Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno dei vaccini implementati nel Paese riduce i sintomi della malattia Covid prolungata fino al 68%

I nostri risultati suggeriscono che oltre a ridurre il rischio di malattie acute, la vaccinazione contro il Covid-19 può avere un effetto protettivo contro il Covid per periodi prolungati.La dichiarazione fa parte delle conclusioni di un gruppo di ricercatori israeliani, che ha seguito 951 persone risultate positive al SARS-CoV-2, scoprendo che coloro che erano stati vaccinati con Pfizer prima di ammalarsi hanno ridotto alcuni dei sintomi più comuni del Covid che estendersi nel tempo fino al 68%.Si stima che almeno il 10% delle persone colpite avrà qualche effetto a lungo termine dopo che la malattia sarà stata superata.

Il lavoro, che non è stato ancora recensito, è stato pubblicato nove giorni fa in https://www.medrxiv.org/ Ieri è stato analizzato in un articolo di rivista temperare la natura. Invitiamo le persone che sono state sottoposte a test PCR per l’infezione da SARS-CoV-2 negli ospedali partecipanti tra marzo 2020 e novembre 2021 a completare Questionario online che include dati demografici di base, dettagli sui loro episodi acuti (COVID-19) e informazioni sui sintomi che stanno attualmente vivendo. Usando la regressione binomiale, abbiamo confrontato la vaccinazione con individui non vaccinati e non infetti in termini di sintomi auto-riferiti dopo l’infezione acuta”. Gli esperti guidati da Paul Cody hanno spiegato.

Nel complesso, lo erano Ha studiato 951 infetti e 2437 non infetti. Da lì, si è riscontrato che di quelli infetti, 637 (67%) sono stati vaccinati con Pfizer. Inoltre, hanno identificato che i sintomi riportati più frequentemente erano: affaticamento (22%), mal di testa (20%), debolezza (13%) e dolore muscolare persistente (10%).

Dopo aver aggiustato il tempo di follow-up e i sintomi di base, i soggetti che hanno ricevuto due dosi avevano meno probabilità rispetto ai soggetti non immunizzati di riportare uno qualsiasi di questi sintomi: 64% affaticamento, 54% mal di testa, 57% debolezza, 68% dolore muscolareColoro che hanno ricevuto due dosi non avevano più probabilità di riportare nessuno di questi sintomi rispetto alle persone che non avevano Covid-19, hanno riferito i ricercatori, aggiungendo:

Confronto per stato vaccinale.www.medrxiv.org

Nell’analisi della ricerca condotta in temperare la natura, Consulta Akiko Iwasaki, immunologo virale presso la Yale University School of Medicine di New Haven, nel Connecticut, che ha dimostrato che la vaccinazione può ridurre l’infezione prolungata da Covid. Nei vaccinati, perché riduce il periodo in cui è presente il virus Ha “libertà nel corpo” durante le infezioni acute.

Claire Steves, un medico del King’s College di Londra che ha condotto uno studio simile nel Regno Unito, è d’accordo con i dati israeliani a sostegno delle sue scoperte: “È davvero bello vedere diversi progetti di studio associati agli stessi risultati”.

Il professionista ha aggiunto che oltre ai risultati di entrambi gli studi, le persone completamente vaccinate stanno ancora lavorando Il rischio di contrarre il Covid per lunghi periodi, in quanto non è ancora noto se la vaccinazione possa proteggere le persone dal Covid per lunghi periodia indotto dalla nuova variante omicron.

consultato prima NazioneJeronimo Cello, biochimico argentino presso il Dipartimento di Microbiologia e Immunologia della Stony Brook University (New York) School of Medicine, ha dichiarato: “Ci sono già stati alcuni dati che lo dimostrano. Questo articolo è molto buono perché mostra chiaramente il risultato positivo in coloro che sono stati vaccinati e che hanno il Covid da molto tempo”.. Serve anche nei casi che sono vaccinati dopo aver contratto il Covid e che mostrano sintomi Covid prolungati. È necessario raccogliere ulteriori prove, perché finora sono state raccolte di aneddoti piuttosto che studi per raggiungere queste conclusioni. Questo è uno studio osservazionale, Pertanto, alcuni effetti confondenti sono difficili da controllare (mescolare gli effettie alcuni pregiudizipregiudizi). Ciò significa che dobbiamo stare attenti e non sovrainterpretare queste prove. Inoltre, poiché si tratta di studi osservazionali, la causalità non può essere dedotta, l’associazione può essere semplicemente dedotta”.

Chilu si è poi chiesto: “Pertanto, la misura adottata dal Ministero della Salute argentino di attendere 90 giorni dopo che una persona è stata infettata per somministrare una dose di richiamo è infondata. Non ci sono prove che dicano che dovresti aspettare così a lungo per l’immunità dalla malattia non per sopprimere l’immunità causata dal vaccino”. Non ci sono informazioni, sono solo speculazioni. Non ci sono prove per questa decisione”.

«Ma ci sono prove, come questa, di esso Anche nelle persone con malattia da Covid lieve, possono successivamente prolungare la durata del Covid e somministrando il vaccino quando sono fuori dalla malattiaLe possibilità di contrarre i sintomi del Covid per lungo tempo diminuiscono. L’argentino ha aggiunto che c’è anche una proposta per ricevere la dose il prima possibile dopo aver superato il grave Covid e quando la persona si sente bene.

READ  Il conflitto russo-ucraino: la guerra dimenticata che potrebbe scatenare il peggior confronto d'Europa dal 1945 | L'aspetto dell'inviato speciale