Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Debito estero: l’Argentina evita il “default” con il Club di Parigi | Economia

Il ministro dell’Economia argentino, Martin Guzman, lo scorso aprile.ogni

L’Argentina ha ricevuto un pallone ad ossigeno a causa del suo fitto programma di pagamenti all’estero. Dopo mesi di trattative, il governo di Alberto Fernandez questo martedì ha assicurato un “ponte temporale” con il Club di Parigi che gli impedirà di cadere in ipotetico Il 31 luglio successivo, quando ha dovuto pagare 2.400 milioni di dollari. L’accordo prevede il pagamento di 400 milioni di dollari e l’inizio del rimborso del saldo dovuto fino al 31 marzo 2022. Nel frattempo, l’Argentina porterà avanti le trattative con il Fondo Monetario Internazionale, cui deve i 44.000 milioni di dollari che il Fondo multilaterale ha prestato al governo di Mauricio Macri nel 2018.

maggiori informazioni

“Pagare (2,4 miliardi di dollari al Club di Parigi) sarebbe stato un duro colpo per le riserve internazionali. Avrebbe generato più tassi di cambio e instabilità macroeconomica complessiva”, ha dichiarato il ministro delle finanze argentino Martin Guzman in una conferenza stampa. ipotetico Avrebbe anche generato effetti destabilizzanti, incertezza e imprevedibilità in questo contesto che avrebbero inflitto danni particolari”, riferendosi agli effetti della pandemia sull’economia. Nel 2020 il PIL argentino è sceso del 9,9%, non solo superandolo nella regione Venezuela e Perù, combattendo contro un’inflazione che supera il 40% annuo e mantenendo pagamenti del debito estero di 341.000 milioni di dollari, equivalenti a quasi il 90% del loro PIL. Mesi dopo l’inizio della pandemia, il paese ha chiuso un accordo con i suoi creditori privati ​​dopo che sono stati inadempienti Alberto Fernandez ha viaggiato in Europa il mese scorso per aggiungere supporto in negoziati simili con il Club di Parigi e il Fondo monetario internazionale.

READ  Gli standard per la valutazione del debito dei paesi stanno cominciando a cambiare.

L’accordo annunciato martedì sembrava possibile, ma non era dato per scontato. “L’Argentina aveva tre opzioni”, spiega Pablo Waldman, capo della strategia del gruppo di servizi finanziari StoneX Argentina. Avrei potuto saldare il debito per intero, non pagare ed entrare ipotetico O negoziare un waypoint. Questo accordo interpartitico, raggiunto in mezzo alle contraddizioni tra i due referenti della coalizione di governo, è un segno di buona volontà per i mercati. L’Argentina ora ha spazio per negoziare con il FMI senza la spada di Damocle di A ipotetico forza con un altro gruppo di creditori internazionali”, spiega Waldman.

Il ministro Guzmán ha chiarito che la data concordata con il Club di Parigi non significa la fine degli altri negoziati, cioè i negoziati del FMI. Gli incontri con il fondo riprenderanno “di persona” il mese prossimo, quando la delegazione argentina che si recherà il mese prossimo al vertice del G20 in Italia incontrerà le squadre di Kristalina Georgieva. Tuttavia, qualsiasi accordo sarà lasciato a dopo novembre. L’Argentina tiene le elezioni legislative quel mese e il riavvicinamento con il Fondo monetario internazionale minaccia di intimidire gli elettori che sostengono Fernandez.

Iscriviti qui per me le notizie Da EL PAÍS America e ricevi tutte le chiavi informative per la situazione attuale nella regione