Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Raphael in Technopolis: Com’è la mostra che restituisce lo spirito del genio del Rinascimento

“Le Vergini di Rafael. Riflessi del Cielo sulla Terra” presenta 19 copie di opere e un’installazione che unisce arte e scienza (Lara sartor)

Vergini Raffaello. Riflessioni del paradiso in terra Viene presentato a Tecnópolis, con 19 copie di opere e un’installazione che unisce arte e scienza e avvicina al grande pubblico la bellezza delle opere del pittore italiano. Rafael Sanzio Morì prematuramente all’età di 37 anni, contemporaneo Leonardo Da Vinci E uno dei massimi esponenti del Rinascimento italiano.

Questa mostra multimediale che “celebra l’arte, la tecnologia e la scienza” è stata portata in Argentina dall’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires e presentata in collaborazione con il Ministero della Cultura nel parco decennale appena inaugurato e ha riaperto i battenti lo scorso fine settimana .

L’evento fa parte di una commemorazione del 500° anniversario della morte del maestro urbinate che si è compiuta nel 2020, e fa parte di un progetto che unisce tecnologia e arte denominato Attività commerciale (opera completa), prodotta dalla società italiana Rai Com in collaborazione e promozione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Maeci). Lo spettacolo è iniziato l’anno scorso a Roma ed è stato nelle città di Mosca, Lione e Città del Messico, prima di raggiungere Buenos Aires.

Tra questi progetti per la diffusione della cultura italiana vi sono quelli realizzati su altre opere dallo stesso Raffaello e dai suoi compagni Leonardo e Caravaggio. L’obiettivo è riuscire a riunire in un unico luogo le produzioni di maestri d’arte italiani, le cui opere si trovano in diverse parti del mondo, per renderle accessibili ad un vasto pubblico, cosa che altrimenti non sarebbe stata possibile.

La mostra è composta da 19 copie integrali retroilluminate delle opere Raffaello Sanzio NS Raffaello Come è noto in spagnolo, che clona i suoi personaggi famosi Madonna (Madonna o vergini) like Madonna dalla sedia (sedia vergine), Il Madonna, Granduca (Vergine del Granduca, 1504) e altre immagini sacre come la sua ultima opera “Trasfigurazione” (Pinacoteca Vaticana), alla quale stava lavorando prima della sua prematura scomparsa all’età di 37 anni, il giorno del suo compleanno, il 6 aprile 1520, a Roma..

L'evento rientra nella commemorazione del 500° anniversario della morte del maestro (Lara Sartor)
L’evento rientra nella commemorazione del 500° anniversario della morte del maestro (Lara Sartor)

Tema della Madonna Madonna, in Rafael è il più esplicativo del suo sviluppo pittorico. È un tema ricorrente (ripetuto) dalla sua prima opera fino alla fine. Poi, guardando tutta questa sequenza di blog, ci si rende conto di come si sviluppa la sua prospettiva artistica, e come il contatto con altri artisti gli porti la conoscenza che traduce per i suoi scopi. È uno dei temi che più racconta del processo creativo di Raffaello”, ha spiegato il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura e promotore della mostra Donatella Canova.

READ  Le principali organizzazioni cardiovascolari chiedono un maggiore benessere per i medici di tutto il mondo

Il percorso oscuro è illuminato da ogni clone che riproduce anche l’esperienza più vicina all’originale, come se fosse proprio di fronte ad essa. Ha aggiunto che la luminosità e l’equilibrio di queste opere in controluce “trovare il punto di luce che rende la lucentezza originale dell’opera è anche un intero processo di ricerca del colore giusto”.

Il processo di digitalizzazione è durato quattro anni: dall’altro l’ottenimento delle licenze dai musei per fotografare le opere (senza vetri di protezione), poi il miglioramento dell’immagine ottenuta per la stampa su tela e l’assemblaggio della scatola con retroilluminazione.

Ogni opera esposta ha il proprio testo esplicativo e codice QR. Allo stesso tempo, l’installazione multimediale interattiva consente allo spettatore di osservare le immagini ad alta risoluzione riprodotte sul touch screen e di considerare da vicino i dettagli, apprezzando colori, luci e ombre in un “cubo interattivo”, posto alla fine della strada . Anche da questa installazione potrete apprezzare la sezione dedicata a Immagini Da Raffaello che si è aggiunto in questo modo al campione.

Le descrizioni e i testi storici disponibili tramite questo dispositivo sono invece sponsorizzati da Antonio Bolucci, direttore scientifico della galleria e uno dei massimi esperti del Rinascimento italiano, ed è disponibile in quattro lingue, compreso lo spagnolo.

La tecnologia utilizzata per riprodurre le immagini permette al pubblico di immergersi completamente nella contemplazione di questi capolavori (Lara Sartor)
La tecnologia utilizzata per riprodurre le immagini permette al pubblico di immergersi completamente nella contemplazione di questi capolavori (Lara Sartor)

La tecnica utilizzata nella riproduzione delle immagini permette al pubblico di immergersi completamente nella contemplazione di questi capolavori e in questo modo la possibilità di conoscere e pensare l’opera di uno dei maestri della storia dell’arte occidentale utilizzando la tecnica della mediazione , cosa molto difficile da apprezzare in una tradizionale sala museale.

READ  Il russo Igor chiama il futuro della questione "fantascienza" e "propaganda mediatica".

Tour della mostra, parte della prima tappa dell’artista con opere come Madonna Conestabile (un piccolo pezzo di tondo conservato al Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo), passando per il periodo fiorentino con Madonna il cardellino (Uffizi, Italia) o La bella Giardiniera Conservato al Museo del Louvre di Parigi.

Mentre il periodo romano può essere stimato Madonna Foligno (Pinacotica Vaticana) e Madonna dalla sedia, dove una giovane donna ci guarda tenendo stretto a sé il suo bellissimo figlio, che si abbandona al calore del seno materno.

Raffaello Sanzio de Urbino (1483-1520), il “Pittore Divino”, fu un artista iconico, architetto e uno dei preferiti dell’epoca, nonché un “artista essenziale” per l’eredità pittorica e architettonica che lasciò.

Con una figura apprezzata dalla società dell’epoca, l’amore e la tenerezza delle donne e la loro bellezza (che risalta nel trattamento nei suoi dipinti), quest’ultima secondo Giorgio Vasari – Il primo biografo delle arti e lettore petrarcaTra le opere più famose di Raffaello ci sono gli affreschi Scuola Atena, i tessuti da lui disegnati per la Cappella Sistina, i suoi ritratti e la celebre Madonna realizzati per commissioni private e papali.

Ad Urbino – a nord di Roma – il pittore si formò nella bottega del padre Giovanni Santi Ma soprattutto con Pietro Perugino Iniziò la sua carriera artistica nel 1500. Nel 1504 si stabilì a Firenze, dove apprese da Miguel Angel e Leonardo, visse poi a Roma dal 1508 fino alla morte in un periodo in cui le arti si espandevano durante i regni di Giulio II della Rovere – il papa che lo chiamò in città – e di Leone X Medici. Era un’epoca in cui confluivano figure come Miguel Angel, Leonardo, Bramante, Sangallo e altri artisti, scrittori, filosofi e teologi.

READ  Mongolia e Russia tengono esercitazioni militari congiunte

Raffaello e Madonna, riflessi del cielo in terraPresentato questo titolo in italiano, questo pomeriggio il Ministro della Cultura della Nazione Il potere di TristanoAmbasciatore d’Italia Fabrizio LucentiniDirettore dell’Istituto Italiano di Cultura e promotore della mostra Donatella Canova Direttore di Technopolis Maria Rosenfeldt.

* La mostra è visitabile fino al 28 novembre presso la proprietà Tecnópolis (Villa Martelli, provincia di Buenos Aires), nel Polo “Cultivar lo humano”, venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 12 alle 20 con ingresso gratuito e Prenotazione ingresso anticipato.

Fonte: Telam

Continuare a leggere

Raffaello: la storia del dipinto sconosciuto scoperto in Vaticano
Il pittore Raffaello potrebbe essere morto di una malattia simile al virus Corona, non di sifilide
Caravaggio: storie di prostitute e delitti nelle opere dell’artista che sfidò la Chiesa romana