Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Australia si è ritirata dalla “Nuova Via della Seta” sponsorizzata dalla Cina, tra le ire di Pechino

Il primo ministro australiano Scott Morrison (EFE / EPA / JOEL CARRETT)

Governo australiano Mercoledì si è opposto a due accordi tra la Cina e la regione del Victoria nell’ambito della Belt and Road Initiative (BRI). A causa delle “contraddizioni” con la politica estera del Paese periferico, giovedì poi Pechino ha chiesto di fare marcia indietro e ha minacciato di rispondere “duramente”.

Secondo il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin, citando i giornali locali, la decisione di Canberra è un “passo indietro” che peggiorerà ulteriormente il deterioramento delle relazioni tra i due Paesi. “È una nuova affermazione che l’Australia non abbia onestà al momento di sviluppare relazioni bilaterali (con la Cina) “., Egli ha detto.

Per la prima volta, il governo australiano ha esercitato poteri di veto sugli accordi tra le giurisdizioni del paese e gli stati stranieri, sostenendo di difendere l’interesse nazionale e La firma di questi accordi per creare la “Nuova Via della Seta” implica “contraddizioni” con la politica estera stabilita da Canberra.

Gli accordi coinvolti sono Protocolli d’intesa firmati nel 2018 e nel 2019 Sebbene, secondo la stampa australiana, le autorità regionali del Victoria non siano obbligate ad attuare progetti specifici e non siano legalmente vincolanti.

tuttavia, La Cina ha presentato “denunce ufficiali e risolute” alle autorità australiane, chiedendo loro di revocare la loro decisione, affermando che gli accordi tra Pechino e lo stato insulare sono vantaggiosi per entrambe le parti.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Weinpin durante una conferenza stampa a Pechino, Cina, il 14 dicembre 2020 (Reuters / Thomas Peter)
Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Weinpin durante una conferenza stampa a Pechino, Cina, il 14 dicembre 2020 (Reuters / Thomas Peter)

La Belt and Road Initiative, conosciuta come la “Nuova Via della Seta”, è stata inaugurata nel 2013 per ordine del presidente cinese Xi Jinping, e cerca di migliorare i collegamenti commerciali tra Asia, Europa, Africa e altre regioni attraverso la costruzione di porti, strade e ferrovie. E aeroporti e aree industriali. I progetti sono finanziati con investimenti cinesi o milioni di dollari in prestiti. Molti paesi occidentali e rivali regionali della Cina hanno visto l’iniziativa con sospetto, vedendola nell’interesse di Pechino ad aumentare la sua influenza politica ed economica.un.

READ  Mashiko ha 121 anni ed è vaccinata contro il Coronavirus

Governo Federale Australiano, Irrazionalmente “Ha posto il veto a questo accordo di cooperazione”, ha detto il portavoce Wang Wenbin. “Questa è un’interferenza arbitraria nella normale cooperazione. Questo rappresenta Causando gravi danni alle relazioni australiano-cinesi e alla fiducia reciproca tra i due Paesi“, Ha aggiunto.

“La parte cinese si riserva il diritto di prendere ulteriori misure al riguardo”.Ha insistito il portavoce, che ha denunciato che le autorità australiane hanno riesaminato più di 1.000 accordi internazionali e ne hanno cancellati solo quattro, “due dei quali legati alla Cina”.

Secondo il governo australiano, gli accordi sono stati annullati perché incoerenti con la politica estera del Paese, che richiede una regione indo-pacifica “libera e aperta”.

File foto: Ministro degli esteri australiano Maryse Payne (Brendan Smialowski / Pool via REUTERS)
File foto: Ministro degli esteri australiano Maryse Payne (Brendan Smialowski / Pool via REUTERS)

L’aumento delle tensioni tra questi due paesi ha portato ad A. Conflitto commerciale dopo che Pechino ha schiaffeggiato i dazi su molte esportazioni australiane al gigante asiatico.

Un alto funzionario dell’ambasciata cinese a Canberra ha recentemente attribuito questa posizione negativa alla decisione del governo australiano, nel 2018, di escludere la società di telecomunicazioni cinese Huawei dalle reti 5G.

La relazione è stata ulteriormente tesa quando il primo ministro australiano Scott Morrison l’anno scorso ha chiesto un’indagine internazionale sull’origine dell’epidemia di Covid-19.

Nazione periferica Ha approvato una serie di leggi per prevenire presunte interferenze straniere nella politica e nell’economia del Paese, senza citare direttamente la Cina, sospettata di potenziali attacchi informatici contro università ed enti governativi.

Con informazioni da AFP, EFE e EuropaPress

Continuare a leggere: