Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Inditex sta già vendendo più di prima della pandemia | Economia

Decine di clienti sono entrati nel negozio Zara di Nantes (Francia), il 19 maggio.Stephen Mahe/Reuters

Inditex inizia il 2021 con un passo deciso dopo aver evitato l’anno più complicato della sua storia, tagliando il dividendo di quasi il 70%. L’azienda è riuscita a ribaltare la situazione e sta già vendendo più di quanto non facesse prima della pandemia: tra il 1 maggio e il 6 giugno ha fatturato il 102% in più rispetto a quel periodo del 2020 e il 5% in più rispetto a quanto registrato nel 2019. E questo nonostante il fatto che ci siano ancora alcune limitazioni e restrizioni alla sua attività. Questo miglioramento viene effettuato a un tasso di cambio fisso e non alla cifra reale (che non lo prevede ancora per quel periodo). Cioè, senza tener conto delle differenze, favorevoli o sfavorevoli, nel valore delle valute nei mercati in cui operano.

Il miglioramento era già palpabile nel primo trimestre fiscale di quest’anno, da febbraio ad aprile, quando ha registrato un utile di 421 milioni di euro, ha riferito mercoledì la società alla CNMV. Senza contare il 2020, quando ha registrato le prime perdite della sua storia in quei mesi con qualche cifra rossa di 409 milioni, il suo utile del primo trimestre più basso dal 2013. Nonostante ciò, ha continuato a migliorare dal gap lasciato dalla pandemia al inizio dello scorso anno.

maggiori informazioni

Le vendite in questi tre mesi sono cresciute del 49,6% a 4.942 milioni di euro e l’Ebitda ha raggiunto 1.235 milioni di euro (+155%). Questo apparente miglioramento rispetto all’anno precedente può essere spiegato dal difficile test che l’azienda ha dovuto affrontare a causa della crisi del coronavirus: ha chiuso l’anno con un utile di 1.106 milioni di euro, il 69,6% in meno rispetto all’anno precedente. Soprattutto tra febbraio e aprile, periodo che è stato duramente colpito dall’inizio della pandemia e dai casi più gravi di confinamento e con l’88% delle sue strutture con non vedenti a causa delle restrizioni per contenere il virus. La percentuale di vendite in quel momento rispetto a quanto registrato nel 2019 era del 44,3%. Ora, parte di questa inversione è stata corretta: la fatturazione riduce il gap per il 2019 ed è già solo del 16,6% inferiore rispetto allo stesso periodo dal livello pre-pandemia nel primo trimestre e all’inizio del secondo sorpasso.

READ  L'economia delle Canarie è scesa del 15% nel primo trimestre dell'anno

“La differenziazione e il passaggio strategico verso un modello di business integrato, digitale e sostenibile sta dando i suoi frutti”, afferma Pablo Isla, CEO dell’azienda, nella nota dei risultati. Inditex – il proprietario di marchi come Zara o Massimo Dutti – ha già annunciato nella sua presentazione dei risultati annuali che all’inizio di quest’anno i venti soffiavano a loro favore. Naturalmente con grande cautela a causa delle oscillazioni causate dalle restrizioni per contenere il contagio del Coronavirus. Durante questi tre mesi, i negozi sono stati chiusi per quasi un quarto dell’orario di apertura (24%) a causa delle restrizioni ancora in vigore e delle restrizioni sull’attività, in particolare in mercati chiave come Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Portogallo e Brasile.

In termini di posizione finanziaria netta, Inditex è stato valutato a 7.176 milioni di euro, in crescita del 25% rispetto all’anno precedente e massimo storico nel primo trimestre. Un altro indicatore in miglioramento è il margine lordo – molto importante per analisti e investitori – che si è attestato a 2962 milioni, il 59,9% del volume degli scambi. Si tratta di 1,5 punti percentuali in più rispetto allo stesso periodo del 2020. L’assemblea degli azionisti si terrà il 13 luglio e il Consiglio di amministrazione proporrà un dividendo complessivo corrispondente all’esercizio 2020 di 0,70 euro per azione, di cui euro 0,35 è stato pagato il 3 maggio e il resto verrà erogato il 2 novembre.

71 negozi in meno

L’azienda sta inoltre proseguendo la sua strategia di chiusura dei convenience store (acquisizioni, come li chiama Inditex) senza potersi adattare e fondere negozi fisici e digitali nello stesso spazio. L’azienda ha chiuso i primi tre mesi del ciclo con 6.758 negozi in 96 mercati, 71 in meno rispetto alla fine dell’anno fiscale 2020 e 654 in meno rispetto a quelli del primo trimestre del 2020.

READ  L'uomo che fermò l'Orient Express, di Enrique Giuliana

Questa tendenza si mantiene nel tempo e l’azienda non si sposta dal percorso pianificato, che ha già ripagato aumentando le vendite online. In particolare, nel primo trimestre di quest’anno, l’e-commerce è cresciuto del 67% a cambio fisso, anche al di sopra di quanto registrato nello stesso periodo dello scorso anno in piena preclusione (+50%). “Il sistema di gestione dell’inventario integrato (SINT), una funzionalità che consente di effettuare un ordine online dall’inventario del negozio più efficiente, si è dimostrato un elemento chiave in questo senso”, afferma l’azienda.

In cambio di queste chiusure, Inditex sta raddoppiando il suo impegno a favore di organizzazioni più grandi in spazi token che consentono una migliore trasformazione digitale aziendale. Da qui il recente annuncio dell’azienda della mega apertura che si terrà nell’España Building di Madrid, che collocherà Zara e Zara Home su un’area di oltre 7.700 metri quadrati e Stradivarius di 1.200 metri quadrati. Anche le recenti aperture al Cairo (Egitto), Cardiff (Regno Unito) ed Edimburgo (Regno Unito) sono un esempio di questa strategia.

Per quanto riguarda le chiusure, il mese scorso era noto anche il calendario di chiusura di 56 istituzioni in Spagna, che quest’estate ridurrà definitivamente i non vedenti. Per il 2020 e il 2021, secondo Inditex, le aspettative sono per la chiusura di tra 300 e 350 istituzioni in Spagna.