Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una selezione di note alte

L’Argentina ha ottenuto la sua prima vittoria al leggendario stadio di Wembley.

Nobiltà obbligata: se all’epoca è stato notato che la nazionale argentina doveva rigorosi esami agli avversari dall’Europa, ora è giusto e per l’enfasi sulla pulizia e l’intelligenza con cui l’Italia è stata spazzata via dal campo.

Usciamo subito dall’eliminazione dell’Italia: è arrivato il morale al terzo volteggio di Finalissima per l’esclusione dal Mondiale in Qatar, guidata da un allenatore alla vigilia del diploma, nell’addio a Giorgio Cellini e con il famigerato ribaltamento delle assenze di Marco Verratti , Federico Chiesa, Lorenzo Insigne e Ciro Enmobile. (Vero come le squadre che sanno solo brillare, sia contro i buoni, contro i normali, contro i cattivi.)

L'Argentina e il suo capitano, Lionel Messi, hanno battuto l'Italia di 30 punti
La nazionale argentina, guidata dal suo capitano Lionel Messi, ha sconfitto l’Italia 3-0.

Rinnoviamo il lustro di un uomo imbattuto che non ha nulla di accidentale, casuale o irrilevante (32 fiammiferi di troppo) e ora, mettiamo sul tavolo i Dieci Comandamenti che emergono da una visita a Wembley:

Uno: Personaggio scelto. È difficile, molto difficile, perdere la sua traccia emotiva, e in questo caso non ha perso nemmeno nel momento più complesso del primo tempo.

Due: Sulla stessa frequenza: Lionel Scaloni è una squadra fortissima di Sisera. Forte chimica di determinazione e fiducia.

tre: Fotografia. Forse un’esagerazione, ma se l’Argentina non ha giocato a memoria, sembra da tempo che giochi a memoria.

Di Mara festeggia uno dei gol in finale che i campioni d'America e d'Europa hanno affrontato
Di Maria festeggia uno dei gol in finale che i campioni d’America e d’Europa hanno affrontato.

quattro: La gioia di Messi. Sì, certo, sappiamo già che ha craccato, che ha giocato, ha dato 9 punti, che non è arrivato a 10 solo perché gli è stato negato un gol, ma se chiediamo spiegazioni per il PSG/nazionale . Spalato, potresti trovare gratificante trasferire Leo quando corre dietro palla nella difesa dell’Albiceleste.

cinque: Cutie Romero: Con buona pace del veterano Nicholas Otamendi, dei fidati Nahuel Molina e Nicholas Tagliavico, Romero di Cordoba ha un grado di “difesa media” ed è chiamato ad essere una grande figura in Qatar.

READ  Solaria ha aumentato i profitti del 60% fino a giugno, supportata dalle vendite di energia

sei: Lautaro Martinez: sempre un capocannoniere e ogni giorno più giocatore. Ha giocato a Wembley la sua migliore partita con la nazionale. La sua maturità è già un dato di fatto e il suo tetto è ancora sconosciuto.

Sette: Gio Lo Celso: È chiaro quanto sia arrivato bene al Villarreal in Spagna. Guidato dalla saggia intuizione di Unai Emery, è diventato un giocatore con più bagagli avanti e indietro, da inserire, se possibile, senza rinunciare al suo buon piede.

I gol sono stati segnati da Lautaro Martinez, Angel de Mara e Paulo Dybala
I gol sono stati realizzati da Lautaro Martinez, Angel Di Maria e Paulo Dybala.

otto: Angel Di Maria: Dissipa i suoi fantasmi, i suoi dispiaceri e la sua ira, a parte l’astuto scherzo del destino Angelito andrà in Qatar con una legittima pretesa di arrampicarsi nel suo paradiso.

nove: Paola Dybala. Il suo obiettivo sarà un trampolino di lancio per il tanto atteso gruppo di giocatori fidati?

dieci: Scaloni. Manca qualche materia per diventare un grande capogruppo o sei già in una scuola di specializzazione?