Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali alimenti possono cambiare il cervello e l’umore, secondo le neuroscienze

Gli ingredienti alimentari e i loro prodotti di degradazione possono modificare le istruzioni genetiche che controllano la fisiologia del corpo umano

Il Alimenti Che si consuma o la mancanza di mangiare alcune lattine Influenza l’umore delle persone ogni giorno. Un caso ricordato nella storia dell’alimentazione sono i lunghi viaggi per mare del XV e XVI secolo: i marinai sperimentavano visioni di cibo sublime e prati verdi. Scoprire che non erano altro che allucinazioni dopo mesi in mare era per loro insopportabile. Successivamente si scoprì che i marinai soffrivano di scorbuto, una malattia che si sviluppa a causa di una grave carenza di vitamina C nella dieta. Come trattamento, è stato somministrato del succo di limone ed è stato efficace.

Lo scorbuto è ormai raro in molti paesi e la vitamina C, un micronutriente, può essere ottenuta mangiando frutta e verdura. Dalle neuroscienze, si stanno tentando di comprendere meglio l’effetto del cibo sulla salute del cervello. secondo il mondo Monica DossProfessore Associato di Biologia Molecolare, Cellulare e dello Sviluppo presso l’Università del Michigan, USA, Il ingredienti E i loro prodotti di decomposizione possono modificare le istruzioni genetiche che controllano la fisiologia del corpo umano.

È già noto che un delicato equilibrio di nutrienti è fondamentale per la salute del cervello: carenze o eccessi di vitamine, zuccheri, grassi e aminoacidi possono influenzare il cervello e il comportamento in modi benefici o dannosi. Ciò significa che Seguire una dieta generale che includa un apporto equilibrato di tutte le vitamine e i minerali essenziali è importante per la salute del cervello.

    La vitamina C è importante per la produzione e il rilascio di neurotrasmettitori, messaggeri chimici utilizzati dal cervello/bobina
La vitamina C è importante per la produzione e il rilascio di neurotrasmettitori, messaggeri chimici utilizzati dal cervello/bobina

in Lo stato della vitamina C è importante per la produzione e il rilascio di neurotrasmettitori, che sono trasmettitori chimici utilizzati dal cervello. Senza di essa, le cellule cerebrali non comunicano tra loro in modo efficace, il che può portare ad allucinazioni, secondo il dottor Doss.

Come con la vitamina C, le carenze di altre vitamine e minerali possono causare malattie nutrizionali che influiscono negativamente sul cervello negli esseri umani. Per esempio, Bassi livelli di vitamina B3/niacina nella dieta – solitamente presenti nella carne e nel pesce – causano la pellagra, una malattia in cui le persone sviluppano la demenza.

READ  Qual è il "campo di ossidazione" che circonda il nostro corpo (e come scoprirlo può migliorare la nostra vita)

La niacina è necessaria al corpo per convertire il cibo in energia e mattoni, proteggere il modello genetico dai danni ambientali e controllare la quantità di determinati prodotti genetici che vengono prodotti. In assenza di questi processi critici, le cellule cerebrali, cioè i neuroni, non funzionano correttamente e muoiono prematuramente. Questo può portare alla demenza.

La niacina è un tipo di vitamina B.  Aumento dei livelli di questa vitamina a beneficio dei pazienti con problemi neurodegenerativi / Archivi
La niacina è un tipo di vitamina B. Aumento dei livelli di questa vitamina a beneficio dei pazienti con problemi neurodegenerativi / Archivi

Nei modelli animali, la produzione ridotta o inibita di niacina nel cervello porta a danni neuronali e morte cellulare. D’altra parte, è stato dimostrato che l’aumento dei livelli di niacina attenua gli effetti di malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer, il morbo di Huntington e il morbo di Parkinson. Sebbene i risultati non siano ancora conclusivi, studi osservazionali sull’uomo suggeriscono che livelli adeguati di niacina possono proteggere da queste malattie, scrive Doss in Conversazione. curiosoLa carenza di niacina causata dal consumo eccessivo di alcol può causare effetti simili alla pellagra.

Un altro esempio di come le carenze nutrizionali influenzino la funzione cerebrale È il problema dello iodio, che, come la niacina, deve essere ottenuto attraverso la dieta. Si trova naturalmente nelle ostriche e nelle alghe e può essere ottenuto anche attraverso il sale iodato. Lo iodio è un componente essenziale degli ormoni tiroidei, in quanto segnala molecole importanti per molti aspetti della biologia umana, inclusi lo sviluppo, il metabolismo, l’appetito e il sonno. Bassi livelli di iodio impediscono la produzione di quantità adeguate di ormoni tiroidei, alterando questi processi fisiologici di base.

Lo iodio è particolarmente importante per lo sviluppo del cervello umano. Infatti, prima che il sale da cucina fosse integrato con questo minerale negli anni ’20, La carenza di iodio è stata una delle principali cause di deterioramento cognitivo in tutto il mondo. Si ritiene che l’introduzione del sale iodato abbia contribuito al graduale aumento dei punteggi del QI nel secolo scorso.

La dieta chetogenica è indicata nel trattamento dell'epilessia resistente/Archivi
La dieta chetogenica è indicata nel trattamento dell’epilessia resistente/Archivi

Lo ha dimostrato uno studio in Italia condotto da Giovanni FarelloLe persone con epilessia farmacoresistente, una condizione in cui le cellule cerebrali si attivano in modo incontrollabile, possono ridurre il numero di convulsioni seguendo una dieta a bassissimo contenuto di carboidrati, in cui dall’80% al 90% delle calorie proviene dai grassi. L’opera è stata pubblicata sulla rivista Nutrienti.

READ  La Grecia brucia e il cielo si tinge di arancione a causa dei devastanti incendi nel Mediterraneo

I carboidrati sono la fonte di energia preferita del corpo. Quando non è disponibile, né dal digiuno né da una dieta chetogenica, le tue cellule si alimentano scomponendo i grassi in composti chiamati chetoni. L’uso dei chetoni come fonte di energia provoca profondi cambiamenti nel metabolismo e nella fisiologia, inclusi i livelli di ormoni che circolano nel corpo, la quantità di neurotrasmettitori prodotti dal cervello e i tipi di batteri che vivono nell’intestino.

I ricercatori ritengono che questi cambiamenti dipendenti dalla dieta, in particolare l’aumento della produzione di sostanze chimiche nel cervello che possono calmare le cellule nervose e abbassare i livelli di molecole infiammatorie, possano svolgere un ruolo nella capacità della dieta chetogenica di ridurre il numero di convulsioni. Questi cambiamenti possono anche spiegare i benefici della chetosi, sia attraverso la dieta che il digiuno, sulla funzione cognitiva e sull’umore.

L'elevato consumo di zuccheri raffinati e grassi saturi - che sono inclusi negli alimenti ultra-lavorati - può desensibilizzare il cervello nella sua regolazione della sazietà e della soddisfazione.
L’elevato consumo di zuccheri raffinati e grassi saturi – che sono inclusi negli alimenti ultra-lavorati – può desensibilizzare il cervello nella sua regolazione della sazietà e della soddisfazione.

Anche grazie a vari studi, è noto che livelli eccessivi di alcuni nutrienti possono avere effetti dannosi anche sul cervello. Nei modelli umani e animali, un’elevata assunzione di zuccheri raffinati e grassi saturi – una combinazione comune negli alimenti ultra-elaborati – migliora l’assunzione di cibo desensibilizzando il cervello ai segnali ormonali noti per regolare i sentimenti di pienezza e soddisfazione.

Una dieta che includa molti alimenti ultra-lavorati riduce anche la sensibilità del sistema del gusto: fa sì che gli animali e l’uomo percepiscano gli alimenti come meno dolci. Questi cambiamenti sensoriali possono influenzare la scelta del cibo, così come la ricompensa che ne deriva. Il Dr. Doss e il team di collaboratori hanno dimostrato questo cambiamento in uno studio pubblicato sulla rivista Tendenze in endocrinologia e metabolismo.

READ  Unità del Corpo dei Marines australiani che esercitano a terra

La ricerca mostra, per esempio, che Le risposte delle persone al gelato in aree del cervello importanti per il gusto e la ricompensa diminuiscono quando lo mangiano ogni giorno per due settimane. Alcuni scienziati ritengono che questa diminuzione dei segnali di ricompensa del cibo possa aumentare il desiderio di cibi più grassi e zuccherati, in modo simile al desiderio di sigarette dei fumatori.

L'effetto del cibo può anche variare nel tempo (Getty Images)
L’effetto del cibo può anche variare nel tempo (Getty Images)

Le diete ricche di grassi e alimenti trasformati sono anche associate a una diminuzione della funzione cognitiva e della memoria negli esseri umani e negli animali, nonché a una maggiore incidenza di malattie neurodegenerative. Tuttavia, gli scienziati non sanno ancora se questi effetti siano dovuti a questi alimenti o all’aumento di peso e all’insulino-resistenza che si sviluppano con il consumo a lungo termine di queste diete.

L’effetto del cibo può anche variare nel tempo. Alcuni possono influenzare la funzione e il comportamento del cervello in modo acuto, come in ore o giorni, mentre altri impiegano settimane, mesi o addirittura anni per avere effetto. Per esempio, Mangiare una fetta di torta sposta rapidamente il metabolismo chetogenico brucia grassi di un individuo con epilessia resistente ai farmaci in un metabolismo brucia carboidrati, aumentando il rischio di convulsioni.

in secondo luogo, Il consumo di zucchero richiede settimane prima che il gusto del cervello e i percorsi di ricompensa cambino, e mesi di carenza di vitamina C per causare lo scorbuto. finalmente, Quando si tratta di malattie come l’Alzheimer e il Parkinson, i rischi sono influenzati da anni di esposizione alimentare In combinazione con fattori genetici o legati allo stile di vita, come il fumo.

Continuare a leggere:

Quali sono i 5 miti più comuni sull’alimentazione sana e come combatterli
Perché i medici dicono che devi prestare maggiore attenzione al fegato grasso
Scienziati argentini hanno scoperto i circuiti principali del sistema immunitario nell’intestino