Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Orrore in India: una giovane donna rifiuta un candidato, si suicida, viene stuprata di gruppo e umiliata pubblicamente

Fotografia: Anushri Fadnavis/Reuters

Una giovane donna è stata pubblicamente umiliata dagli applausi della folla, per lo più donne, dopo essere stata violentata in gruppo da diversi uomini a Nuova Delhi, in quella che la famiglia di un ragazzo innamorato della sua vittima ha descritto come vendetta. Si è suicidato non rispondendo a tono.

il “Uno sfortunato episodio di abuso sessuale e fisico di una donna a causa di una disputa personale” L’attacco è stato condannato, giovedì, nel distretto capoluogo di Shahdara, secondo una dichiarazione video riportata dall’ispettore di polizia distrettuale R. satyasundram.

Ha aggiunto che le autorità hanno finora arrestato quattro sospetti, “e le indagini sono in corso”.

Da parte sua, il capo del Comitato delle donne della capitale indiana, Swati Maliwal, ha indicato che la vittima è una donna di 20 anni. “Sono stato stuprato in gruppo da venditori illegali di liquori”.

Fotografia: Adnan Abedi/Reuters
Fotografia: Adnan Abedi/Reuters

attaccanti Le hanno rasato la testa, le hanno applicato della vernice nera sul viso e poi l’hanno accompagnata per le strade con una corona di scarpe intorno al collo.

“Sto inviando un avviso alla polizia di Delhi. Tutti gli uomini e le donne accusati devono essere arrestati e la sicurezza deve essere fornita alla giovane donna e alla sua famiglia”, ha detto Maliwal su Twitter.

umiliazione

Le immagini di parte dell’accaduto, ampiamente diffuse sui social, mostrano una giovane donna con la testa rasata che indossa una collana di scarpe al collo mentre cammina tra la folla, in maggioranza donne, tra percosse, urla e spinte.

L’usanza di appendere ghirlande, solitamente fatte di fiori, è un’antica tradizione indiana per onorare persone o figure religiose, ma quando si indossano le scarpe esprime la vergogna della società nei confronti dell’individuo.

Fotografia: Anushri Fadnavis/Reuters
Fotografia: Anushri Fadnavis/Reuters

A questa pratica di disprezzo si può aggiungere il tagliare i capelli o le tonsille, o dipingere di nero il viso della persona prima di essere trascinata tra la folla per aggredirla.

READ  Il bilancio delle vittime del crollo dell'edificio di Miami sale a 11.150 dispersi

All’origine di quanto accaduto, dovrebbe esserci la vendetta familiare di un ragazzo suicidatosi, innamorato della vittima, lo scorso novembre dopo non aver ricambiato.

“La sua famiglia incolpa mia sorella per la morte di suo figlio”, ha detto la sorella della giovane donna all’Indian Express.

Questo nuovo incidente dimostra la continua crudeltà nella società indiana contro le donne, nonostante i tentativi dello stato di inasprire le sanzioni e le leggi contro le aggressioni sessuali.

Fotografia: Anushri Fadnavis/Reuters
Fotografia: Anushri Fadnavis/Reuters

Alcune delle umilianti punizioni contro le donne, le percosse e l’indossare una corona di scarpe per rappresaglia per i membri della loro comunità, vengono ripetute sui giornali indiani.

Il modo in cui le donne sono viste in India e la tolleranza di una parte della società nei confronti di questi attacchi sono le ragioni alla base di molti di questi assalti e stupri, a volte descritti come causa di “vergogna nazionale”.

Secondo gli ultimi dati ufficiali della National Crime Records Agency (NCRB) dell’India, nel 2020 sono stati segnalati 28.046 casi di stupro nel Paese asiatico, ovvero più di 70 casi al giorno.

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: