Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dati bellici per l’economia spagnola: quali settori saranno maggiormente colpiti dall’invasione dell’Ucraina

La Spagna è uno dei paesi europei con Rapporto economico meno diretto con Russia e Ucraina. In parte, questo ha senso, almeno per via della distanza: tutti i paesi del mondo negoziano con le grandi potenze (Cina, USA, Germania…) e con i loro vicini. Con il resto, salvo eccezioni che derivano da un prodotto molto specifico, è naturale che i rapporti commerciali siano di secondaria importanza.

Tuttavia, il fatto che la Spagna abbia meno relazioni commerciali con Russia e Ucraina rispetto a Germania o Svezia non significa, tutt’altro, che non sarà interessata dal conflitto. Innanzitutto perché ci sono grandi settori dell’economia spagnola in cui le esportazioni e, soprattutto, le importazioni da questi due paesi sono fondamentali. E in secondo luogo, perché nonostante l’apertura di nuovi mercati dopo la crisi del 2008-2010 (che ha costretto molte aziende a reinventarsi e cercare all’estero ciò che non riuscivano a trovare nel mercato nazionale), il nostro settore estero continua a fare affidamento principalmente sulle vendite al Unione Europea e Regno Unito. Oppure, per lo stesso importo, Russia e Ucraina potrebbero non venderci tanto quanto la Germania o l’Italia … ma se questi paesi, e il resto dell’eurozona e l’UE in generale, subiscono gli effetti della guerra (ad esempio, perché il prezzo dell’energia che consumano è in forte aumento) ce ne accorgeremo anche quasi immediatamente.

I grandi numeri sono i seguenti:

  • Nel 2021, secondo Dati preliminari del Ministero dell’Industria, Commercio e TurismoLa Spagna ha venduto all’estero merci per un valore di 316.609 milioni e ha importato merci per un valore di 342.787 milioni di euro.
  • Abbiamo venduto alla Russia 2.213 milioni di euro (0,7% delle esportazioni totali) e importato merci per un valore di 6.034 milioni di euro (1,8% delle importazioni).
  • L’Ucraina, dal canto suo, ci ha acquistato beni per un valore di 682 milioni (appena lo 0,2% delle esportazioni spagnole) e in cambio ci ha venduto beni per un totale di 1.548 milioni di euro (0,5% delle nostre importazioni).
READ  Ibex è in rialzo del 2,43% per la settimana e chiude sopra gli 8800 punti

Come abbiamo indicato, non sono due paesi legati dalla Spagna grandi quantità di commercio. Tuttavia, se entriamo nei dettagli, vediamo come ci sono settori essenziali nella nostra economia e questi puntano direttamente ad alcuni dei prodotti essenziali nel carrello della spesa che saranno fortemente influenzati da ciò che sta accadendo nell’Europa orientale. Per quanto riguarda la Russia, nelle ultime settimane il mondo intero ha parlato dell’impatto della guerra su di essa prezzi dell’energia. La rottura delle relazioni commerciali con la Spagna conferma che questo è il principale motivo di preoccupazione: dei poco più di 6000 milioni di importazioni dalla Russia nel 2021, l’84%, ovvero più di 5.000 milioni, corrisponde ai codici tariffari del Capitolo 27 (classificazione tariffaria) utilizzati. internazionale per le vendite transfrontaliere).

E cosa in questo capitolo 27? Ebbene, “Combustibili minerali, oli minerali e prodotti della loro distillazione; sostanze bituminose; cere minerali”: in breve, gas e derivati ​​del petrolio. Secondo le stesse tabelle del Ministero del Commercio, infatti, la Russia è al terzo posto come importatore in questo comparto (con l’11% del totale), dopo Nigeria e Stati Uniti, e davanti all’Algeria. È vero che stiamo parlando di mercati con molti potenziali fornitori e che tutti i paesi produttori e importatori sono alla ricerca di alternative nel caso in cui la rotta russa del petrolio e del gas venga chiusa. È anche vero che non è chiaro come le sanzioni influiranno sulle vendite di beni energetici. Ma anche così, è chiaro che ci sarà molto lavoro e grattacapi questo fine settimana negli uffici aziendali di questo settore. E che tutto questo in un modo o nell’altro passi nelle tasche del consumatore.

Qualcosa di simile accade con Relazioni commerciali con l’Ucraina. Nel complesso, sembra relativamente insignificante. Ma quando cadiamo, ci sono dettagli molto importanti. È vero che importiamo solo merci per un valore di poco inferiore a 1.550 milioni di euro. Ma è anche vero che ci sono due prodotti principali nel carrello e in agricoltura dipendiamo dalle importazioni ucraine. A causa di questi 1.550 milioni, circa 1.000 sono distribuiti quasi esclusivamente tra olio di girasole (422 milioni) e mais (510 milioni).

READ  La Spagna è uno dei tre paesi europei nell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ad imporre un'imposta sul patrimonio totale | Economia

Non è solo che i nostri acquisti dall’Ucraina si concentrano in questi due prodotti. Inoltre, questo paese è il fornitore numero uno di entrambe le materie prime:

  • Olio di semi di girasole: il 62% delle importazioni spagnole di questo prodotto proviene dall’Ucraina (422 milioni). Per darci un’idea, il prossimo paese nella lista delle importazioni di olio di girasole è la Bulgaria con 55 milioni.
  • Mais: Stiamo parlando di una materia prima essenziale per agricoltori e allevatori, tra l’altro perché fa parte dell’alimentazione del bestiame. Ebbene, l’Ucraina è uno dei maggiori esportatori al mondo. Per la Spagna, la dipendenza non è così grande come per l’olio di girasole, ma anche l’Ucraina è il nostro principale fornitore, dove le vendite nel 2021 hanno rappresentato il 27% di tutto il mais importato. Gli acquisti esteri in questa voce ammontavano a 1859 milioni (ricordiamo, da questa cifra, 510 milioni provengono dall’Ucraina). Dopo questo Paese, i nostri principali fornitori sono stati Brasile (409 milioni), Francia (352 milioni) e Romania (298 milioni).

Nei prodotti agricoli, possono esserci molte variazioni da campagna a campagna a seconda del raccolto (sia il raccolto in Spagna che nei paesi da cui vengono importati questi prodotti). Ma guardando agli ultimi anni, sia nel 2019 che nel 2021, con o senza la pandemia, vediamo che l’Ucraina è stata uno dei principali fornitori di queste due importanti materie prime.

Riferito a esportazioni, la concentrazione delle vendite dalla Spagna alla Russia o all’Ucraina è molto inferiore a quella delle importazioni (così come le cifre totali). In questo modo, non sembra che ci sarà un settore che sarà direttamente interessato tanto quanto lo sarà in termini di importazioni, anche se avrà un forte impatto sulle aziende con collegamenti a questi mercati. Macchinari e veicoli (compresi i veicoli agricoli) sono quelli in cima alla lista delle esportazioni spagnole in questi due paesi; Ma senza che nessuno dei due mercati sia in cima alla lista delle vendite estere dalla Spagna.

READ  Binter decolla dalle Isole Canarie verso l'Europa

Altre due note sulle relazioni economiche tra Spagna, Russia e Ucraina. Il primo è relativo a turismo. E qui pensiamo tutti ai russi, una delle nazionalità che ha aumentato le visite nel nostro Paese nell’ultimo decennio. Così, secondo i dati di Frontour (movimenti turistici alla frontiera), che Raduno INE del 2019 (Abbiamo preferito, per il turismo, prendere i dati pre-pandemia), in quell’anno ci hanno visitato 1,3 milioni di turisti russi (il 12° Paese per provenienza dei turisti). Ricordiamoci che nel 2019 abbiamo avuto oltre 83 milioni di visitatori, quindi 1,3 milioni (1,6%) potrebbero non sembrare molti. Tuttavia, Di solito un turista russo è un visitatore con un alto potere d’acquisto E spendono molto, quindi nelle zone in cui tendono a concentrarsi (Catalogna e Valencia sono le loro principali destinazioni), ci saranno molti hotel e negozi di fascia alta che ti mancheranno.

Infine, cosa c’entra Russi e ucraini residenti in Spagna. secondo Dati dall’INE .logVivono nel nostro Paese 79.485 russi (25.093 in Catalogna e 22.264 a Valencia) e 111.034 ucraini (poco più di 23.000 in Catalogna e Madrid, 21.780 a Valencia e 17.414 in Andalusia).