Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia vieta alle squadre di soccorso migranti di decollare dall’aeroporto della Sicilia

L’Italia vieta alle squadre di soccorso migranti di decollare dall’aeroporto della Sicilia

ROMA (AP) – L’autorità aeronautica italiana ha vietato alle squadre di soccorso umanitario dei migranti di utilizzare un aeroporto siciliano per lanciare voli di ricerca e salvataggio sul Mediterraneo.

Un comando dell’ENAC siciliano ha sottolineato che gli aerei interferiscono con il lavoro specializzato di coordinamento delle operazioni di ricerca e salvataggio della Guardia Costiera e mettono a rischio la vita dei migranti. I gruppi di soccorso non governativi che continuano a utilizzare l’aeroporto di Lampedusa in Sicilia dovranno affrontare multe non specificate e la confisca dei loro aerei, ha affermato.

Il decreto è un nuovo tentativo del governo del primo ministro italiano Giorgia Meloni di reprimere l’immigrazione dal Nord Africa, un’importante promessa elettorale che ha portato la sua coalizione conservatrice al potere nel 2022.

Sea-Watch, il gruppo di soccorso tedesco che gestisce il Seabird per localizzare le imbarcazioni di migranti in difficoltà, si è impegnato a continuare i suoi voli. Martedì sera ha affermato che i voli sono l’unico modo indipendente per “documentare le quotidiane violazioni dei diritti umani” nel Mediterraneo.

L’organizzazione ha sottolineato l’attività della Guardia costiera libica, che riceve formazione e attrezzature dall’Unione europea. Le navi libiche spesso intercettano le imbarcazioni dei trafficanti e le portano a terra in Libia, dove le Nazioni Unite e i gruppi per i diritti umani hanno documentato gravi abusi nei centri di detenzione per migranti.

“Questo attacco, che viola il diritto internazionale, non fermerà coloro che vogliono mantenere il segreto su ciò che accade ogni giorno nel Mar Mediterraneo”, ha affermato Sea-Watch in un post sui social media.

Oltre a perseguire i trafficanti e i migranti stessi, il governo ha adottato una serie di misure per complicare il lavoro dei gruppi di aiuto umanitario che salvano i migranti in mare. Il governo accusa la loro presenza nel Mediterraneo di incoraggiare attraversamenti pericolosi e di alimentare la domanda di traffico di esseri umani.

READ  L'argentino Julio Velasco allenerà l'Italia nel torneo di pallavolo femminile

I gruppi umanitari affermano che stanno salvando vite umane in assenza di un’adeguata risposta europea alla crisi migratoria e hanno attaccato le misure italiane progettate per limitare il tempo trascorso in mare.

Oltre alle indagini e ai sequestri occasionali di navi da parte delle forze di sicurezza, l’Italia ora assegna le navi a porti lontani dalla zona di salvataggio e impone loro di tornare in porto dopo ogni salvataggio anziché rimanere in mare.

Inizialmente non era chiaro cosa avrebbero fatto gli equipaggi per continuare a volare e se sarebbero stati in grado di trovare aeroporti alternativi vicino all’area di ricerca.

Lampedusa, più vicina all’Africa che al continente italiano, è da tempo la destinazione preferita dei trafficanti di migranti che fanno pagare centinaia di euro a persona su barche sovraccariche nel pericoloso viaggio dal Nord Africa.

La Meloni si è impegnata a ridurre gli arrivi e ha raggiunto una serie di accordi per incoraggiare i paesi nordafricani a frenare le partenze, oltre a costruire due centri di trattamento dei richiedenti asilo prelevati dalle navi italiane in Albania, che vuole entrare nell’Ue.

Quest’anno, finora, il numero di migranti arrivati ​​in Italia è di gran lunga inferiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso: mercoledì sono stati segnalati 17.666 arrivi, rispetto ai 44.739 di questa data nel 2023 e poco più di 11.797 nel 2022. Dal Ministero degli Interni.