Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bruxelles teme che l’instabilità in Italia si diffonda a tutta l’Unione Europea

La scorsa settimana, oltre a Boris Johnson Nel Regno Unito, e all’interno dell’Unione Europea, i primi ministri di Bulgaria (Kirill Petkov) ed Estonia (Kaja Kallas) si sono dimessi e non hanno suscitato particolare emozione. Tuttavia, la fine del governo Mario Draghi in Italia è stata avvertita a Bruxelles come un terremoto che ha scosso i corridoi della Commissione europea. L’Italia è la terza economia dell’Unione Europea, con tutta l’influenza che questa ha sul resto del mercato unico e allo stesso tempo accumula molti problemi e squilibri che fanno di questo Paese uno degli anelli più deboli dell’intera economia europea.

Il teatro della guerra in Ucraina e le relazioni speciali che l’Italia intrattenne con la Russia, soprattutto in lato attivoProbabilmente finiranno per aiutare a costruire teorie del complotto in qualche modo credibili. In ogni caso, le turbolenze politiche a Bruxelles in Italia non sono mai buone e ora sono molto pericolose.

Molto importante il commento postato da Manfred Weber, presidente del Partito popolare europeo, che, oltre ai ringraziamenti a Draghi per la sua amministrazione in questi mesi, fa pensare che stia valutando con un certo entusiasmo la possibilità di elezioni anticipate: «Grazie tu, Mario Draghi» ha detto Weber sui social. Dopo 5 stelle votato contro il governo Era impossibile stare con loro. Ora spetta agli elettori prendere la decisione il più rapidamente possibile. L’Europa ha bisogno di un governo di centrodestra stabile a Roma. Forza Italia sarà una forza europeista e il PPE sarà dalla sua parte». Il problema sia per il PPE che per le istituzioni della società in generale è che le urne sono attualmente – e in larga misura – guidate da Fratelli d’ Italia, il partito di Giorgia Meloni che è attivo nel gruppo dei populisti nazionalisti, nell’orbita di Fox, e la sua simpatia per l’Europa è molto limitata.

READ  Draghi concorda con l'Algeria di importare il 50% in più di gas mentre Sanchez si arrende al Marocco

Il popolo è stato praticamente fuori dalla politica italiana dalle dimissioni Silvio Berlusconi Alla fine del 2011, dopo quasi tre decenni di essere la forza dominante. La prospettiva che il centrodestra torni al potere in un grande Paese, una volta espulso dalla Germania, dalla Spagna o dalla Francia, significherà il rinvio del potere principale al Parlamento europeo.

Ma i tempi di questa situazione non lasciano molto spazio all’ottimismo. Le ultime previsioni della Commissione Europea avvertono che dopo un periodo di rilancio dell’economia italiana, “la perdita del potere d’acquisto reale delle famiglie, il calo della fiducia di imprese e consumatori, le strozzature nell’offerta e l’aumento Spese di finanziamento Prospettive deboli. Draghi ha fatto tutto il possibile per ridurre la dipendenza della Russia dall’energia, ma “possibili interruzioni dell’approvvigionamento fanno peggiorare le prospettive” e inoltre “il deterioramento delle prospettive della domanda e l’aumento dei costi di finanziamento dovrebbero indebolire gli investimenti delle imprese, in particolare in macchinari e attrezzature”.

speranza frustrata

Di fronte a questo scenario in cui si prevede un aumento delle proteste sociali e data l’incapacità dei politici italiani di trovare una leadership stabile, lo hanno già costretto a ripetere il suo mandato di Presidente della Repubblica. a ottant’anni Per non trovare un successore – per Bruxelles l’unica speranza era che Draghi restasse presidente del Consiglio il più a lungo possibile perché avrebbe dovuto approvare il prossimo bilancio e mettere in atto le riforme necessarie se avesse voluto sbloccare i soldi per il prossimo tranche del piano di risanamento sindacale della Commissione, essenziale per il mantenimento dei suoi conti pubblici.

Ironia della storia, le dimissioni di Draghi avvengono lo stesso giorno in cui Christine Lagarde, sua successore alla guida della Banca centrale europea, ha deciso di alzare per la prima volta i tassi di interesse. tra due decenni. Lui, che ha fatto la storica dichiarazione promettendo di fare “tutto il necessario” per salvare l’euro nella crisi finanziaria del 2008, deve ora ammettere la sua impotenza nel tentativo di riportare l’ordine nel suo Paese, che ha già raggiunto il livello di debito accumulato . Ha raggiunto il 150% del PIL senza possibilità di taglio ora che i titoli italiani a 10 anni sono già scambiati al 4%.