Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Circa 150.000 aragonesi non possono permettersi gli occhiali o le lenti a contatto di cui hanno bisogno

Ben 150.000 aragonesi possono aver bisogno di occhiali o lenti a contatto, ma la loro situazione economica impedisce loro di sostenere la spesa. Questa è una delle conclusioni tratte oggi durante la presentazione Libro della visione bianca. Edizione speciale COVID-19, l’opera di riferimento per il settore dell’ottica sviluppata da Federazione spagnola delle associazioni del settore ottico (FEDAO) e l’Associazione per i servizi pubblici Vision y Vida. Questo libro presenta i principali fattori e componenti dell’ottica in Spagna. Questa quinta edizione, per la prima volta, viene pubblicata in forma digitale per analizzare come La pandemia ha colpito questo settore dell’assistenza sanitaria di base.

All’evento, a cui hanno partecipato Ines Mateo, presidente della FEDAO, Salvador Alsina, presidente di Vision y Vida, e la coordinatrice Elisenda Ibáñez, sono stati illustrati dati economici di fondamentale importanza, ricordando le conseguenze della pandemia di COVID-19. Nella nostra visione, Chiedere al governo di iniziare ad aiutare ad acquistare dispositivi ottici, come l’italiano Bonos Vista, per evitare quella che è già nota come “povertà visiva”.

Sei su ogni dI residenti di Iez in Spagna hanno bisogno di dispositivi ottici nella loro vita quotidiana Per godere di una buona visuale. Il bisogno diventa più latente man mano che il cittadino invecchia: Il 44,44% dei giovani non ha una vista perfetta e fino all’87,9% per quelli tra i 65 e gli 84 anni.

Tuttavia, i dati in questo white paper mostrano un aspetto preoccupante: Nella popolazione di età superiore a 85 anni, dove secondo le loro stime, il 100% delle persone avrà bisogno di dispositivi ottici, Quantità Uso di occhiali e lenti a contatto ridotto di 10 punti al 77,5%.

I professionisti del settore si chiedono se questo dato ci dice che manca una revisione o un follow-up in modo che queste persone ricevano consigli visivi su come rispondere alle loro esigenze, o, al contrario, Siamo già di fronte alla cosiddetta “povertà visiva”, l’impossibilità di ottenere apparecchiature ottiche per coprire le esigenze ottiche a causa di un problema economico.

READ  Il governo approva il piano di ripresa, che attira 140.000 milioni di aiuti dall'Unione Europea Economie

Questo è accoppiato con il fatto che Sappiamo che i gruppi socioeconomici inferiori hanno maggiori difficoltà visive. Quindi, hL’81,5% della popolazione che occupa lavori poco qualificati non ha disabilità visive o uditive, mentre la percentuale sale al 91,3% tra gli altamente qualificati.

Con questi dati in mente, il settore ha spiegato in una conferenza stampa che sta lavorando da circa un anno per far sì che il governo accetti di Il Piano Nazionale della Salute Visiva con la partecipazione di agenti statali, regionali e locali che consente il monitoraggio dello stato visivo di ogni cittadino Dal momento in cui è nato fino ai suoi ultimi giorni.

Soluzione unica: un coupon visibile per l’acquisto di occhiali da vista e lenti a contatto

In Italia, nel dicembre 2020, il governo ha approvato un sistema di assistenza per l’acquisto di apparecchiature ottiche per i più bisognosi. Pertanto, chiunque abbia un reddito inferiore a 15.000 euro può richiedere un buono di 50 euro per rinnovare occhiali o lenti a contatto. Gli aiuti, in fase di espressione, proverranno da un totale di 15 milioni di euro in un triennio (2021, 2022 e 2023) che potranno aiutare circa 100.000 persone all’anno.

Tuttavia, sebbene il settore ritenga che sia meglio partire da qualcosa di modesto per poter migliorare la situazione, ha analizzato attraverso i dati forniti dall’Istituto Nazionale di Statistica (INE) e l’indagine sanitaria quale sarebbe l’ideale proposta per soddisfare tutte le esigenze visive e ottenere una buona visione al 100% in Spagna.

Tenendo conto dei dati forniti dall’Istituto nazionale di statistica per il 2019, Il 20,7% della popolazione spagnola vive a “rischio povertà”. Sono 9.734.425 persone Vivono con meno del 60% del reddito medio annuo per unità di consumo in base al numero di persone (la soglia di povertà in Spagna nel 2019 era di 9.009 euro). In Aragona, il tasso della soglia di povertà colpisce il 17,9%

READ  "Cosmowomen": l'integrazione delle donne secondo Isaaccon Chinchilla

“Nel caso dell’Aragona, si tratta di 148.735 aragonesi che non potrebbero acquistare la loro attrezzatura ottica o il cui acquisto destabilizzerebbe la loro economia locale, ovvero il 62,94% di coloro che vivono sulla soglia di povertà nella Comunità Autonoma”E il Spiega Salvador El Siena, presidente di Vision and Life. Pertanto, il settore afferma che se vogliamo aiutare a raggiungere il 100% di una buona salute visiva in Spagna, questo numero deve essere raggiunto e Il buono deve essere di 100€, che è la metà dell’importo medio totale per un intero paio di occhiali o lenti a contatto per un anno.

Vision y Vida afferma che il governo ha approvato il Piano di Recupero, Trasformazione e Resilienza con il quale vuole rafforzare la prevenzione e promuovere la salute. “Promuovere la cura della vista e raggiungere il 100% di una buona salute visiva in Spagna è essenziale per evitare di affrontare un elevato costo sociale in futuro”Sina ricorda.

Tenendo conto che, come punto di partenza, Durante la pandemia di COVID-19, il 57% dei cittadini ha riscontrato un deterioramento della vista, Come I sintomi del problema visivo erano costanti nella vita del 44,5% della popolazione E come sono cambiate le nostre abitudini di vita, costringendoci a trascorrere più tempo in casa e imponendo la nostra visione ravvicinata, dobbiamo avviare azioni che ci aiutino a riprenderci presto e a promuovere una buona salute visiva al 100% in Spagna

Tuttavia, c’è un inconveniente significativo: I cittadini non si preoccupano della loro salute visiva in modo preventivo. Del 70% che ha dichiarato al termine dello stato di allerta che sarebbe stato rivisto, solo il 18,2% lo ha fatto. Allo stesso modo, non abbiamo cercato una cura per i sintomi di un problema alla vista che ancora si annida nel 42,1% della popolazione. Inoltre, la cura della vista del bambino è ancora in secondo piano (il 59,1% delle persone che non hanno fatto controllare il proprio bambino non lo farebbe perché non si è lamentato).

READ  Il valore della libertà e della democrazia

Ottici professionisti in Aragona

La Spagna (47 milioni di cittadini) può essere orgogliosa di essere uno dei paesi europei con la più alta rappresentanza di istituzioni di salute visiva in termini di popolazione.. Abbiamo praticamente lo stesso numero di optometristi dell’Italia (60 milioni) che è molto vicino al numero degli optometristi tedeschi, che quasi raddoppia il nostro numero. a) si, Abbiamo chiuso il 2020 con 10.039 optometristi nel Paese, lo 0,24% in meno rispetto all’anno precedente.

Attualmente ci sono 267 istituti ottici in Aragona.. In qualsiasi centro abitato con una popolazione di oltre 15.000 persone, c’è una struttura per la salute visiva. a) si, 4.941 persone incontrano ogni optometrista aragonese. La media in Spagna è di 4.684 persone per istituto di salute visiva.