Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il PIL rimane del 7% al di sotto del livello pre-crisi dopo la riapertura

Il prodotto interno lordo dell’eurozona si è praticamente ripreso la scorsa estate Che livello di PIL era prima della pandemia?. Erano solo cinque decimi, il che implora la Spagna a causa della sua lenta uscita dalla crisi. L’euro è ancora la quarta economia Con un PIL inferiore del 6,6% rispetto a prima Lo scoppio dell’epidemia che impedisce all’intera regione di avere effettivamente il PIL del 2019.

La Spagna si è rafforzata Nell’incubo dell’Europa in questa crisi. Non solo ha subito la peggiore recessione del continente, ma sta anche rallentando la sua uscita dalla crisi. Dalla fine del “Grande Lockdown” La Spagna ha riguadagnato il 70% del PIL perso, cioè, ancora Terzo avanti per tornare ai livelli pre-Covid. Il resto dell’Europa lo ha già raggiunto o è molto vicino, ma la Spagna è ancora molto indietro.

Deludente anche il Pil estivo: cresce del 2% e si attende una ripresa più lenta

Javier G Jorne

I dati del terzo trimestre erano molto rilevanti, perché era Il primo senza preavviso Con poche restrizioni alla circolazione e all’attività economica. Così, è lui che mostra la produzione distrutta dall’epidemia. In Europa, le cicatrici della crisi stanno già iniziando a rimarginarsi, motivo per cui hanno rapidamente riacquistato il livello di attività che avevano nel 2019, ma Questa pista in Spagna è molto più lenta.

Il pericolo più grande per la Spagna è che questa lenta ripresa sia il risultato di distruzione dei tessuti produttori. In questo caso, uscire dalla crisi sarà più costoso perché il capitale perso durante l’anno della pandemia deve essere sostituito. Sarebbe lo scenario peggiore e i dati di contabilità nazionale sollevano dubbi. La maggior parte dei settori è ancora lontana dal riprendere la propria attività prima della crisi, non si tratta solo dell’industria alberghiera e del problema del turismo straniero. L’industria, ad esempio, è proseguita per tutta l’estate 5,5% al ​​di sotto dei livelli pre-crisi, servizi professionali e scientifici (professioni liberali) inferiore del 14% e costruzione, 15%.

READ  Le fabbriche spagnole iniziano a chiudere la produzione a causa dei prezzi dell'energia "senza precedenti".

Anche la ripresa della domanda è lenta. Il consumo domestico È ancora dell’8,3% al di sotto dei livelli pre-pandemia ed è appena cresciuto dell’1,1% nell’ultimo anno. durante l’estate Consumo ridotto dello 0,5% Il che nasconderebbe un nuovo incremento dei risparmi familiari, che prosegue con l’atteggiamento prudente della situazione economica. Il rilascio della domanda di dighe è stata la grande speranza per gli esperti di essere fiduciosi nella rapida ripresa dell’economia, ma i dati INE mostrano uno sviluppo più regolare. E questo nonostante durante l’estate non ci fossero quasi viaggi all’estero e Gli spagnoli hanno ampiamente scelto il turismo domestico.

Cattivi dati sui consumi una sorpresa e Smantellano il discorso del governo. Non solo che non ci sono turisti stranieri, ma che gli spagnoli scelgono ancora di salvare. Un altro indicatore della scarsa fiducia delle famiglie è l’investimento in Costruzione, che è almeno del 13% al di sotto dei livelli pre-pandemia. Il recupero dal “Great Lockdown” è stato minimo: Appena un terzo dell’attività perduta è stato recuperato. In Spagna, l’investimento immobiliare è di solito un buon termometro per l’economia, perché la crescita non si consolida finché non si accende il “motore” delle costruzioni. E in questo momento, l’influenza è ancora lì.

Lenta attuazione degli aiuti europei. Il governo prevedeva un’accelerazione degli investimenti nella seconda metà dell’anno grazie ai fondi Next Generation, ma la verità è che a fine settembre la mobilitazione delle risorse era ancora minima. La somma di tutti questi fattori significa che la crescita del PIL dall’estate della pandemia è stata Solo il 2,7%.

La ripresa della Spagna è più lenta della zona euro e Uno dei peggiori dell’intero continente. Ciò significava che non solo la sua caduta era la peggiore del continente, ma anche il rimbalzo era il più piccolo. Ad esempio, dalla scorsa estate, l’area euro nel suo complesso è cresciuta del 3,6%, un punto in più rispetto alla Spagna. Italia, a Un paese con una struttura produttiva simile a quella spagnola Che ha sofferto di più della pandemia, è già avanzata del 3,8%.

READ  Pimic denuncia che le piccole e medie imprese spagnole pagano la quinta elettricità più cara d'Europa

Fino a poche settimane fa la Spagna era in cima alla lista delle previsioni di crescita per le organizzazioni internazionali, ma da allora Aggiorna i conti nazionali del secondo trimestre Ogni volta è più basso. I dati diffusi venerdì porteranno a un altro taglio delle aspettative. Ad esempio, se la Spagna è cresciuta nel quarto trimestre come ha fatto nel terzo, l’aumento del PIL per l’intero anno sarà del 4,6%.

Se il quadro macroeconomico del governo è davvero in dubbio, Raddoppia i dati del terzo trimestre È una condanna a morte. Il ministero dell’Economia afferma che il PIL crescerà del 6,5% quest’anno, ma i dati reali dovrebbero essere inferiori di circa due punti. E il margine di errore non è piccolo, perché lo saranno Circa 25 miliardi in meno del PIL.

ottimismo

Il governo si attiene alla retorica che l’economia spagnola Prima o poi deve decollare. Finora ha detto che sarà “nella seconda metà dell’anno”, ma i dati INE lo costringeranno a modificare la sua stima fino “all’ultimo trimestre”. Tuttavia, la ripresa attesa non sta arrivando e rende molto difficile per la Spagna ripristinare il PIL pre-crisi nel primo trimestre del 2021, come promesso da Calvino.

La matematica è testarda: per raggiungere questo obiettivo è necessaria una Crescita trimestrale di circa il 3,5% per i prossimi sei mesi. Cioè, sarà necessario realizzare la “grande accelerazione del PIL” che non si è ancora manifestata. Se questo non si ottiene dopo la riapertura, sembra difficile fare quel salto ora.

Foto: supermercato.  (Rimuovi)
L’IPC è aumentato del 5,5% a ottobre e ha raggiunto un record in tre decenni

EP

La ripresa continuerà nei prossimi mesi, ma Ci sono rischi Può rallentare la crescita. Il più evidente è il problema dell’offerta, che crea carenza di fabbriche e un rapido aumento dei prezzi, soprattutto dell’energia. In effetti, l’aumento dei prezzi in Spagna è già iniziato superiore alla zona euro, il che significa un aumento del costo della vita e una perdita di potere d’acquisto nel contesto di una minore ripresa economica.

READ  Le vendite di auto nuove in Europa scendono al livello più basso degli ultimi 26 anni

inflazione in Spagna Ha raggiunto il 5,5% in ottobre, Mentre Nell’eurozona era del 4,1%. Cioè, senza una domanda così forte e senza la stessa carenza di prodotti nelle fabbriche, la Spagna sta vivendo la più grande pressione inflazionistica degli ultimi tre decenni. Questo aumento dei prezzi è, in gran parte, il risultato dell’aumento del costo dell’energia, ma non è la consolazione delle famiglie o delle imprese. L’aumento dei costi energetici significa un drenaggio del reddito disponibile per il settore privato, Che influirà sui consumi e sugli investimenti. Gli esperti prevedono ancora che questa situazione sarà temporanea e verrà superata nei prossimi mesi, ma il rischio di un rallentamento della ripresa prima di tornare ai livelli pre-pandemia è realtà.

Un’altra domanda correlata che il governo deve analizzare è fino a che punto rumore politico Influenzano la ripresa dei consumi privati ​​o degli investimenti. Avvisi persistenti di futuri aumenti delle tasse e modifiche alle normative sul lavoro, nonché controversie all’interno del governo di coalizione potrebbero influire sulla fiducia degli agenti. Non sarà la prima volta che la Spagna boicotta la sua economia.

Il prodotto interno lordo dell’eurozona si è praticamente ripreso l’estate scorsa Che livello di PIL era prima della pandemia?. Erano solo cinque decimi, il che implora la Spagna a causa della sua lenta uscita dalla crisi. L’euro è ancora la quarta economia Con un PIL inferiore del 6,6% rispetto a prima Lo scoppio dell’epidemia che impedisce all’intera regione di avere effettivamente il PIL del 2019.