Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Protonterapia in Argentina: quali sono gli sviluppi della medicina nucleare nel Paese?

(Fernando Calzada)

Nel suo ambiente naturale, l’Unità di diagnosi e cura del cancro CEMIC, la dott.ssa Bertha Roth ha ricevuto un DEF per spiegare il lavoro che svolge con il suo team di professionisti. Ha spiegato: “Abbiamo diverse tecniche di trattamento, che vanno da una minore complessità a una maggiore complessità”, aggiungendo: “Più complesse sono le tecniche, più lavoro è richiesto per progettare il trattamento, aumentando così l’accuratezza e il beneficio del paziente”.

Berta Roth, medico specializzato in radioterapia, è stato dal 2007 al 2011 Direttore Generale dell’Istituto di Oncologia “Angel Ruffo” dell’Università di Buenos Aires (UBA). Attualmente è consulente scientifica e direttrice di residenza in radioterapia CEMIC e docente presso diverse università del nostro Paese e all’estero.

La dott.ssa Berta Roth ha ricevuto un DEF, nell’Unità di Diagnostica e Trattamento del Cancro al CEMIC, per spiegare il lavoro che sta sviluppando con il suo team di professionisti. Video: Fernando Calzada.

Roth ha sottolineato che il cancro è la principale causa di morte tra i 35 ei 65 anni “proprio il momento in cui siamo più attivi nella nostra vita sociale e lavorativa”. Per affrontare seriamente questa malattia, ha affermato, sono necessarie campagne statali efficaci, moderne infrastrutture sanitarie, integrazione e formazione di nuove risorse umane. In questo senso, un risultato eccezionale è stata la creazione nel 2010 del National Cancer Institute, iniziativa a cui l’Istituto Roffo ha partecipato come uno dei suoi grandi promotori. “Un paziente con questo tipo di malattia dovrebbe essere curato negli istituti di oncologia, più sono specializzati e migliore è la tecnologia che hanno, meglio sarà risolto il problema”.

La complessità del trattamento dell’oncologia

Quali trattamenti contro il cancro esistono attualmente e quale ruolo gioca la radioterapia?

READ  Il documento sulla leucemia linfatica cronica e la medicina di precisione mostra bisogni insoddisfatti dei pazienti

Esistono tre tipi di trattamento: chirurgia, radioterapia e chemioterapia. Il 60% dei pazienti, a un certo punto, avrà bisogno della radioterapia. A volte la radioterapia è un trattamento in sé. In altri casi, è combinato con la chirurgia o la chemioterapia; Così come per il sollievo sintomatico. Quindi, la radioterapia gioca un ruolo molto importante nel trattamento del cancro. Oggi sono necessarie piattaforme ad alta tecnologia e le cure sono sempre più personalizzate, in base ai cambiamenti molecolari che il tumore introduce.

Un paziente con questo tipo di malattia deve essere curato negli istituti di oncologia e più tecnologia hanno, meglio sarà risolto il problema.  Utilizzando le nuove tecnologie, possono anche ridurre la mortalità per cancro del 20%.  Foto: Fernando Calzada.
Un paziente con questo tipo di malattia deve essere curato negli istituti di oncologia e più tecnologia hanno, meglio sarà risolto il problema. Utilizzando le nuove tecnologie, possono anche ridurre la mortalità per cancro del 20%. Foto: Fernando Calzada.

Come vengono trattati i diversi tipi di tumori?

Alcuni di loro sono stati avvicinati chirurgicamente. Tuttavia, il fatto che l’organo venga rimosso può lasciare delle conseguenze. Se si deve, ad esempio, sottoporsi a un intervento chirurgico per un tumore della laringe, ciò causa problemi di linguaggio al paziente. Pertanto, la priorità è preservare l’organo nel miglior modo possibile affinché continui a svolgere la sua funzione e il paziente goda di una migliore qualità della vita.

Qual è la differenza tra la radioterapia convenzionale e la protonterapia?

Nella radioterapia, trattiamo pazienti con due tipi di energia: fotoni e adroni, con protoni al loro interno. La radioterapia convenzionale utilizza i fotoni: si tratta di radiazioni che vengono introdotte ad alte dosi e attraversano tutto il corpo. Nel caso dei protoni, a differenza dei fotoni, non attraversano tutto il corpo; Hanno una certa velocità e quando la perdono salutano la loro energia. Questo è tecnicamente noto come il “Vertice di Praga”. I protoni depositano la loro energia più alta dove si fermano, cioè alla fine del viaggio. Dal calcolo di quel punto in cui si ferma, è possibile irradiare l’intero volume dell’organo che dobbiamo trattare ed escludere il resto degli organi adiacenti. Ciò conferisce maggiore precisione e uniformità alla radiazione.

L'unità di diagnosi e cura del cancro all'avanguardia di CEMIC Saavedra, un centro di eccellenza in Argentina.  Foto: Fernando Calzada.
L’unità di diagnosi e cura del cancro all’avanguardia di CEMIC Saavedra, un centro di eccellenza in Argentina. Foto: Fernando Calzada.

Quali tipi di tumori si preferisce trattare con il protone?

READ  Le piccole imprese credono che più imprese digitali saranno in grado di riprendersi e crescere meglio dopo il Covid-19

In generale, tutti i tumori possono essere trattati. Tuttavia, poiché si tratta di un trattamento più nuovo e più complesso, l’apparecchiatura di protonterapia è più costosa, quindi si cerca di applicarla laddove necessario, in particolare nei tumori pediatrici. Negli anni ’60 e ’70 si parlava di una sopravvivenza del 40% di un paziente con un tumore pediatrico. A partire dal 2006 o 2007, il calcolo è già iniziato all’80%. Ciò significa che una maggiore accuratezza e progressi tecnologici non sono stati vani, ma piuttosto hanno migliorato il controllo del tumore. Questo tipo di trattamento è consigliato anche per i tumori rari, come i melanomi dell’occhio, che, se trattati con un intervento chirurgico, possono portare alla perdita del bulbo oculare.

Un sogno diventato realtà

Il ruolo del Dr. Roth è stato fondamentale per il progetto di un futuro centro di protonterapia nel nostro Paese. Ha sottolineato che “non esiste una squadra del genere in America Latina”. Consapevole dei vincoli di bilancio ma decisa a realizzare il suo sogno, ha contattato l’Autorità Nazionale per l’Energia Atomica (CNEA). Ha potuto viaggiare all’estero per conoscere altre esperienze e nel 2014 ha messo a punto un piano per costruire il Centro Argentino de Protonterapia. Da quel momento in poi, il CNEA ha avviato i colloqui con l’Università di Buenos Aires (UBA) per l’installazione del centro e ha affidato all’INVAP l’acquisto delle apparecchiature. Il centro si trova in un sito del College of Veterinary Sciences, all’incrocio tra Nazca e San Martin Street, vicino al Nuclear Diagnostic Center e di fronte all’Istituto Rovo.

"I protoni depositano la loro energia più alta dove si fermano, cioè alla fine del viaggio.  Ciò conferisce maggiore precisione e uniformità alla radiazione."Dice il dottor Roth.  Foto: Fernando Calzada.
“I protoni vengono depositati alla loro massima energia dove si fermano, cioè alla fine del percorso”, dice il dottor Roth. “Ciò conferisce alla radiazione maggiore precisione e uniformità”. Foto: Fernando Calzada.

“La proposta non si limita solo a portare nel paese apparecchiature per la protonterapia, ma a combinarle con apparecchiature per radioterapia standard basate su fotoni, per fornire il trattamento appropriato per ogni paziente. L’altro obiettivo sarà la formazione di professionisti, come viene proposto l’accompagnamento di uno specialista straniero “, ha detto.

READ  La Russia aumenta la sua forza in vista delle esercitazioni tripartite al confine con l'Afghanistan

Ha aggiunto: “Non stiamo solo prendendo di mira i trattamenti, ma ci sarà un intero sistema scientifico attorno al nuovo centro”. “Sarà un centro modello, con ricerca e sviluppo, che metterà l’Argentina in primo piano e le consentirà di offrire una gamma terapeutica molto interessante”, ha continuato.

* Questa nota è stata scritta da un giornalista della redazione in poi DEF.

Leggi di più