Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Torniamo all’umiliazione di Suez

Henry Heine ha detto che l’Inghilterra è il posto migliore per trascorrere l’apocalisse perché le cose accadono un secolo dopo. Ma prima o poi le cose accadono, come ovunque, e la storia si ripete, sia sotto forma di tragedia, farsa, commedia, film di gangster (l’era Johnson) o come una serie televisiva latinoamericana (l’ascesa e la caduta di Liz Gears appassire). In effetti, la situazione attuale si ripete a 66 anni dalla crisi di Suez, concentrandosi sull’economia piuttosto che sulla politica.

Nel 1956 il presidente egiziano Gamal Abdel Nasser nazionalizzò il Canale di Suez, una straordinaria impresa dell’ingegnere francese Ferdinand de Lesseps che fino ad allora era stata gestita da una compagnia anglo-francese. Riluttante a perdere il controllo di quella che ancora considerava la sua colonia, la Gran Bretagna si unì a Israele e Francia (che credevano che le autorità del Cairo stessero cooperando con i ribelli algerini) per ripristinare la rotta rivoluzionaria che collegava il Mediterraneo all’Oceano Indiano attraverso il Mar Rosso .

perdita di status

Nel 1956 sono stati gli Stati Uniti a colpire, ora sono i mercati finanziari

Ma dopo la seconda guerra mondiale, i pezzi della scacchiera geopolitica si mossero e né il Regno Unito né la Francia, sebbene tra i vincitori, furono quello che erano. Il leader sovietico Nikita Khrushchev ha minacciato ritorsioni e un conflitto globale, ma l’azione decisiva è stata intrapresa dal presidente degli Stati Uniti Dwight Eisenhower, che ha costretto francesi e britannici a ritirarsi con la coda tra le gambe sotto severe sanzioni economiche.

La Gran Bretagna ha dovuto ammettere per la prima volta che l’anno scorso non si trattava di un impero, cosa che molti sognano ancora – soprattutto nel Partito conservatore – ma di una potenza media con armi nucleari e un seggio permanente nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. influenti, sì, ma meno di Washington e Mosca, e non in grado di dettarne le condizioni. Fu un’umiliazione completa un decennio dopo la sconfitta di Hitler. Il primo ministro Anthony Eden era fuori Downing Street solo due mesi dopo il disastro di Suez.

READ  Piano spagnolo anticrisi, sesto in termini di spesa del PIL nell'UE

Come ogni figlio di un vicino, e come ogni nazione con ambizioni imperiali, la Gran Bretagna ha avuto la sua parte di grandi vittorie militari (Agincourt, Trafalgar, Waterloo, El Alemein…) e sconfitte (Singapore, Saratoga, Yorktown, Ypres, Somme , Gallipoli, Isandlwana). contro gli Zulu nella guerra boera…).

Nel 1976 il Fondo Monetario Internazionale ha salvato il Regno Unito e nel 1992 la sterlina è caduta dal Sistema Monetario Europeo

In termini economici, le due catastrofi di riferimento sono l’uscita dal sistema monetario europeo nel 1992 per l’incapacità della sterlina di mantenere il valore minimo stabilito, che aprirebbe la strada all’arrivo di Tony Blair cinque anni dopo, e il salvataggio della sterlina. Il Fondo Monetario Internazionale nel 1976 ammontava a quasi quattro miliardi di sterline all’epoca.

45 anni fa, sulla scia della crisi petrolifera e nel pieno di una recessione, il governo laburista di James Callahan sperimentò una formula simile a quella di Liz Truss, per espandere l’economia basata su prestiti e debito pubblico.

Ma non per ridurre le tasse ai ricchi, come chi era primo ministro fino a pochi giorni fa, ma per promuovere la riforma sociale e ampliare lo stato sociale. Non è andata bene ora, e non è andata bene allora. Ora, i mercati mettono in dubbio la capacità del Tesoro britannico di pagare così tante spese, e poi qualcosa del genere. La sterlina è crollata, il disavanzo delle partite correnti è salito alle stelle, il governo è stato costretto ad andare al Fondo monetario e questa è stata la fine dell’esperimento del “socialismo democratico”, e in una modalità di completo consenso economico che era prevalso dalla fine del guerra civile. guerra. Inflazione e tassi di interesse sono aumentati – come sono ora – inverno di malcontento 78-79 Con scioperi su larga scala, il Paese è stato paralizzato e immondizia si è accumulata nelle strade. L’anno successivo, Margaret Thatcher si trasferì per un decennio al 10 di Downing Street.

READ  L'Italia impone restrizioni a chi non è stato vaccinato

Dopo il fallito esperimento di Truss, i britannici stanno già votando per i laburisti

Il Canale di Suez ha privato il Regno Unito del posto che credeva di occupare nel mondo, senza trovare un’alternativa. Aveva trascorso sei decenni a cercarlo senza successo come pilota olandese di strategia globale, finché nel 2016 pensava di averlo trovato con la Brexit, che nella sua versione più perfetta – quella che ha trionfato – era un modo per ripristinare il glorioso commercio passato, agire come una potenza economica a metà strada tra Europa e America ma libera dalle normative e dagli standard dell’UE, diventando un paradiso fiscale che attrae investimenti esteri, negoziando accordi commerciali vantaggiosi con Cina, Giappone, India…

dopo l’esperienza grande comunità Per David Cameron, il “conservatorismo comprensivo” di Theresa May e il nazionalismo autoritario e populista (anche con tocchi peronisti) di Boris Johnson, il logico esito della Brexit – l’unico risultato possibile in effetti – è stato un piccolo Truss a basse tasse Stato che non si adattava allo zeitgeist Le teorie preferite dei think tank di destra sono state applicate frettolosamente, a caso, senza consultare nessuno, come se il Regno Unito fosse una dittatura che non avrebbe dovuto dare conto di nulla. E sebbene l’opposizione fosse troppo debole per premere il freno, i mercati lo fecero, interferendo di fatto con l’economia britannica, demolendo l’intero schema e collocando Jeremy Hunt (una specie di Draghi) come Cancelliere dello Scacchiere, e Rishi Sunak (un tecnocrate, banchiere di investimento e uomo di Davos) a Downing Street. Era in gioco il suo denaro.

Dopo la crisi finanziaria del 2008, il fallimento del neoliberismo e l’idea che i mercati si autoregolano effettivamente non hanno alimentato la socialdemocrazia, ma piuttosto il nazionalismo. La perdita del potere d’acquisto, il blocco dei salari e la scarsa crescita economica in quattordici anni hanno indebolito il sentimento di classe e rafforzato le guerre di identità politiche e culturali, L’America prima di tutto Il Non abbastanza inglesi (Non abbastanza britannico). In Gran Bretagna, il modello Thatcher è stato sostituito da un’economia speculativa e improduttiva dominata dalla città, dai servizi anziché dall’industria manifatturiera, con infrastrutture fatiscenti e scarsa istruzione, in cui si consuma molto di più che non si risparmia e si investe, e il Tesoro crea denaro in modo che il la bolla non scoppia. Su una scala diversa, come la Germania di Weimar, ma senza il divertimento, la fiducia in se stessi e le discoteche della Friedrichstrasse.

READ  Gentiloni sulla riforma delle regole fiscali a causa della guerra in Ucraina: “La proposta di Spagna e Olanda va nella giusta direzione” | Economia

Il Regno Unito è paragonabile oggi alla Germania di Weimar… senza divertimento o divertimento

Il Regno Unito del 2022 è un paese di pensionati e ricchi, polarizzato dalla povertà e frammentato dal nazionalismo, artificiale, dove la sovranità è sacra per i conservatori come lo era il marxismo-leninismo per i comunisti in Unione Sovietica, con un alto livello di socialità il malcontento, l’ingerenza dei mercati, che ha sentito dopo il fallimento dell’esperimento neoliberista che è destinato a cadere nelle braccia del Partito Laburista, che L’economista Confronta con l’Italia e Der Spiegel Dice che è una proprietà di banane. Torna a Suez 1956.