Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La terribile rabbia di Hitler contro Franco

Il 6 febbraio 1941 Hitler aveva già dato l’ordine di iniziare la campagna di Russia a maggio. Nel frattempo, il Nord Africa era teatro di aspri combattimenti e una settimana dopo si sarebbe unito il maresciallo Rommel. Franco non si unì alla guerra e il Führer era furioso. Ecco perché quel giorno il cancelliere tedesco pubblicò una lettera di avvertimento ricordando al dittatore che lui stesso gli aveva chiesto di non rendere pubblico il Patto delle Tre Potenze, né i segreti che si erano accordati a Hendaye. Lo avvertì anche che non le avrebbe fatto regali se non si fosse unito alla Germania.

Documenti di spionaggio USA

Questa serie di rapporti raccoglie informazioni e documenti sullo spionaggio e sulla diplomazia negli Stati Uniti durante il regime franchista, tenuti segreti fino alla fine del XX secolo. Questo articolo è stato originariamente pubblicato avanguardia 12 luglio 2005, nella serie Report Documenti declassificati

La lettera, ritrovata a Berlino nel 1945 e conservata dagli Stati Uniti, iniziava così: “Vorrei chiarire alcuni dettagli di una situazione importante non solo per la Germania e l’Italia, ma anche per la Spagna. Al nostro incontro (Hitler fa riferimento a Hendaye, 23 ottobre 1940) Ho cercato di convincerlo che le nazioni con interessi comuni dovrebbero stare insieme. Per secoli, la Spagna aveva avuto gli stessi nemici con cui stiamo combattendo ora, anche se ora sono stati rafforzati dalla democrazia ebraica mondiale”.

Ha continuato: “Non ho bisogno” di dire che la Germania combatterà questa battaglia fino alla fine, e che gli italiani ei giapponesi la pensano allo stesso modo. Così dovrebbe fare la Spagna. Se la tua lotta, Caudilo, contro gli elementi rivoluzionari in Spagna ebbe successo, e fu per la riluttanza degli oppositori democratici, messi in discussione dalla posizione della Germania e dell’Italia, l’Inghilterra, mentre eri al potere, non ti permetterebbe di avere una sfera di influenza in Nord Africa contro Gibilterra. L’Inghilterra e l’America faranno tutto ciò che è in loro potere per assicurarsi il loro dominio sullo stretto. Pertanto, è questa guerra, che noi tedeschi e italiani stiamo facendo, che decide il destino della Spagna. Il suo governo è oggi, e una Spagna indipendente e nazionalista non lo sarà mai. Esiste se non vinciamo”.

READ  Alberto Fernandez torna in Argentina: cosa hanno lasciato i vertici di Roma e Glasgow

Leggi anche

Dopo aver assicurato a Franco che aveva sempre voluto che si unisse all’Asse, il leader tedesco gli ricordò le promesse fatte. “Nel nostro incontro, abbiamo concordato che la Spagna dovrebbe firmare il Patto delle Tre Potenze e andare in guerra. Il periodo di tempo fino a quel momento non dovrebbe durare a lungo, ma dovrebbe essere breve, dal momento che devi attuare alcune misure economiche”.

“Non c’è bisogno di dire che la Germania combatterà questa battaglia fino alla fine e che gli italiani ei giapponesi la pensano allo stesso modo. Anche la Spagna dovrebbe”.

Il Führer consigliò o forse pregò il comandante di non farsi ingannare dal Regno Unito, temendo un doppio gioco del dittatore spagnolo e dell’astuzia britannica. “L’Inghilterra non ha alcuna reale intenzione di aiutare la Spagna, ma vuole solo tenerla fuori dalla guerra, aumentare i suoi problemi e alla fine distruggere il governo spagnolo. Ma anche se l’Inghilterra in qualche modo sentisse la passione (qualcosa di nuovo per l’Inghilterra) di aiutare la Spagna potrebbe non farlo a causa del basso tenore di vita che ha e della sua mancanza di mezzi di trasporto”.

Indipendentemente dall’Inghilterra come fonte di aiuto, Hitler racconta la sua offerta: “La Germania ha promesso di inviare quante più scorte di grano possibile una volta che la Spagna fosse entrata in guerra. La Germania ha anche promesso di lasciare 100.000 tonnellate di grano in Portogallo alla Spagna, destinate alla Spagna. Svizzera. Tutto questo Supponendo che la Spagna entri in guerra. Siamo in una battaglia all’ultimo sangue e non possiamo fare regali se non ti unisci a noi. Non appena la Spagna deciderà quando entrerà in guerra, riceverà il primo spedizione di grano: 100.000 tonnellate. Dubito – come ha osservato il Fuhrer – che se possa che 100.000 tonnellate di grano raggiungano la Spagna dall’estero in un simile periodo di tempo “.

READ  Gli economisti prevedono un aumento dell'inflazione media quest'anno al 7,1%.

Due donne tradirono a Madrid nel 1940, dove prevaleva la scarsità, costringendole a ricorrere al mercato nero

ogni

Ha minacciato Hitler che ha alleggerito la sua mano quando ha riconosciuto Franco che ha lasciato l’opzione migliore per la sua scelta. Un momento per unirsi al conflitto: “Nella nostra conversazione non era mai previsto che la Spagna sarebbe andata in guerra il prossimo autunno o inverno”.

La lettera di Hitler è un perfetto riassunto della versione tedesca dei negoziati segreti tra la Spagna e il Reich: “Quando a gennaio gli chiesi di entrare in guerra, in modo che il 10 gennaio le truppe potessero marciare, ed entro la fine del mese l’attacco al monte Tariq, ai nostri negoziatori è stato poi detto per la prima volta che questa data è molto vicina, adducendo ragioni economiche”.

Il Führer voleva che la Spagna entrasse in guerra il più rapidamente possibile in modo da poter attaccare Gibilterra e prenderla dagli inglesi.

Il Fuhrer ha proseguito: “Quando ho nuovamente insistito che la Germania fosse pronta a inviare il grano, l’ammiraglio Canaris ha ricevuto una risposta inequivocabile che tale spedizione non sarebbe stata decisiva, poiché, in caso di troppa accelerazione, non avrebbe avuto alcun effetto pratico. Egli ci ha detto, dopo che le batterie sono state preparate per le Canarie.E dopo aver cercato di mettere lì i bombardieri per una maggiore sicurezza, queste misure non saranno decisive, dal momento che le Isole Canarie non possono essere conservate per più di sei mesi a causa della questione di tutto questo non è un problema dell’economia, come chiariscono le ultime comunicazioni: che l’attacco non può avvenire in questa stagione, ma dovrà aspettare il prossimo autunno o inverno”.

Critico Hitler “Non capisco” perché qualcuno potrebbe voler dare prima ragioni economiche sull’impossibilità di fare qualcosa, quando ora è impossibile semplicemente a causa del tempo quando l’esercito tedesco non è infastidito dal tempo. Ha abbastanza esperienza in Norvegia”.

READ  Arturo Herrera - il finanziere
Hitler e Mussolini a Monaco nel 1940

Hitler e Mussolini a Monaco nel 1940

dominio pubblico

L’atteggiamento mutevole ed evasivo di Franco nei confronti dell’integrazione della Spagna nella guerra fa infuriare Hitler, che esprime il suo “profondo rammarico per la sua posizione” a causa, tra l’altro, del fatto che “è chiaro che se inizieremo ad entrare in Spagna il 10 gennaio, Gibilterra sarà sii nelle nostre mani il giorno perduto.” due mesi”.

Il Fuhrer pensava o almeno voleva far credere a Franco che l’entrata in guerra della Spagna non fosse solo nell’interesse della Germania o dell’Italia, perché la Spagna avanzava richieste territoriali che “il Duce ed io siamo pronti a rispettare fino a un certo punto”. Come ulteriore argomento, Hitler disse a Franco di rendersi conto che il peso della guerra, il “fardello sanguinario della lotta”, era sopportato dalla Germania e dall’Italia, e che “entrambe, tuttavia, fanno affermazioni molto modeste”.

“La Spagna non avrà altri amici come oggi in Germania e in Italia, a meno che la Spagna non cambi completamente”

Hitler ha avvertito che “la Spagna non avrà altri amici come i suoi amici oggi in Germania e in Italia, a meno che la Spagna non sia completamente cambiata”. Ha proseguito: «Ma un tale cambiamento in Spagna sarebbe uno stato di definitivo declino e crollo. Pertanto, credo che noi tre, il Duce, tu ed io, possiamo essere alleati nel periodo forse più pericoloso della storia, e che in queste discussioni dobbiamo seguire l’alto principio che in tempi come questi i nostri popoli possono essere salvati non da una situazione apparentemente intelligente, ma da cuori audaci”.

Prima di salutare, Adolf Hitler non poteva fare a meno di citare il potere tedesco. “C’è un fatto che la potenza britannica è infranta in Europa e che la macchina militare più potente del mondo è pronta per un’altra missione. Il futuro rivelerà quanto sia buono e affidabile questo strumento. I miei più cordiali e sinceri saluti. Un saluto a te . Adolf Hitler.”