Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Russia ha lanciato un massiccio bombardamento della città ucraina di Slovyansk: “ci sono molti morti e feriti”

Personale di servizio delle forze filo-russe alla guida di un carro armato durante il conflitto tra Ucraina e Russia nella regione di Donetsk. L’iscrizione sul serbatoio recita: “Russia”. Fotografia: Alexander Ermoshenko/Reuters

Diversi lanciarazzi hanno causato più morti nella città ucraina di Sloviansk, che è stata attaccata dall’avanzata delle forze russe, secondo il sindaco della città.

Massiccio bombardamento di Slavyansk. più grande di tutti. Molti morti e feriti. Ci atteniamo ad esso. “Siamo insieme”, ha detto Vadim Lyach, il sindaco di questa città orientale, nel suo account Telegram.

Nello stesso messaggio, Il sindaco ha confermato che il bombardamento ha provocato decine di incendi in tutta la città.

Ben presto, una portavoce dell’amministrazione ucraina nella regione di Donetsk, Tetiana Ignachenko, ha confermato il bilancio provvisorio di sei morti e 15 feriti nei dati raccolti dal portale Suspilne.

Slovyansk si trova nel centro-est del paese ed è un obiettivo strategico nella regione di Donetsk. C’erano circa 100.000 persone che vivevano lì prima dello scoppio della guerra, il 24 febbraio.

Attacco bomba a grappolo contro un ristorante a Sloviansk.  Fotografia: Jorge Silva/Reuters
Attacco bomba a grappolo contro un ristorante a Sloviansk. Fotografia: Jorge Silva/Reuters

Questa domenica, inoltre, la Russia ha dichiarato il suo controllo sull’intera regione di Lugansk nell’Ucraina orientale, dopo aver occupato la città principale di Lyschansk dopo pesanti combattimenti. L’Ucraina riconosce l’avanzata russa ma afferma che le sue forze stanno ancora resistendo.

Domenica mattina, il governatore della regione di Luhansk Sergei Gaidai ha accennato al fatto che le forze ucraine si stavano ritirando a Lysechansk, una città anteguerra di 100.000 persone.

“I russi si stanno fortificando nella regione di Lyschansk, la città sta bruciando”, ha detto Gaidai su Telegram. “Stanno attaccando la città con metodi brutali inspiegabili”, ha aggiunto.

READ  Brasile: una settimana molto difficile per Jair Bolsonaro | Il presidente minaccia il collasso istituzionale

L’invasione di Lysechansk – se confermata – consentirebbe alle forze russe di avanzare verso Sloviansk e Kramatorsk, a ovest, garantendo di fatto il controllo della regione, già dal 2014 in mano a separatisti in parte filorussi.

Nel frattempo, i missili hanno continuato a cadere sull’Ucraina, uccidendo decine di persone.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha citato sei attacchi nel suo discorso quotidiano alla nazione alla fine di sabato.

“I pesanti combattimenti continuano lungo l’intera linea del fronte nel Donbass”, ha detto, osservando che “l’attività nemica nella regione di Kharkov sta aumentando”.

“I bombardamenti continuano giorno e notte”, ha detto all’AFP un residente della cittadina di Donetsk.

Secondo le autorità locali di Donetsk, due persone sono rimaste uccise e tre ferite – tra cui due bambini – in un attacco alla città di Dopropylya.

Zelensky ha messo in guardia dal “sentirsi rilassati” in molte città dell’entroterra. “La guerra non è finita”, ha detto. “Purtroppo, la loro crudeltà aumenta solo in alcuni luoghi e non può essere dimenticata”.

Ricostruire l’Ucraina

Zelensky ha anche fatto riferimento nel suo discorso alla Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina, che inizierà lunedì in Svizzera. Leader di decine di paesi e organizzazioni internazionali si riuniranno a Lugano con l’obiettivo di tracciare una road map per la ripresa del Paese dilaniato dalla guerra.

Zelensky ha previsto che la ricostruzione dell’Ucraina “richiederà enormi investimenti, miliardi, nuove tecnologie, migliori pratiche, nuove istituzioni e, naturalmente, riforme”.

La tabella di marcia dovrebbe identificare le esigenze di ricostruzione per le infrastrutture danneggiate, un’economia devastata e un’urgente ripresa sociale e ambientale.

La ricostruzione può costare centinaia di miliardi di dollari.

READ  Il presidente Joe Biden ha sottolineato che "con ogni probabilità" ci saranno nuove restrizioni negli Stati Uniti a causa della ripresa dei casi di COVID-19

Continuare a leggere: