Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno spagnolo su tre ammette di non poter riscaldare la propria casa al prezzo di una bolletta del gas



Il 32% degli spagnoli ammette di non poter riscaldare economicamente le proprie case, secondo uno studio pubblicato giovedì dalla Banca europea per gli investimenti (BEI). Il rapporto rivela anche che tra gli altri intervistati che possono permettersi i costi del riscaldamento delle proprie case, Solo il 16% di loro accetterà il punteggio massimo di 19 Riscaldamento richiesto dal governo per edifici pubblici, trasporti, attività commerciali e negozi, al fine di favorire il risparmio energetico durante l’inverno.

Questo numero contrasta con il dato registrato da altri paesi dell’ambiente comunitario, come la Francia o l’Italia, dove rispettivamente il 47% e il 32% degli intervistati.Sì, sarà disposto ad accettare un limite finale dai suoi governi Alla temperatura dei riscaldatori nelle case private.

In merito alle possibili soluzioni per arginare l’escalation dei prezzi dell’energia, l’opzione che il governo spagnolo abbassi, in primo luogo, le tasse sull’elettricità è la risposta che desta più consensi tra gli intervistati (42%), seguita da altre proposte come Ridurre i prezzi di gas, petrolio e carbone (33%) o promuovendo il risparmio energetico attuando campagne di sensibilizzazione del pubblico (16%).

Allo stesso modo, è stato consultato anche il 63% degli spagnoli Richiede che i prezzi dell’energia dipendano direttamente dai consumiin modo che i consumatori migliori paghino di più sulle bollette, secondo l’indagine della Banca europea per gli investimenti, condotta lo scorso agosto su un campione di oltre 28.000 persone provenienti da tutta l’Unione Europea, dal Regno Unito, dagli Stati Uniti e dalla Cina.

In tutto, due spagnoli su tre (69%) ritengono che l’invasione russa dell’Ucraina e gli effetti della guerra sull’aumento dei prezzi dell’energia Deve essere una spinta per accelerare la transizione ambientale In questo senso, il 70% degli intervistati chiede anche alle autorità di imporre più sanzioni alle attività inquinanti, con l’obiettivo di compensare il loro costo ambientale.

READ  E l'Italia, Paese ospitante del Gruppo dei Venti, chiederà regole più severe sul lavoro informale

Nello specifico, per quanto riguarda le priorità energetiche, la metà dei cittadini intervistati (50%) È preferibile che il governo si concentri sulla promozione dell’espansione delle fonti di energia rinnovabilementre il 31% ritiene più urgente che l’esecutivo diversifichi gli approvvigionamenti energetici, per non dipendere da un unico Paese fornitore.

E lo conferma lo studio della Banca europea per gli investimenti Preoccupazione per il cambiamento climatico È in aumento tra gli spagnoli: il 39% dei cittadini ora la considera una grande sfida nel 2022, mentre nel sondaggio del 2021 dello scorso anno solo il 29% delle persone intervistate pensava che lo fosse, con un aumento di dieci punti percentuali.

però, La più grande preoccupazione per gli spagnoli resta la disoccupazioneDal 2022, il 56% degli intervistati ha indicato il mercato del lavoro come la principale preoccupazione, rispetto a una media del 45% nel gruppo di paesi intervistati.

La pubblicazione di questo studio da parte della Banca Europea per gli Investimenti, la cui missione è finanziare investimenti che promuovono gli obiettivi climatici fissati dall’Unione Europea, sta per celebrare, a novembre, la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima in Egitto, Dove i leader di tutto il mondo cercheranno di trovare soluzioni per affrontare questa sfida ambientale.