Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il conflitto tra Russia e Ucraina: allarme nella City di Londra, paradiso fiscale preferito dalle imprese russe | L’altro lato dello spegnimento del sistema Swift

da Londra

primo ministro Boris Johnson vuole “piegare” l’economia russa Con il pacchetto sanzioni che sarà discusso martedì al Parlamento britannico. Tra le misure Chiudere l’uso del sistema SWIFT per i pagamenti internazionali, congelare i beni delle banche russe e imporre sanzioni specifiche a più di 100 “oligarchi” e società.

effetto cancello del partito

La guerra ha dato a Boris Johnson la copertura di cui aveva bisogno per sopravvivere ancora qualche settimana, una violazione delle regole durante la pandemia su cui sta indagando la Polizia metropolitana. La domanda è se la forza apparente di queste sanzioni sarà raggiunta o se si tratti di un fuoco d’artificio Pieno di scappatoie legali per resistere alla tempesta politica senza interferire con gli affari della City di Londra, uno dei più grandi paradisi fiscali del mondo, uno dei preferiti dei cosiddetti oligarchi russi.

Sulla carta, le sanzioni sembrano un vero tentativo di soffocare il governo iracheno Il presidente russo Vladimir Putin E per creare un conflitto interno con la stessa “oligarchia” che ha accumulato le sue fortune sotto il suo governo. Tra gli “oligarchi” colpiti da queste misure ci sono il genero dell’ex presidente russo, Kirill Shamalov, ei capi di diverse banche russe operanti a Londra..

Con queste misure, e quelle che saranno aggiunte dal parlamento martedì, il primo ministro spera di “isolare la Russia dall’economia mondiale, pezzo per pezzo, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana”. Le sanzioni e la dura retorica di Johnson possono dare l’impressione che Il Regno Unito è in prima linea nella risposta occidentale all’invasione ucraina. La realtà è molto più complicata. Come dicono gli inglesi, il diavolo è nei dettagli.

Londra o Lundonggrad

La capitale inglese si è guadagnata il soprannome di “Londragrad” a causa dell’elevata percentuale di oligarchi russi che l’hanno scelta per riciclare e reinvestire i propri soldi. Il centro di questa operazione finanziaria si trova nella City di Londra e nella sua rete di paradisi fiscali, che comprende territori d’oltremare come Isole Bermuda o Isole Cayman e le dipendenze della corona, come Giacca onda Isola di Man.

Da quando hanno preso il potere nel 2010, i conservatori sono stati i campioni di una conquista finanziaria senza restrizioni di tutte le capitali del mondo. Una delle misure allora adottate Dave Cameron, È stata la deregolamentazione della Corporate House, che è passata dal richiedere documenti equivalenti a quelli necessari per richiedere il passaporto al consentire di compilare un modulo online in pochi minuti.

le mie foto

secondo lui Centro nazionale per la criminalità economica (NECC), Un ente governativo, “una proporzione preoccupante dei flussi illeciti dall’ex Unione Sovietica”, viene riciclato nel registro delle imprese del Regno Unito. NECC stima che ci siano 335.000 società registrate presso Companies House che non rivelano il nome del titolare effettivo della società. La frode è così brevettata che NECC l’ha trovata I front men in circa 4.400 aziende sono bambini di età pari o inferiore a due anni. Fino al 2019 è stato tra i clienti di Corporate House Macri Group LLC.

I conservatori hanno coniato due frasi per questa politica: “Il Regno Unito è globale” e “Il Regno Unito è aperto agli affari”. Una delle politiche preferite per questa porta aperta per gli affari sono i “visti d’oro” per chiunque abbia un investimento minimo di 2 milioni di sterline nel Regno Unito. Dei 13.000 “visti d’oro” concessi, il 20 per cento è andato a cittadini russi: 55 sono stati concessi l’anno scorso.

ragazzi d’oro

Con visti d’oro, deregolamentazione nella registrazione delle società e eserciti di avvocati professionisti e contabili nella City di Londra, il mercato immobiliare britannico, e soprattutto il mercato londinese, ha subito una rivoluzione negli ultimi quindici anni. Lo ha rivelato un’indagine condotta da Global Witness due anni fa Più di 87.000 proprietà sono state registrate a nome di società sconosciute nei paradisi fiscaliIl valore totale ha superato i 100 miliardi di sterline. Transparency International stima che circa 1 miliardo di sterline di acquisizioni in questo mercato provengano da fondi russi di “origine discutibile”..

Oro di Mosca

Uno dei personaggi principali in questa cornice è Ben ElliotFondatore sostanzialmenteNipote di Camilla, duchessa di Cornovaglia, moglie del principe Carlo, erede al trono. La quintessenza è un servizio per i ricchi del mondo che ha ricevuto quasi 1,5 milioni di sterline nel 2016 dal governo conservatore “per attirare investitori con un patrimonio netto elevato nel Regno Unito attraverso programmi governativi speciali”.

Tutto è negli occhi di chi vuole vedere. Nel 2018, la Commissione per le relazioni estere della Camera dei Comuni ha pubblicato un rapporto intitolato Revealing: “L’oro di Mosca: la corruzione russa nel Regno Unito” (L’oro di Mosca: la corruzione russa nel Regno Unito). Il rapporto concludeva che il presidente Vladimir Putin ei suoi alleati stanno riciclando denaro su larga scala utilizzando questa grave deregolamentazione.

Il camaleonte Boris

Nell’escalation pre-invasione, Boris Johnson ha annunciato che avrebbe posto fine ai suoi “visti d’oro”. “Troppo poco, troppo tardi” (troppo poco, troppo tardi), la mattina ha dominato custode: Miliardi sono stati riciclati e scambiati in studi legali. Uno dei beneficiari della mossa è stato il Partito conservatore, che ha ricevuto circa 2 milioni di sterline da donatori russi da quando Boris Johnson è entrato in carica nel 2019.

La Russia non è un caso isolato. Issa RossaUn funzionario del dipartimento anticorruzione nigeriano, Il Regno Unito è stato accusato nel novembre dello scorso anno di essere “il paradiso fiscale più famoso al mondo per denaro illecito”. L’autore del libro “Gomorra” che è una condanna della mafia siciliana, Roberto SavianoE il Descrive Londra come “il posto più corrotto del pianeta”. Ma né l’Italia né la Nigeria hanno il peso o le armi nucleari della Russia.

“Non appena sarà il momento”

Tornando all’inizio, quanto sono efficaci queste misure nel “collasso” dell’economia russa? Non troppo grande, ha scritto venerdì su un giornale custodeOliver Polo, autore di Money Land: Why Thieves and Crooks Now Rule the World. “Prima di tutto, dobbiamo sapere chi possiede questo paese. Le 87.000 proprietà in Inghilterra e Galles registrate presso società offshore lo impediscono. Imporre la trasparenza su questo capitolo sarebbe un duro colpo al cuore della macchina per il riciclaggio di denaro di Londra. Diversi governi hanno promesso di farlo “non appena ci sarà tempo parlamentare per il dibattito”, ma quel momento non è mai arrivato perché hanno preferito ascoltare la città, che avverte che un simile provvedimento danneggerebbe la sua competitività nel mercato globale.

L’impatto dell’invasione dell’Ucraina potrebbe essere il momento di approvare finalmente una legge che richiede la pubblicazione dei proprietari reali di molte società di comodo e immobili. Ovviamente, ci vorrà Boris Johnson per confrontarsi con i suoi amici della città. Questo non è molto probabile, ma non dovrebbe nemmeno essere completamente escluso. Come i maghi, i miracoli esistono.

continua a leggere:

READ  Guayusa è quotata alla Borsa di Quito | Economia | Notizia