Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa sta succedendo alla Spagna? Il leader nella caduta dell’economia durante la pandemia e il fondo nella ripresa

BarcellonaIl ministro dell’Economia Nadia Calvino ha annunciato a fine settembre che la ripresa economica sarà “forte”. Pochi giorni fa ha insistito: “Stiamo assistendo ad un’accelerazione della ripresa economica nella seconda parte dell’anno”. Il problema del ministro è che il principale indicatore che misura la crescita dell’economia, il prodotto interno lordo, non si accompagna a questo ottimismo. Il PIL è l’unità globale per misurare la crescita economica e la conclusione è dolorosa: nessun paese dell’UE è caduto tanto quanto la Spagna nel 2020. E la ripresa è lenta: nessun paese dell’UE è così lento, proprio come la Spagna, che non ha recuperato il suo PIL pre-pandemia.

Nello specifico, il PIL della Spagna è inferiore del 6% rispetto al livello di inizio 2020. Dei 27 paesi dell’UE, 18 sono già tornati al livello precedentemente previsto lo scorso settembre. La Francia lo riavrà nell’ultimo trimestre dell’anno. Germania primo trimestre 2022 e Italia secondo trimestre. Secondo la Commissione europea, la Spagna dovrà aspettare fino all’autunno del 2023. Un rapporto del FMI presentato questa settimana ritiene che potrebbe arrivare in anticipo, ma al più tardi alla fine del 2022.

Guardando a questi dati, il ministro Calvino fornisce altri dati, come il livello di occupazione (a novembre il numero di persone registrate come occupate ha riguadagnato il livello di prima della pandemia). O anche la riscossione delle tasse, che già tra gennaio e novembre era superiore di tre punti rispetto al 2019. E allora che succede?

Il grande impatto del turismo

Gli esperti concordano nel sottolineare due cose: in primo luogo, il peso del turismo nell’economia è stato fatale con l’arrivo di una pandemia globale. La Spagna nel 2019 è stato il secondo Paese al mondo per numero di turisti stranieri, dopo solo la Francia. “La questione del turismo ci ha fatto molti danni”, afferma Jose García Montalvo, professore all’UPF. Secondo la bilancia dei pagamenti della Banca di Spagna, lo scorso anno il turismo internazionale ha ridotto di quasi la metà il reddito che lascia il paese. “Questo è un onere importante”, sottolinea Joanne Tugors, professore all’Università di Buffalo. Montalvo ricorda anche che “il 2021 è iniziato molto male”. Dopo le vacanze di Natale “abbiamo avuto un’altra ondata, restrizioni… Tutte le indicazioni sono state catastrofiche. Poi si è ripreso. Ma il turismo ha bisogno di tempo per tornare: sono arrivati, ma non quanto previsto”.

Tuttavia, ci sono paesi come l’Italia dove il peso del turismo è più significativo nel PIL (13% contro l’11,8% della Spagna, secondo l’Ocse) e nell’occupazione (14,7% in Italia e 13,5% in Spagna). Allora perché l’Italia è sul punto di ripristinare il PIL pre-cresciuto mentre la Spagna non lo è?

La risposta non è molto chiara, ma secondo Lugoris un punto importante è che l’Italia, nonostante sia fortemente indebitata, ha un avanzo con l’estero “molto significativo”. «Era uno dei 15 Paesi meno bisognosi di finanziamenti esterni», spiega, che gli ha fornito gli «elementi di competitività» per far fronte alla crisi.

READ  La Spagna rimane la destinazione preferita in Europa

Dubbi sul rigore dell’Istituto Nazionale di Statistica

C’è poi un punto che gli economisti mettono sempre più in discussione con franchezza, ovvero il ruolo dell’Istituto Nazionale di Statistica nella produzione di statistiche come il PIL. «Abbiamo un problema con l’Istituto nazionale di statistica», ribadisce Montalvo. Nella stessa settimana, l’Istituto Nazionale di Statistica ha condotto un’importante revisione della crescita della Spagna nel terzo trimestre, che è passata dal 2% inizialmente dichiarato al 2,6%.

La scossa causata dalla pandemia ha reso qualcosa di più importante le revisioni statistiche (si fanno sempre, ma tendono ad essere irrilevanti). Sorprendentemente, la Spagna fa recensioni così rilevanti. Nessuno dei grandi paesi europei ha avuto differenze come quelle della Spagna quando ha dovuto rivedere il proprio PIL.

A novembre, l’Istituto nazionale di statistica ha riunito diversi esperti per discutere la sua metodologia di elaborazione del PIL (che di fatto è un’indagine e, quindi, una stima). “Conosco molte persone che hanno partecipato all’incontro e non erano convinte”, dice Montalvo.

La Spagna è stata tra i Paesi che hanno fornito meno assistenza diretta a cittadini e imprese, ma i due esperti non sono d’accordo sull’importanza di questo fatto per la sostenibilità dell’economia. Secondo Lugoris, “Più diretto è questo tipo di aiuto, maggiore è il suo effetto moltiplicatore”. Montalvo ritiene invece che si debba guardare alla somma degli aiuti diretti e indiretti (come i crediti ERTE o ICO). “Devi contare tutto insieme; non credo che il fatto che l’aiuto sia diretto abbia un impatto maggiore”, dice.

READ  economico diretto | Aedas sta valutando un acquisto dalla società di costruzioni Navarra ACR Grupo

Cosa accadrà nel 2022?

Il ministero dell’Economia continua a insistere sul fatto che la Spagna crescerà del 6,5% quest’anno, lontano dal 4,5-5% che la maggior parte degli analisti indica ora. I fondi europei avrebbero dovuto contribuire a un punto di crescita nel 2021, ma la verità è che non contribuiranno a nulla. Guardando al 2022, Nadia Calvino insiste – ancora una volta – su quei soldi. Infatti, mentre la maggior parte dei paesi continuerà a fornire tutti i tipi di aiuti per la ripresa, la Spagna scommette su quasi tutto in denaro europeo.

Il tempo dirà se Calvino ha ragione questa volta.