Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dipendenza da debito e industria: l’Italia causerà la prossima crisi dell’Europa? – Daniel Rodriguez Asensio

La stabilità politica in Italia è un sogno lontano. non in vena, Banca tedesca Ha contato 132 governi negli ultimi 161 anni. Oppure, che è lo stesso, un governo ogni 440 giorni. L’ultima cosa che è caduta di testa Mario DraghiTuttavia, il rischio maggiore per la stabilità politica e finanziaria nell’eurozona negli ultimi decenni potrebbe essere.

Non spetta a me giudicare l’ex presidente dell’Italia. Ma è vero che sotto la sua giurisdizione, Una delle economie più importanti dell’Eurozona ha preso decisioni coraggiose su questioni delicate come l’energia (Leggi) o la politica economica nel mezzo di una pandemia o di una guerra.

Basta avere un architetto Qualunque cosa tu prenda, qualunque cosa costi davanti Banca Centrale Europea portò stabilità all’Italia. Qualcosa di semplice come non commettere barbarie economiche o lanciare pietre sulla superficie dell’Italia è stato confermato da Mario Draghi. Tanto che da quando l’instabilità politica ha attanagliato (di nuovo) l’Italia, il premio al rischio è risalito di circa 50 punti, a 250.

Premio-Rischio-Italia.  jpg

Vale la pena ricordare, come si evince dal grafico precedente, alcune note sui livelli di cui stiamo parlando. specialmente:

  • essere Livelli significativamente superiori a quelli osservati durante la crisi del 2008 e le prime fasi della crisi del 2010.

  • Si trova intorno a Crescita notevole. In particolare, il premio per il rischio è finora raddoppiato quest’anno. Un deterioramento della solvibilità dell’Italia a questo tasso è stato osservato solo nel 2011 e nel 2018.

  • ma il I livelli di rischio sono ancora inferiori rispetto al 2018Quando il rallentamento economico in Europa era evidente, l’Italia, come molti altri paesi, stava già entrando in una recessione economica.

L’Italia è sempre stata in prima linea quando si tratta di dubbi sulla sostenibilità delle proprie finanze pubbliche.. La cosa insolita è stata vedere come ha superato i livelli del Portogallo e come si sta avvicinando alla Grecia a un buon ritmo, dove il premio per il rischio è di circa 240 punti base.

L’Italia potrebbe essere l’innesco della prossima crisi del debito in Europa? Non era chiaro allora, però, che, secondo me, le stesse comprando le schede elettorali.

READ  La qualità della Galizia sottolinea l'impegno per l'eccellenza delle aziende certificate Patatas Conde (Xinzo) e Quesos Feijoo (Celanova)

Draghi era preoccupato durante il suo mandato per le riforme strutturali per migliorare la competitività del paese, ma non ha affrontato la necessaria riforma delle finanze pubbliche italiane.

Chi pensa all’Italia trova un Paese dove il deficit pubblico è cronico da allora Sono trascorsi decenni senza riferimento a un solo anno di stabilità di bilancio o avanzi di bilancio. Tanto da essere il secondo Paese con il debito pubblico più alto al mondo. Unione europea (150% del PIL, superato solo dalla Grecia) e porta anno dopo anno una particolarità mai vista nel resto del continente: l’attività del settore pubblico è in grado di generare più profitti di quanto spende anno dopo anno se togliamo i costi dal debito equazione.

Questo è ciò che in economia si chiama avanzo primario: Eccedenza generale senza tener conto dei costi del debito. Perché sta ancora accadendo in un contesto di tassi di interesse storicamente bassi? Poiché lo stock di debito accumulato è molto elevato, sebbene il suo costo marginale sia trascurabile, l’importo sotto forma di interessi da incontrare è molto alto.

Questo è il grosso problema del debito, indipendentemente dal suo emittente: arriva un momento in cui il problema è così grande che non importa molto delle agevolazioni che il mutuatario ti offre. Continua a crescere anno dopo anno.

È il caso dell’Italia, con l’aggiunta di una componente: Dallo scoppio dell’epidemia, l’avanzo primario è svanito e il deficit pubblico è andato fuori controllo. Nello specifico, secondo la Banca Centrale Italiana, il Paese transalpino ha registrato un disavanzo pubblico del 6,1% nel 2020 e del 3,7% nel 2021 senza tener conto del pagamento degli interessi. Sommando questo elemento, la cifra arriva rispettivamente al 9,6% e al 7,2%.

deficit-pubblico-italia.jpg

Questo, insieme ad altri squilibri risolti durante gli anni del boom (come il surplus commerciale) è un vero handicap per un’economia inclusiva. Come se non bastasse, non abbiamo dati rappresentativi per il 2022. Questa settimana Eurostat ha pubblicato i dati sul disavanzo e sul debito per tutti i paesi europei… e la riga corrispondente al disavanzo dell’Italia era vuota.

READ  L'apertura del primo stabilimento per la produzione di cosmetici da canapa | Economia | Notizia

L’Italia dipende dal debito e dall’industria

Indubbiamente una brutta notizia per un Paese che vedrà come aumenterà il costo del proprio debito (i titoli a 3 anni sono già al 3,65% (è cresciuto di 3 punti nell’ultimo anno) e quali problemi economici ci siano. L’Italia, insieme alla Spagna, è uno dei Paesi che ha maggiormente partecipato ai programmi di procurement della BCE Pertanto, sarà anche una delle istituzioni più colpite dalla riduzione del volume degli acquisti di debito sovrano già avviata dalla massima istituzione monetaria.

Vale la pena ricordare che un file L’Italia, insieme alla Germania, è l’economia più industrialmente dipendente d’Europa. Il crollo delle catene del valore, le strozzature, l’aumento dei prezzi delle materie prime e ora il costo degli approvvigionamenti energetici sono elementi che colpiscono particolarmente un’economia come quella italiana.

Al momento, l’attività del settore industriale italiano mostra una certa stabilità negli indicatori di breve termine (crescita del 3% su base annua), ma un netto rallentamento dei principali indicatori. di fatti, L’indice ISM manifatturiero compilato dalla società di consulenza IHS Markit è sceso di oltre 10 punti dall’ottobre dello scorso anno Ed è già sul punto di registrare dati slack-compliant. Il suo valore è il più basso degli ultimi 26 mesi e non mostra segni di cambiamento di tendenza.

Settore manifatturiero - Italia.  jpg

L’Italia proviene da dati di PIL molto deboli nel secondo trimestre dell’anno, con a crescita Prodotto interno lordo Solo lo 0,1% trimestrale E con la spesa delle famiglie in calo del -0,8%.

gdp-italia.jpg

o in altre parole, L’Italia si salva dal dato negativo di crescita grazie alla spesa pubblica che porta al deficit pubblico che abbiamo commentato. Non è sempre così, e vedremo come si comporterà il settore turistico, molto importante anche in Italia (circa il 13% del PIL), nel secondo e terzo trimestre dell’anno.

Ciò che è chiaro è che con 8% di spesa delle famiglie gonfiata Continuerà a diminuire e, come in Spagna, dovremmo aspettarci un deterioramento delle condizioni di finanziamento per famiglie e imprese nei prossimi mesi.

READ  La Banca centrale europea inizia a ritirare il suo arsenale di stimoli per paura dell'inflazione

Finora Il tasso di insolvenza è rimasto ai minimi storici, anche se nessuno sembra dubitare che rimbalzerà nei prossimi mesi. La chiave è sapere a quali livelli stai lavorando. Va notato che nel 2018, con l’economia europea in piena ripresa, molte banche e casse di risparmio italiane, tra cui il Monte Dei Paschi, hanno dovuto essere salvate.

Finora, Quello che sappiamo delle banche italiane è che la loro redditività si è quasi dimezzata (Il ROE era del 5,8% nel primo trimestre del 2022 rispetto al 9,3% dell’anno precedente) Gli accantonamenti per inadempienze sui prestiti sono aumentati del 42% nel primo trimestre dell’anno.

banca-italiana.jpg

Certo: L’Italia sta affrontando un momento molto delicato e senza la guida di Mario Draghi potrebbero succedere due cose: 1) che il nuovo leader non ha una leadership e/o una legittimità sufficienti per attuare le riforme di cui il Paese ha bisogno; Oppure 2) il ritorno del populismo, e con esso il Paese entra in un ciclo devastante simile a quello avvenuto in Grecia nel 2011 e mette in pericolo il progetto europeo.

L’Italia è un’economia regolare dell’Europa, ma Influirà anche il deterioramento istituzionale ed economico cui è stata sottoposta negli ultimi decenni. Al momento non c’è motivo di ritenere che l’Italia sarà la principale causa della crisi finanziaria in Europa, ma il rischio è chiaro e, a seconda dell’esito dei sondaggi di opinione del prossimo settembre, potrebbe iniziare a essere imminente.

Dobbiamo prestare molta attenzione a ciò che sta accadendo nel Paese transalpino perché la Spagna non sarà affatto estranea. Nel contesto delle elezioni del prossimo anno ed essendo il paese con la posizione fiscale più deteriorata degli ultimi anni in tutta Europa (leggi), possiamo dire un precursore di ciò che potrebbe accadere in Spagna nell’orizzonte di medio termine. Sai, quando vedi che la barba del tuo vicino viene tagliata, immergila nell’ammollo.

Fili