrazione continentale, una moneta nata sulle ceneri di due guerre mondiali, la controparte che la Francia ha chiesto per la riunificazione tedesca fa oggi parte dell’identità europea. È significativo, come regalo in occasione del 20° anniversario della sua emissione, che la Banca centrale europea (BCE) abbia lanciato un concorso per condurre la prima profonda riprogettazione delle banconote. Due decenni fa, temendo di ferire i sentimenti e provocare il rifiuto, si decise di decorarlo con ponti e finestre tanto eleganti quanto fantasiose. Ora sta pensando di dipingerli con immagini relative alla “storia, scienza, arte o tecnologia europea”.

“Le nuove banconote potrebbero rafforzare il senso di identificazione con l’euro”, afferma Eric Morris, direttore dell’ufficio di Bruxelles della Fondazione Robert Schumann. “Dopo aver corretto parte dei difetti di costruzione dell’euro, la mancanza di carattere è stata ora corretta, cementando ulteriormente la valuta nell’immaginazione degli europei”. Tra qualche anno vedremo banconote con i volti di Marie Curie, Leonardo da Vinci, Cervantes…? Francoforte non esclude nulla.

Oggi ti servono 139€ per comprare la stessa cosa 20 anni fa a 100€

L’euro è diventato maggiorenne in un’atmosfera di ottimismo estranea all’atmosfera funebre che ha segnato il suo decimo anniversario nel 2012. Le lezioni della crisi del debito dell’eurozona, afflitta da errori politici ed economici che hanno quasi portato al suo crollo nel 2015, hanno aiutato. valuta contro covid. Frequenze ed errori di quel tempo non ripetuti. La Banca centrale europea ha reagito con forza e rapidità al crollo del PIL seguito all’arrivo del virus. Il programma di acquisto di obbligazioni di emergenza e altre misure di stimolo hanno assicurato stabilità.

READ  Economia dell'Eurozona vicina ai livelli pre-pandemia

Se la frase che ha segnato l’inizio della fine della crisi dell’euro è stata la promessa di Mario Draghi, allora presidente della Banca centrale europea, il 26 luglio 2012, che avrebbe fatto “tutto il necessario” ( Qualunque cosa tu prenda, qualunque cosa costi , ha detto l’italiano in linguaggio di mercato) per salvare l’euro, la sua successore, Christine Lagarde, ha voluto essere meno energica nel suo monito ai marittimi all’inizio della pandemia: “Tempi straordinari richiedono misure eccezionali. Non ci sono limiti al nostro impegno all’euro».

La creazione dell’EU Recovery Fund spiega l’ottimismo in questo anniversario

Enfatica è stata anche la reazione degli Stati. Non sono mancate le tensioni politiche che hanno messo a nudo vecchi pregiudizi e messo ancora una volta alla prova la voglia di unirsi del club. Ma per la prima volta nella storia dell’Unione Europea, i governi hanno deciso di emettere debiti congiunti per finanziare il Recovery Fund, il Next Generation Fund dell’Unione Europea, con una somma di 750 miliardi di euro per contrastare lo shock che ha minacciato di trascinare alcuni paesi in bancarotta. . Questa volta la crisi non era europea ma globale, ma i mercati non tendevano ad attaccare i più vulnerabili.

In meno di un anno, le principali economie europee hanno riconquistato il Pil che esisteva prima della pandemia (la Spagna è in ritardo), una cifra record rispetto agli otto anni necessari per superare la crisi del debito. Morris sottolinea: “Con la pandemia, a differenza del 2010 e del 2011, l’euro ha mostrato la sua capacità di resistere agli shock”. “Sono stati i meccanismi messi in atto dopo la crisi finanziaria che hanno permesso questa volta di stabilizzare l’eurozona”.

L’euro è una buona idea? Ci siamo chiesti 20 anni fa. Una volta entrati nell’età adulta, il bilancio degli economisti è positivo, sebbene abbia favorito alcuni paesi più di altri. Un rapporto del Centro per la politica europea (CEP) della Fondazione Ordnungspolitik di Friburgo, pubblicato nel 2019, 20 anni dopo l’ingresso nel mercato dell’euro, ha concluso che Germania e Paesi Bassi sono stati, di gran lunga, i paesi che hanno maggiormente beneficiato del suo inizio. Niente sorprende il resto dopo la crisi del debito.

READ  Economia. La piattaforma spagnola Peoople acquisisce il social network di moda 21 Buttons

Gli spagnoli in media, in media, 5031 euro nel 2019 erano più poveri di quanto non fossero prima dell’euro

Italia e Francia, il Paese che ha faticato di più a creare (l’euro dovrebbe porre fine al predominio del marco), appaiono i più colpiti, con la Spagna al centro della scala (e in miglioramento del proprio equilibrio, come altre analisi poi confermate). Mentre tedeschi e olandesi erano, rispettivamente, 23.116 e 21.003 euro più ricchi nel 2019 rispetto a 20 anni prima, italiani e francesi erano 73.605 e 55.996 euro più poveri. Il reddito medio pro capite degli spagnoli è diminuito di 5.031 euro.

Il rapporto non è stato ben accolto politicamente, ricorda uno dei suoi autori, l’economista Matthias Kollas. La testimonianza della pioggia caduta su di loro è il chiarimento con cui inizia la conversazione telefonica. “La prima cosa che voglio dire è che penso che l’euro sia un grande successo per gli Stati membri della zona euro. È il segnale politico che vogliono integrarsi di più da un punto di vista politico ed economico, il che mi sembra un successo in un mondo in cui devono competere con la Cina, la Russia o gli Stati Uniti, di cui non ci si fida più, il partner è come l’ultima parola”. Afferma che unire le forze attorno a una moneta unica è l’unico modo per influenzare oggi.

Ma insiste che l’euro ha ancora alcuni “problemi ereditari”. “Ci stiamo solo mettendo il dito sopra”. I membri dell’euro hanno abbandonato la volatilità del tasso di cambio, uno strumento che molti usavano in precedenza per garantire la loro competitività contro la Germania o nel mercato globale. “Ci sono altri modi per raggiungere questo obiettivo, come migliorare la competitività o ridurre i salari, ma non è facile passare improvvisamente da uno strumento all’altro”, spiega.

Se c’è un elemento che potrebbe alterare in modo significativo l’equilibrio di questo rapporto, è l’impatto del New Recovery Fund, afferma Colas, aggiungendosi all’ottimismo prevalente sul potenziale impatto di questo strumento innovativo. “Se è ben speso, può aiutare ad aumentare il potenziale di crescita nei paesi in cui è basso e può portare a una convergenza della crescita all’interno della zona euro, che è ciò di cui abbiamo bisogno”, afferma l’economista tedesco. Se il bilancio, quando le sue risorse saranno esaurite nel 2026, sarà positivo, potrebbe essere l’embrione della riserva di bilancio dell’eurozona che Parigi e un gruppo di economisti chiedono da decenni.

READ  Alcuni paesi dovrebbero cessare di esistere?

Gli attuali alti livelli di debito in alcuni paesi, come l’Italia o la Spagna, che sono raddoppiati in 20 anni, sono alcune nuvole scure all’orizzonte per l’euro. Il pericolo è che la Banca Centrale Europea possa essere tenuta in ostaggio dalle politiche di bilancio degli Stati membri e scoprire di non avere una reale capacità di aggiustare la politica monetaria. È ciò che gli economisti chiamano dominio finanziario, che potrebbe essere un problema se l’attuale livello di inflazione persiste e Francoforte è costretta ad alzare i tassi di interesse. A novembre, i prezzi sono aumentati del 4,9% nella zona euro, il tasso più alto dal suo inizio. Questa situazione, legata all’aumento dei prezzi dell’energia e agli squilibri globali legati alla pandemia, potrebbe continuare per molto più tempo del previsto, ammette la Banca centrale europea.

Nessuno dei partiti politici anti-UE oggi ha sostenuto l’abbandono dell’euro

L’attuale ripresa si scontra con la stabilità ei prezzi bassi che hanno definito finora l’esistenza dell’euro, il che, in senso opposto, si traduce nel grafico di accompagnamento dell’evoluzione del potere d’acquisto dell’euro. Oggi hai bisogno di € 139 per comprare quello che era 20 anni fa per 100. “È solo una normale progressione con l’inflazione al di sotto del 2%, niente di cui preoccuparsi”, dice Colas. L’aumento medio annuo dei salari nella zona euro è stato di circa il 2% durante il primo decennio di vita ed è ora intorno all’1,5%.

Oggi l’euro è scambiato in 19 paesi dell’Unione Europea, otto in più rispetto a quando è stato lanciato, una regione geografica di 340 milioni di persone. La sua attuale popolarità ha raggiunto livelli record. Secondo l’ultimo Eurobarometro, il 78% degli europei pensa che sia un bene per l’UE e il 69% pensa che sia un bene per il proprio paese (68% in Spagna). Questo forte sostegno alla moneta unica spiega perché non esiste un partito politico contro la moneta unica. “È significativo che i partiti anti-UE, da Marine Le Pen all’AfD, non chiedano più l’uscita dall’euro”, conclude Morris. “Hanno capito che gli europei si sentono legati alla loro valuta, o almeno ai benefici che porta”.


Partecipa alla discussione

condividere