Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Russia insegue l’ultima roccaforte ucraina del Donbass | Quasi l’intera provincia di Luhansk è sotto il controllo del Cremlino

Le forze separatiste sostenute dall’esercito russo hanno affermato di aver circondato “completamente” Lyschansk nell’Ucraina orientale. L’ultima grande città non ancora sotto il suo controllo nella provincia di Lugansk. Un rappresentante dell’esercito separatista di Lugansk ha dichiarato: “Le ultime posizioni strategiche di vertice sono state occupate dalla milizia popolare di Lugansk (l’esercito separatista) e dalle forze armate russe, il che ci consente di dire che la città di Lyschansk è completamente circondata”. Andrey MaruchkoLo riporta l’agenzia di stampa TASS.

trappola chiusa

Allo stesso modo, il presidente della Cecenia che combatte sul campo per Mosca, Ramzan KadyrovHa detto che hanno chiuso tutti gli ingressi e le uscite della città. “La trappola è chiusa, Lisichansk è completamente circondata dalle forze alleate. Vale la pena presumere che presto inizierà un attacco su larga scala alla città. “Il nemico, a sua volta, non ha nessun posto dove andare, poiché tutti gli ingressi e le uscite sono chiusi”, ha scritto sul suo canale Telegram.

Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto dopo minuto

Ma un portavoce della Guardia nazionale ucraina, Ruslan MuzychukHa sottolineato che “i combattimenti sono intensi” nella città, ma “non è circondata ed è sotto il controllo dell’esercito ucraino”.

città gemella LyschanskE il SeverodoneckSeparato dal fiume Donets, è caduto in mano ai russi la scorsa settimana dopo che le forze ucraine si sono ritirate dopo settimane di combattimenti. La cattura di Lysichansk consentirebbe ai russi di avanzare verso Slovjansk S Kramatorskaltre due città collegate della regione industriale del Donbass.

missili

A Sloviansk, a circa 60 chilometri a ovest, un missile ha colpito diverse case, uccidendo una donna nel suo giardino e ferendo il marito. Pavlo Kirilenko, Lo ha detto il governatore di Donetsk, l’altra provincia che compone la regione del Donbass Quattro civili sono stati uccisi e 12 feriti da venerdì mattina in quella regione.

READ  Gli analisti si aspettano un impatto negativo e un aumento dei dollari gratuiti

D’altra parte, le autorità ucraine hanno confermato oggi di aver ripreso il controllo della strategia L’isola dei serpenti, situata nel Mar Nero e conquistata dalla Russia fino a tempi recenti. Amministrazione Militare Regionale di Odessa Hanno riferito di aver ripulito l’isola dall’equipaggiamento e dalle armi lasciate dalle forze russe nella loro ritirata, tra cui un lanciarazzi di tipo Grad, un sistema missilistico Pantsir-S1 e cannoni antiaerei, tre veicoli corazzati e un carro, un’autocisterna e un magazzino con altre attrezzature.

Il Cremlino aveva annunciato due giorni fa il suo ritiro dall’area di fronte alla città di Odessa come gesto di “buona volontà”, ma le forze armate ucraine hanno affermato che l’esercito è fuggito su due barche dopo attacchi di artiglieria e missili pesanti. vicino alla città Sergevka, dove ieri almeno 21 persone sono state uccise e dozzine ferite in un attacco missilistico Che, secondo le autorità ucraine, ha colpito un condominio e un centro ricreativo.

La denuncia di Zelensky

“Sottolineo che questo è un atto deliberato e deliberato del terrorismo russo, e non un errore o un attacco missilistico accidentale”, ha affermato il presidente ucraino. Volodymyr Zelensky. “Tre missili sono caduti su un condominio di nove piani in cui nessuno nascondeva armi o equipaggiamento militare”, ha aggiunto.

La Russia ha negato la responsabilità di questa azione, sottolineando che il suo esercito non spara contro le strutture civili. “Le forze armate russe non prendono di mira oggetti e infrastrutture civili Nel contesto della propria operazione militare, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che stanno prendendo di mira depositi di munizioni, società impegnate nel condizionamento, riparazione e deposito di attrezzature e munizioni belliche, luoghi di concentrazione, addestramento e addestramento di mercenari. .

READ  Cruda previsione di Vladimir Putin data dall'ex consigliere economico di Russia e Ucraina

A sua volta, il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver distrutto due depositi di munizioni vicino alla città di Mykolaivoltre ad un posto di comando nell’omonima regione.

La denuncia di Lukashenko

D’altra parte, il Presidente della Repubblica di Bielorussia ha affermato: Aleksandr Lukashenkolo confermo Il suo esercito ha intercettato i missili lanciati dall’Ucraina, In pieno svolgimento di versioni sulla crescente partecipazione del suo paese, alleato della Russia, alla guerra.

“Ci provocano. Devo dire che circa tre giorni fa, forse di più, hanno cercato di bombardare obiettivi militari in Bielorussia dall’Ucraina. Grazie a Dio, tutti i missili lanciati dalle forze ucraine sono stati intercettati dai sistemi antiaerei Pantsir”, ha detto Lukashenko ed è stato citato dall’agenzia statale bielorussa Belta come detto.

“Ripeto come ho detto più di un anno fa: non abbiamo intenzione di combattere in Ucraina”, ha detto. Inoltre, il presidente ha affermato di ritenere che l’Unione Europea (UE) e l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) siano interessate alla continuazione delle ostilità in Ucraina, e quindi stanno cercando di provocare sia la Bielorussia che la Russia.

Una settimana fa, l’Ucraina ha condannato il lancio di diversi missili russi atterrati nel nord del suo territorio dalla Bielorussia e ha accusato direttamente il Cremlino di voler “essere attratto dalla guerra”, alleato diplomatico di Mosca.

guerriero

“Il bombardamento di oggi è direttamente correlato Gli sforzi del Cremlino per coinvolgere la Bielorussia nella guerra in Ucraina come parte combattenteLo ha detto sabato scorso su Telegram la direzione generale dei servizi di intelligence ucraini del ministero della Difesa.

READ  La difficile situazione dei sopravvissuti cinesi "dimenticati" del Titanic

Lo stesso giorno, il presidente russo, Il presidente russo Vladimir Putin, Pietroburgo con Lukashenko, dopo di che ha annunciato che il suo Paese avrebbe ceduto la Bielorussia “nei prossimi mesi” Missili Iskander-MCapace di trasportare testate nucleari.

Dall’inizio dell’attacco del Cremlino all’Ucraina il 24 febbraio, la Bielorussia ha servito come base posteriore per le forze russe.

L’ingresso nell’Unione Europea

Nel frattempo, il ministro degli Esteri ucraino ha detto: Dmitro Kolebaha dichiarato su Twitter di aver parlato con il capo della diplomazia dell’Unione europea, Giuseppe BorrelE che le due parti erano d’accordo sulla “necessità di un settimo pacchetto di sanzioni contro la Russia”. Kuleba ha rivelato che in quella conversazione sono stati discussi i “passi da seguire” per l’ingresso dell’Ucraina nel blocco.

Il 23 giugno, i leader europei hanno concordato in un vertice dell’UE di concedere all’Ucraina lo status di candidato per entrare a far parte del blocco dell’UE in tempi record. Lo status di paese candidato è il primo passo nel processo di adesioneche richiede il rispetto di determinate condizioni e può durare per più di un decennio.