Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ecco come appaiono gli alti salari in Spagna: quanto spiegano (in peggio) la nostra economia

Ecco come appaiono gli alti salari in Spagna: quanto spiegano (in peggio) la nostra economia

La settimana scorsa l’Istituto Nazionale di Statistica ha pubblicato una delle statistiche che ogni anno mi piace analizzare di più. Uno dei nomi più comuni in Spagna? Anche questo. Ma oggi lo faccio notare Decimale dello stipendio del lavoro principale. Cioè quanto guadagnano gli oltre 17 milioni di dipendenti che lavorano nel nostro Paese.

Probabilmente i risultati principali non hanno sorpreso quasi nessuno: nel 2022 lo stipendio medio mensile (in valore totale) era di 2.128,4 euro. Nel frattempo, lo stipendio medio era di 1.814,0 euro.

Cioè, la metà degli spagnoli guadagna meno di 1.814 euro. Questo è in valore totale (prima che il Ministero del Tesoro e della Previdenza Sociale riscuota le sue quote) e suddiviso proporzionalmente su un periodo di dodici mesi (equivale cioè a uno stipendio di poco più di 1.550 euro suddiviso in quattordici rate). è la verità, Lo abbiamo spiegato in precedenti occasioniche allo stipendio complessivo di 1.800 euro bisogna aggiungere i contributi sociali a carico del datore di lavoro, che ammontano a circa il 32-33% di questa cifra, e quindi il Stipendio lordo effettivo Saranno più di circa 2400 euro.

Se guardiamo la questione per grandi aggregati, l’Istituto Nazionale di Statistica ci ricorda che il terzo decile (ovvero il 30% dei lavoratori che percepiscono il reddito minore) finisce per ricevere 1.440 euro al mese in dodici rate; E il Clan 8 (che fa spazio al 30% di chi guadagna di più) parte da 2.374 euro.

Come quasi sempre accade, il nostro sguardo è attratto dai livelli più bassi. Non solo il primo decennio, che si spiega con il lavoro part-time o con contratti di formazione. Ma quei 1.440 euro (poco più di un miliardario se li consideriamo in quattordici versamenti ricevuti da circa un terzo dei dipendenti spagnoli al massimo). Per quanto mi riguarda, la mia prospettiva è quasi sempre verso i livelli più alti. Ci sono le professionalità che ho incontrato di più nella mia carriera (pochi giornalisti, ma tanti professori universitari, economisti, impiegati del settore finanziario o manager di medio livello). E naturalmente, Contro la retorica del governo sui ricchile poche tasse che pagano, il margine che hanno per chiedere di più, la colpa loro dei bassi salari del resto dei lavoratori… Dico che di fronte a queste accuse, la prima cosa che mi viene in mente quando Guardo quanto siano ridicoli questi numeri (rispetto al tipo di lavoro che svolgono, alla responsabilità o al carico di lavoro) e quanto ci dicono (in peggio) sull’economia spagnola.

READ  Prezzi del gas UE: i paesi decidono di fissare limiti | Finanza | Economia

Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica, Il prezzo massimo in decili in Spagna parte da 3.629,74 € Mensile (ripetiamo, inizialmente e suddiviso in dodici rate; poco più di 3.100 euro in quattordici rate; appena 43.550 euro l’anno). So che chi vince 1.300 euro penserà “chi lo prenderà”, ma è una miseria. Una fame non da poco, ma nei termini abituali per questo tipo di situazioni. Qualsiasi impiegato di medio livello che viva a Copenaghen, Amsterdam, Londra o Stoccolma non saprebbe che questo è ciò che guadagna non lo spagnolo medio… ma il ricco, il 10%.

Per quanto riguarda l’istruzione, la ripartizione è altrettanto deprimente: chi non ha titoli di studio o ha terminato solo l’obbligo scolastico guadagna in media 1.465 euro; Per chi ha la scuola secondaria superiore si parla di 1.680 persone; Per coloro A un livello più alto, il salario medio raggiunge i 2.647,8 euro. Sì, ancora una volta, l’istruzione e tutte quelle cose di cui noi giornalisti parliamo sono molto importanti. Ma smettiamola con le milonghe: questo non è normale. Quando l’ho visto mi sono ricordato Un’intervista che gli ho letto Poche settimane fa Jesús Fernández Villaverde, uno dei miei economisti spagnoli preferiti (spiega fenomeni molto complessi in modo semplice e da una prospettiva molto ampia). Quando gli chiesero se non si pentiva di aver lasciato la Spagna per la fredda (e noiosa, direi) Pennsylvania, disse: “Se fossi rimasto avrei preso uno stipendio disgustoso, perché i professori in Spagna guadagnano pochissimo. Avrei ottenuto uno stipendio disgustoso.” “Dobbiamo combattere un sistema che premia solo la mediocrità, un sistema universitario che approva la tesi di dottorato di Pedro Sanchez… Non credo che questa tesi sarebbe stata approvata anche se fosse stata una tesi alla Penn”.

READ  Kerry annuncia a Davos l'allargamento dell'alleanza climatica
ine-epa-decil-salarios-tam-establec.jpg

La terza tabella che guardo ogni volta che esce con un decimale è quella che divide Stipendi in base alle dimensioni della sede di servizio (Vedi foto sopra). Niente di nuovo o di molto sorprendente. Nonostante gli insulti di routine che i nostri leader rivolgono ai leader aziendali (che vengono presentati come senza scrupoli, avidi e con un potere sui propri lavoratori che consente loro di costringerli ad accettare qualsiasi contratto gli venga offerto), la realtà è che le grandi imprese pagano di più (molto di più) Di più). Più) che piccolo. Oltre il 50% di coloro che lavorano nei centri con più di 250 dipendenti guadagnano 2.373 euro o più. Naturalmente, questo non è perché i grandi imprenditori sono le sorelle minori della filantropia: quella è quella che si chiama produttività (queste aziende dovrebbero pagare ciò che producono i loro dipendenti, perché se non lo fanno, lo faranno gli altri e glielo prenderanno).

Tre conclusioni

Prima conclusione: Produttività, produttività, produttività…È tutta una questione di produttività. Se addebitiamo ciò che addebitiamo è perché produciamo ciò che produciamo. Vediamo se crediamo che in Danimarca, nei Paesi Bassi o in Svizzera ricevano salari più alti perché i loro sindacati sono più potenti, o i loro datori di lavoro sono altruisti, o la loro legislazione sul lavoro è più protettiva nei confronti dei lavoratori. Credere (come fa Yolanda Diaz) che gli stipendi siano fissati dai datori di lavoro, dalla contrattazione collettiva o dagli statuti dei lavoratori è assurdo. Se riusciamo a guadagnare 4mila euro per decreto, state certi che questo decreto sarà già approvato.

In secondo luogo, se ne parla molto Fuga di cervelli, nuova economia o attrazione di talenti. E pagando questi stipendi, vi sto già dicendo che non manterremo né attireremo molti talenti. I miei amici di un certo livello professionale che lavorano all’estero concordano nel dire che la qualità della vita a Madrid è circa dieci volte migliore che a Londra, New York o Parigi (e qui i fattori in gioco sono tanti, dal clima all’offerta di intrattenimento). Hanno anche deciso di non venire affatto in Spagna.

READ  Tutte le destinazioni verso cui viaggiare da Valencia quest'inverno

Finalmente, Il nostro posto nel mondo. In questo articolo sono caduto di nuovo nella stessa trappola. Comincio a scrivere e confrontare, e ognuno di essi ha la sua particolarità: Germania, Francia, Regno Unito, Paesi Bassi, Svizzera, Danimarca… Forse è questo il problema. Pensavamo che questo fosse il nostro gruppo. Ma è una bugia, come se volessimo entrare nel Sei Nazioni di rugby: diciamocelo, non abbiamo lo standard; Ci superavano di 50 punti in ogni partita. È vero che ci sono stati alcuni anni, tra il 95 e il 2005, in cui pensavamo di poter essere lì, salire nella classe economica, competere con i migliori d’Europa. In questo momento, semplicemente non è vero. Questo è stupido. La nostra categoria è Italia, Portogallo, Grecia, Slovacchia, Slovenia, Estonia, Lettonia, Repubblica Ceca… Non è che stiamo andando particolarmente bene rispetto a tutte queste categorie. Ogni anno qualcuno ci supera. Ma sarebbe bello se lo abbracciassimo, anche se non vivessimo permanentemente nella delusione. Negli anni Cinquanta pensavamo che fossimo un Paese di seconda classe in termini economici, ci mettevamo a lavorare e stavamo per salire sul primo treno. Eravamo vicini. Forse adesso, invece di guardare i nostri stipendi e continuare a piangerci addosso, quello che dobbiamo fare è dare per scontato quello che c’è e chiederci cosa stanno facendo i dirigenti. Il nostro vero campionato, non quello che immagini, per provare a salire in prima classe. E imitarli. Pensando all’economia della Danimarca oggi è come se il Saragozza guardasse l’Arsenal ricordando il gol di Naim di tre decenni fa. Sì, sarebbe bello competere di nuovo con loro… ma il vero modello di confronto dovrebbe essere più vicino a dove ti trovi oggi. Fa male, ma la legge di gravità è proprio questo: anche se non lo vuoi, ti riporta sulla Terra.