Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elezioni in Brasile: il partito Cerro Gomez annuncia che sosterrà Lula nel sondaggio | Domenica ha ottenuto il 3% dei voti

Candidato del Partito di Azione Democratica (PDT). Ciro Gomezche è arrivato quarto alle elezioni di domenica con il 3,04 per cento dei voti, martedì ha annunciato che avrebbe sostenuto l’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva nel ballottaggio. Il 30 ottobre contro il presidente Jair Bolsonaro. Lo ha affermato il capo della forza, Carlos Lupe, che ha ritenuto che ci sarebbe stato “sostegno programmatico” per la candidatura di Lula. Gomez non ha partecipato a una riunione della dirigenza del PDT, ma in un video diffuso poco dopo sui suoi social ha confermato di rispettare e sostenere la posizione del partito.

Sebbene il PDT abbia storicamente sempre sostenuto il Partito Laburista (PT) in questi tipi di concorsi, la posizione aggressiva di Gomez durante la campagna ha messo in dubbio il suo potenziale sostegno al secondo turno. Altro

La proposta del Movimento Democratico Brasiliano, Simon Tibet, ha condizionato il suo sostegno affinché l’ex presidente brasiliano abbia un dialogo preventivo con lui.

In un video di quasi tre minuti pubblicato sul suo account Twitter, gengive Ha detto di sostenere la decisione del suo partito, ma senza menzionare Lula. “Viste le circostanze, questa è l’ultima via d’uscita”Disse il leader laburista. “Il percorso democratico è stato così ristretto che ai brasiliani è rimasta una scelta che, a mio avviso, è insoddisfacente”, ha detto Gomez.

PDT ex filtro Ha notato che sperava che la decisione del suo partito avrebbe aiutato a “rivitalizzare” la democrazia brasiliana, ma lo ha sottolineato Non accetterò “ipotesi o collegamenti di alcun genere” Ha rifiutato di far parte di un potenziale governo di Lula.

ex capo del PDT, Carlos Lopeaveva dichiarato il sostegno delle forze di Lula assicurando che ci sarebbe stato “supporto al programma per la nomina del leader del Partito Laburista (PT). “Ciro Gomez ha preso parte alla riunione e ha accettato la decisione del partito”, ha detto Lupe, aggiungendo che né Gomez né il PDT potrebbero essere “eliminati” in questo momento, quando il Brasile deve La scelta tra ‘un democratico come Lula’ e un ‘dittatore ambizioso come Bolsonaro’.

Secondo il capo del PDT, le uniche condizioni per l’appoggio di Lula sono già state accettate dal Fronte Progressista che lo ha nominato. Queste sono le proposte sostenute da Gomez nella sua campagna, come l’adozione di un piano di reddito minimo universale, la rinegoziazione dei debiti delle famiglie più povere e un programma che istituisca l’istruzione a tempo pieno per bambini e giovani.

gengive

Gomez, l’ex ministro di Lula, è diventato un critico dell’ex presidente durante la campagna elettorale e ha detto di preferire dichiararsi neutrale, anche se ha scelto di seguire la disciplina del partito. PDT è un partner storico del Partito Laburista (PT) E nel 1989 il candidato del Partito Laburista, Lionel Brizzola, decise di sostenere Lula nel ballottaggio che sconfisse Fernando Collor de Mello.

READ  La Russia va avanti con l'offensiva nell'Ucraina orientale | Pochi giorni fa, gli attacchi russi si sono concentrati sulla città di Severodonetsk

Il Partito dei lavoratori brasiliani (PT) si era allontanato dal PT nel 2018 dopo che Gomez si era recato a Parigi nel secondo round di quell’anno per evitare la campagna di Fernando Haddad, sconfitto da Jair Bolsonaro al secondo round. Il partito ha perso due deputati alle elezioni di domenica e non ha ottenuto una sola vittoria tra i suoi candidati alla carica di governatore. Gomez aveva il 12% nel 2018, lontano dal 3% che aveva domenica.

Poco dopo che i risultati sono stati conosciuti, la leadership laburista ha iniziato i primi approcci con diversi leader del PDT non solo per negoziare questo supporto nel secondo round, ma anche per aiutare a coordinare la campagna in diverse regioni del paese, come Rio de Janeiro. Lì, l’ex candidato governatore del PDT Rodrigo Neves ha dichiarato, dopo aver parlato con il leader del PT, Gliese Hoffman, che “è giunto il momento per loro di raggiungere un accordo per combattere tutti nel Palazzo Planalto oggi”, riferendosi al presidente Bolsonaro che ha descritto come ” anti-Planalto”. per la democrazia”.

Questo è il secondo partito che sostiene ufficialmente il Partito Laburista perché è stato deciso che ci sarebbe stato un secondo turno. Lunedì il sostegno è stato fornito da Citizenship, una forza che ha sostenuto Simon Tibet, il terzo senatore alle elezioni, del Movimento per la democrazia brasiliana guidato dall’ex presidente Michel Temer. Il partito laburista ha annunciato che avrebbe cercato il sostegno esplicito di Tebet.

“Non si tratta di parlare tra loro, ma di più con l’elettore”, ha detto Lula dopo un incontro con la sua squadra politica lunedì a San Paolo. “Con quelli che sembrano non volerci, non vogliono i nostri giochi”. “La pace e l’amore di Lulinha sono pronti a parlare con tutti”, ha detto, riferendosi al soprannome che ha coniato per se stesso.

READ  Scarabocchi in crisi: 400 parole vietate perché ritenute offensive e scoppiata la polemica

Lula ha annunciato che avrebbe lavorato per formare un “blocco dei democratici” per combattere Bolsonaro nel voto del 30 ottobre, anche se la sua campagna per unire il sostegno alla sinistra è iniziata mesi fa, quando ha scelto il suo compagno di corsa, il centrodestra Geraldo Alckmin. Lungo la strada, ha ricevuto anche il sostegno di economisti e legalisti dell’ala considerata moderata.

Da parte sua, dalla ristretta cerchia del candidato MDB, è stato confermato che il potenziale sostegno a Lula sarebbe passato attraverso un incontro tra i due. Tebet vuole parlare con l’ex presidente brasiliano delle sue proposte elettorali e di come raggiungere un accordo affinché alcune di esse compaiano nel programma futuro del governo.

Tuttavia, le varie sensibilità all’interno dell’MDB – il centrodestra – così come i partiti che hanno aderito alla candidatura, come Ciudadanía e PSDB – oppositori laburisti e contendenti diretti alle elezioni statali – per non parlare del disprezzo dei tibetani nella sua formazione complicano la decisione unanime, quindi non è esclusa la concessione della libertà Ogni delegazione regionale prende posizione al secondo turno.

In assenza di un accordo tra il suo partito ei suoi alleati e dopo il suo incontro con Lula, un altro possibile scenario è che Tebet si dichiari neutrale per l’ultimo incontro del 30 ottobre.

Lula ha chiesto a tutti i partiti di opposizione di votare per Bolsonaro

L’ex presidente Luis Inacio Lula da Silva, vincitore della prima tornata elettorale del Brasile, ha confermato oggi che il 60% della popolazione ha votato contro il presidente Jair Bolsonaro e ha invitato i partiti di opposizione di ogni schieramento politico a sostenerlo nel sondaggio del 30 ottobre. E Lula ha chiesto ai suoi alleati di ampliare il discorso e parlare con chi ieri non lo ha sostenuto, perché prendere posizione d’ora in poi non è una cosa “ideologica”.

Lula ha detto dopo il suo incontro con “il 60% della popolazione ha rifiutato questo governo, e per la prima volta un presidente in carica perde al primo turno e ora perde al secondo turno perché siamo specializzati nel vincere le elezioni al secondo turno”. il suo comitato. Per quattro ore, in un hotel nel distretto di Ibirapuera Park a San Paolo, la dirigenza della campagna elettorale della coalizione che sostiene Lula ha progettato il piano per le quattro settimane precedenti al voto contro Bolsonaro, che ha sconfitto al primo turno con 48 voti. 4% contro il 43,2% dei voti validi.

READ  Il Cile ha permesso l'uso del vaccino Sinovac nei bambini dai 6 anni

L’obiettivo di Lula è ottenere il sostegno esplicito del candidato sconfitto Simon Tibet del Movimento Democratico Brasiliano (MDB), che ha ricevuto il 4,1% dei voti. Ciro Gomez del Partito d’Azione Democratica (PDT) che ha acquisito il 3% e Soraya Thronic della Confederazione brasiliana con lo 0,51%.

Durante il suo discorso, Lula ha dichiarato di avere il sostegno del Partito della cittadinanza, la forza di centrodestra che ha sostenuto il Tibet, e del senatore del Partito socialdemocratico brasiliano (PSDB) Tasso Jreissati, uno dei politici più influenti dell’alta borghesia. Stagioni del nordest brasiliano e di San Paolo.

ha detto l’ex presidente, che ha ricordato che nei sondaggi del 2002 e del 2006 aveva ottenuto almeno il 60% dei voti. ai suoi rivali.

“A partire da domani ci saranno meno conversazioni tra noi e più conversazioni con gli elettori che non hanno votato per noi perché dobbiamo parlare con coloro a cui sembra che non piacciamo”, ha detto Lula.

Lula ha concentrato la campagna su San Paolo, dove il Labour giocherà il ballottaggio per il governatore più ricco e popoloso dello stato tra Fernando Haddad e il bolsonarista Tarcisio Freitas, che ha vinto dal 42% al 35%. Ha anche annunciato che cercherà di aumentare la differenza che ha fatto negli stati del nord-est, la grande roccaforte del Partito dei Lavoratori, e nel Minas Gerais, il secondo distretto elettorale in cui l’ex presidente ha vinto dal 48% al 23%.

Ufficialmente sostenuto da un fronte a dieci partiti, Lula corse. Oltre al Partito dei Lavoratori, al Partito Socialista Brasiliano, al Partito Socialista e Libertà, al Partito Rosso, Verde, Avanti, Aguirre e Solidarietà.