Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I giovani praticano la medicina sociale in luoghi e città con l’eredità del Dr. Favaloro – Diario El Ciudadano y la Región

Poco dopo la Giornata Nazionale della Medicina Sociale, che commemora la nascita del Dott. René Favaloro, i professionisti che praticano e studiano questa specialità hanno parlato del compito che svolgono e ne hanno spiegato l’importanza; Hanno anche citato i loro riferimenti nel corso della storia e hanno parlato del loro potenziale per una pandemia.

La Giornata Nazionale della Medicina Sociale è stata promossa dalla Legge n. 25598 del 2002.

Prima di raggiungere una posizione internazionale nella medicina cardiovascolare e fondare l’istituzione e l’università che porta il suo nome, Favaloro ha praticato la medicina rurale per dodici anni a Jacinto Araús, un paese della provincia di La Pampa, un’eredità che ha trasmesso alle generazioni future come specialista. .

Raquel Vasquez, medico clinico laureata in prima classe all’Università di Favaloro nel 1998 e oggi docente presso lo stesso istituto, è responsabile del coordinamento della pratica finale obbligatoria dell’ultimo anno della professione medica, che chiamano “rotazione rurale” .

prospettiva e pratica sociale

René Favaloro è stato l’innovatore di questa pratica e il suo obiettivo, come precisa il medico, era “che i laureati integrassero una prospettiva sociale e restituissero alla società le conoscenze acquisite per l’educazione e la prevenzione delle malattie”.

Il medico ha spiegato che la medicina sociale “ha a che fare con attività di prevenzione primaria delle malattie e cure tempestive”. È legato alle zone rurali, ha aggiunto, “perché ci sono luoghi molto lontani dai centri urbani dove le persone non raggiungono l’ospedale per mancanza di risorse economiche o mobilità”.

Nel 1998, da studentessa, Vasquez ha svolto la prima pratica di rotazione rurale presso l’Università di Favaloro e si è recata nella città di Orano, in provincia di Salta, dove ha trascorso due mesi in ospedale realizzando campagne per visitare luoghi molto remoti . .

READ  Ómicron: i quattro dati più rivelatori finora sulla nuova alternativa al virus Corona che preoccupa il mondo

In questo esperimento, il dottore ha dormito nelle scuole e ha visitato piccoli paesi dove non arrivavano né farmaci né farmacie. “Tutto doveva essere trasportato, donne incinte e neonati controllati e vaccinati”, ha detto.

Stai con il paziente

Tra i lasciti fondamentali che Favaloro le ha trasmesso e che a sua volta trasmette ai suoi studenti c’è il trattamento personale e umano e il rispetto delle persone, che si fonda sempre sul rigore scientifico e si pone al fianco del paziente per aiutarlo nel tutto ciò di cui hanno bisogno..

Camila Abboud (28 anni) è al secondo anno di cardiologia presso la Fondazione Favaloro e da tre anni pratica la rotazione rurale. Nel suo caso si è recato a Frias, nella provincia di Santiago del Estero.

Ha detto che ha vissuto lì per tre mesi in un ospedale e ha girato diverse città che non avevano acqua potabile o elettricità e “se non fossimo andati non avrebbero avuto modo di guarire”, ha detto.

Lì ha imparato “nuovi modi per risolvere le situazioni senza avere tutte le attrezzature che abbiamo la fortuna di avere a Favaloro”.

“Ci troviamo di fronte a realtà completamente diverse – ricorda -: bambini che avevano ferite da giorni e potevano tollerarli senza antibiotici. E se avevano un’emergenza come l’appendicite, non avevano i soldi per pagare il trasporto o l’intervento”.

La promozione di Camila è andata di casa in casa per accertare il problema di salute più importante, scoprire i disturbi di salute prevalenti ovunque e determinare se sono correlati tra loro.

Ha anche dato lezioni di educazione sessuale e di primo soccorso, dove alla fine hanno raccolto domande anonime su piccoli pezzi di carta.

READ  Ecco come si fermano i ciclisti italiani di estrema destra

“Le cose che sono venute fuori sono state forti”, racconta una delle ragazze, “che ha chiesto se fosse normale per loro avere rapporti familiari, e lì era necessario rivelare se ci fossero stati casi di stupro nel contesto dell’alto tasso di gravidanza adolescenziale a causa di abusi all’interno della famiglia”.

Radio: un altro alleato per promuovere la prevenzione.

“Abbiamo parlato di problemi di salute in uno spettacolo e le persone hanno chiamato e fatto domande in onda”, continua Abboud, sottolineando l’importanza della pratica perché “sapere che questo ti rende diverso, ti rende consapevole”.

“Una delle eredità che i miei professori mi hanno lasciato – afferma – è quella di non cedere mai a ciò che il paziente capisce e di spiegare tutto”.

Con la pandemia è stata sospesa la pratica della rotazione rurale all’Università di Favaloro nelle province, ma la pratica come volontari all’interno dell’ospedale è stata modificata con studenti più avanzati, che collaborano con infermieri e in diverse specialità.

L’importanza del modello biopsicosociale

Un’altra studentessa, Carla Setibasi (28), all’ultimo anno di medicina, è coinvolta nel volontariato e ha detto: “Controlliamo i segni vitali dei pazienti in ospedale, facciamo collegamenti, sanno che qualcuno nel servizio di volontariato andrà sempre a parlare con loro, raccontano loro le loro vite, è un’altra relazione che si forma con il paziente trascorrendo più tempo in ospedale e facendo queste cose basilari”.

“Da quello che mi dicono, se vedo che qualcosa è rilevante per il caso, lo passo ai medici di fabbrica, o all’infermiera se è qualcosa che possono aiutare in questo momento, ad esempio mal di testa e angoscia. Ogni paziente ha una storia diversa”, continua lo studente.

READ  Le organizzazioni per i diritti umani hanno presentato file declassificati relativi alla 78 Coppa del Mondo

Michaela Anastasi, 32 anni, un’altra volontaria dell’ultimo anno di laurea, ha dichiarato: “Fin dall’inizio ci trasmettono l’importanza del rispetto, bussano alla porta e quando uno esamina il paziente rispetta l’integrità dell’altro” e che “nel volontariato le infermiere ci ringraziano sempre e noi davvero le ringraziamo”.

Infine, hanno evidenziato l’importanza del modello biopsicosociale che è stato affrontato fin dal primo anno di laurea e che l’Ateneo sta lavorando per promuovere da due anni l’applicazione di una prospettiva di genere, attraverso un osservatorio, formazione, diploma e revisione di tutti i programmi di carriera della Facoltà di Scienze Mediche.