Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Economia dell’Eurozona vicina ai livelli pre-pandemia

L’eurozona ha registrato una forte crescita nel terzo trimestre, una performance che avvicina i paesi membri ai livelli pre-pandemiaNonostante i problemi legati alla scarsità di alcuni materiali e ai prezzi dell’energia.

Il PIL dell’Eurozona è cresciuto del 2,2% tra luglio e settembre rispetto al trimestre precedente, registrando un rimbalzo netto del 2,1%, secondo una prima stima di Eurostat.

Il blocco di 19 nazioni che condivide la moneta unica ha ripreso una forte crescita tra aprile e giugno, grazie ai progressi nella vaccinazione COVID-19 e alla graduale revoca delle restrizioni sanitarie.

La zona euro ha subito una recessione nell’ultimo trimestre del 2020 e nel primo trimestre del 2021, con il PIL in calo rispettivamente dello 0,4% e dello 0,3% a causa della crisi sanitaria.

“Il forte aumento del PIL della zona euro nel terzo trimestre significa che la fase di ripresa è quasi finita nella maggior parte dei paesi” della moneta unica, ha affermato in una nota Andrew Kenningham, capo economista di Capital Economics.

Il PIL è ora inferiore solo dello 0,53% rispetto al quarto trimestre del 2019, prima dello scoppio e della recessione che ne è seguita, Eric Dorr, direttore degli studi economici presso l’ESEG School of Management.

La forte ripresa da aprile a giugno è proseguita per tutta l’estate, grazie alla graduale revoca delle restrizioni sanitarie che hanno rallentato l’attività, in particolare nei trasporti, negli alberghi e nel turismo.



buon vento

Per l’Unione Europea nel suo complesso, il PIL è cresciuto del 2,1% nel terzo trimestre, consolidando la sua ripresa (+2%) rispetto al trimestre precedente, osserva l’Ufficio di statistica europeo.

READ  Turespaña attiva la campagna You Deserve Spain nel Regno Unito

Tra i maggiori Paesi, la Germania registra uno dei peggiori risultati (+1,8%), dopo Spagna (+2%) e Italia (+2,6%), mentre la Francia vede la propria crescita in netta accelerazione (+3%, dopo il +1,3% in il secondo quarto). ).

La Francia è quasi tornata al PIL che aveva prima della pandemia. Al contrario, Kenningham ha affermato che Germania e Italia, la cui “fase di ripresa è ampiamente terminata”, sono ancora lontane, con il PIL in calo rispettivamente dell’1,2% e dell’1,4% rispetto al periodo pre-Covid.

La situazione sta peggiorando in Spagna, dove il suo PIL è in calo del 6% rispetto a prima del 2020, a causa della forte dipendenza del Paese dal turismo, settore gravemente colpito dalla pandemia.

il lavoro

Nel complesso, il miglioramento della crescita continua a pesare sul tasso di disoccupazione dell’eurozona, che ha continuato a scendere ad agosto, raggiungendo il 7,5% della forza lavoro, dopo il 7,8% di giugno e il 7,6% di luglio. Il dato di settembre sarà rivelato la prossima settimana da Eurostat.

Questa prospettiva in qualche modo positiva è offuscata da esso: il tasso di inflazione annuale nella zona euro continua a salire. A ottobre è salita al 4,1% in un anno, il tasso più alto da oltre 13 anni, a causa del forte aumento dei prezzi dell’energia.

Il settore dell’energia ha visto il maggior incremento a ottobre (+23,5% in un anno), dopo un aumento dei prezzi del 17,6% a settembre, secondo Eurostat.

L’inflazione nell’Eurozona non ha smesso di salire da giugno, passando dal 3% di agosto al 3,4% di settembre.

Queste pressioni sui prezzi fanno temere ai mercati finanziari l’aumento dei tassi di interesse.

READ  Si aspettano che il raccolto lasci i vini Castilla-La Mancha il 10% in meno rispetto allo scorso anno

Ma la Banca centrale europea, il Fondo monetario internazionale e molti esperti continuano a considerare l’aumento dei prezzi “temporaneo”.