Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Preparati per un weekend da sogno calcistico

Questo è tutto. Questa è la nostra ricompensa per i 16 mesi in cui abbiamo visto il mondo capovolgersi.

Sedici mesi in cui i metronomi più affidabili che dettano la nostra routine settimanale sono rimasti inattivi per tre mesi, prima di ricominciare nel modo più strano: senza tifosi e tecnici con le mascherine sui banchi ed echi in quelle che un tempo erano rumorose tende di recupero in muratura . Sedici mesi in cui ci siamo resi conto che il calcio è davvero la cosa più importante e meno importante della nostra vita.

Possiamo vivere senza di essa, ovviamente. Lo dimostriamo. Ma lo ringraziamo più ricco.

E ora avremo come bonus due finali di livello uno, due grandi partite.

Sabato Brasile e Argentina in Copa America, Italia e Inghilterra in Coppa dei Campioni. Queste quattro squadre totalizzano 12 Mondiali e 24 campionati continentali. è un Neymar contro Lionel Messi. È l’Italia che non gioca come l’Italia contro l’Inghilterra che non gioca come l’Inghilterra.

È un fine settimana calcistico di prim’ordine, addio alla pausa estiva, con la speranza che quando il calcio d’élite tornerà ad agosto, sarà più simile a quella che conoscevamo come una vita normale.

Non commettere errori: questo non significa che l’incubo sia finito. Abbiamo già perso 4 milioni dei nostri cari. Quattro milioni di figli e figlie, fratelli e sorelle, padri, madri, nonne, nonni, amici, colleghi e sconosciuti. Solo ieri nel Regno Unito, che ha ospitato le semifinali degli Europei 2020 e ospiterà anche la finale, sono stati registrati 32.356 nuovi contagi, pur avendo uno dei tassi di vaccinazione più alti al mondo. Per fornire un contesto, sarebbe come se gli Stati Uniti, con una popolazione di circa cinque volte superiore, registrassero 160.000 casi, la situazione in cui si è trovato il paese nordamericano lo scorso gennaio.

READ  Il rappresentante di "Titan" Vincent Lyndon presiede la giuria di Cannes

Non sappiamo cosa verrà. Riponiamo la nostra fiducia nel potere della scienza, nel pensiero dei ricercatori e nella saggezza dei nostri leader eletti. Auguriamo il meglio.

La pandemia potrebbe essere stata messa sotto controllo, ma non dimentichiamo l’altra minaccia esistenziale che deve affrontare il calcio come lo conosciamo: la Premier League. Sono trascorse meno di 12 settimane da quando 12 club hanno annunciato che avrebbero violato il sistema in vigore per riprogettare il tessuto del calcio, in base ai loro obiettivi e priorità miopi. La ribellione è durata 48 ore, interrotta da un fronte unito che comprendeva prima di tutto le masse. Sebbene siano stati incorporati anche i media, la UEFA, la FIFA, gli allenatori, i governi e centinaia di club. Li chiamiamo partecipanti e contributori. Tuttavia, hanno avuto poca influenza sulla creazione del progetto top secret che, in caso di successo, avrebbe cambiato il calcio per sempre.

Anche se è vero che questa minaccia non è ancora finita. Tre dei dodici “club fondatori” (Juventus, Real Madrid e Barcellona) hanno proseguito i loro piani, e il sito è ancora attivo, mostrando i loghi e i nomi di vari club, compresi quelli che hanno annunciato pubblicamente il loro ritiro dal progetto. Le prossime battaglie nella guerra per il dominio del calcio devono ancora arrivare, e saranno combattute negli stadi, non nei campi.

Nel frattempo possiamo pensare a questo weekend e sorridere. Avremo due finali principali, ognuna ricca di storia e background.

Messi o Neymar (che un tempo erano compagni di squadra del Barcellona, ​​ora rivali, sempre uniti nel loro genio) vinceranno il loro primo famoso titolo internazionale. Giocheranno nel Maracana, dove Pelé era un personaggio, il luogo in cui il maggior numero di tifosi si è riunito per guardare una partita di calcio: 19.854 persone secondo i dati della FIFA, che ha visto come l’Uruguay ha spezzato il cuore dei brasiliani ai Mondiali del 1950. Finale: Meno spettatori saranno ammessi sugli spalti a Questo fine settimana, circa 6.500 persone.

READ  Morto a Firenze il fisico e matematico italiano Evangelista Torricelli

Più tardi a Wembley, dove l’Inghilterra ha vinto il suo primo e unico titolo internazionale in 55 anni, i Three Lions di Gareth Southgate proveranno a fare la storia e a dimostrare che il calcio, come dice il loro inno, è casa. È una squadra inglese diversa, costruita su tenacia difensiva e disciplina tattica. Ma anche rispetto, umiltà e inclusione.

L’Italia, dal canto suo, cercherà di rifarsi dell’umiliazione provocata dalla loro eliminazione dal Mondiale di Russia 2018. Anche questa squadra è diversa. Sono finiti la difesa profonda, il contropiede e la pazienza in attesa di un momento di ispirazione da Roberto Baggio o Paolo Rossi dall’altra parte del campo.

Al contrario, l’allenatore Roberto Mancini ha creato una squadra che gioca come l’Italia non avrebbe mai dovuto giocare (qualcuno direbbe che non potrebbe mai giocare così): un approccio basato sul dominio del centrocampo, sul pretendere il pallone e sul rischio da entrambe le parti. stadio. Terra. Hanno già 33 partite senza conoscere la sconfitta. Se questa domenica tutto va secondo i piani; L’Italia non sarà solo campione d’Europa, ma mancherà una partita per eguagliare lo storico record detenuto dalla squadra spagnola.

Sarà il weekend più importante del calcio internazionale, ad eccezione dei Mondiali. Divertiamoci. L’abbiamo vinto.