Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pink Panther a Nunes: un ladro di gioielli che viveva con la sua famiglia sotto falsa identità viene deportato in Italia.

I suoi vicini lo conoscevano come Eduardo Ren Diaz Sotto quell’identità visse a Núñez con la sua compagna ei loro figli. In realtà è chiamato Zvjezdan Begic Nato il 29 marzo 1975 in Montenegro. È stato arrestato quasi un anno fa. Polizia federale argentina Interpol Unità investigativa federale su fuggiaschi e traditori (PFA) e nelle ultime ore, il Il giudice federale Sebastian Casanello Nel 2016 Milano ha deciso di deportarlo in Italia, il Paese che ne aveva ordinato la cattura in custodia internazionale per il suo presunto coinvolgimento nel colpo di stato milionario. Una coppia di ladri ha rubato 20 orologi Rolex, Paddock Philippe, Hamilton e Cartier, e I due braccialetti costano 200.000 euro ciascuno.

È stato segnalato Nazione Fonti idonee accessibili al file. Il Sospettoso Detenuto a Núñez e, secondo fonti investigative, un esponente del cosiddetto Casanello ha deciso di espellere Sistema penale Pantera Rosa. Le cosiddette Pantere Rosa hanno guadagnato milioni nelle gioiellerie di tutta Europa.

Durante l’udienza di espulsione, Bejik ha discusso tramite un avvocato Carlo Brodman, Negazione in quanto appartenente alla banda che ha derubato il milionario presso la gioielleria di Milano. Ha detto che era in Argentina al momento dell’attacco e potrebbe testimoniare le condizioni del suo insegnante di golf.

Il ladro accusato è stato arrestato nell’aprile dello scorso annoPFA

“Bezik ha negato di essere uno dei colpevoli che è apparso in un film che è stato usato come prova per ordinare il suo arresto. Ma una questione che deve dimostrare al processo in Italia è che affrontare la questione dell’espulsione non è un problema “, ha affermato una fonte vicina al processo.

READ  Elenco completo dei colombiani al Giro d'Italia 2022

Maria Juliana Marquez, procuratore aggiunto del Ministero della Pubblica Amministrazione, si è costituita all’udienza di consegna. Che ha basato la sua posizione sull’espulsione del sospettato.

Come riportato Nazione Prove giudiziarie, imprecise Eduardo René Diaz Il sospetto è stato scoperto dopo che i dipendenti italiani dell’Interpol hanno detto ai loro colleghi argentini che il sospetto aveva una fidanzata o un partner argentini.

“C’è stata una ricerca sui social. Secondo fonti ufficiali, la moglie di Begum è stata in grado di determinare alcuni dei problemi di lavoro e quindi ha localizzato l’edificio in cui vivevano il sospettato e la sua famiglia.

Pechino è stato arrestato alle 8:47 del mattino del 21 aprile dello scorso anno, e quando ha lasciato l’edificio, Avenida del Libertadore e Ramallo hanno lasciato l’edificio a Nunes, ignari di seguire le sue orme.

Quando è stato arrestato, il ladro accusato era con lui $ 57.600, 870 euro, $ 2.134, 2.000 garanzie e due cellulari.

Chiamato il sistema criminale Pantera Rosa. Le cosiddette Pantere Rosa hanno guadagnato milioni nelle gioiellerie di tutta Europa. A Becky e ai suoi soci che sono venuti a vivere a Cannes Hanno subito una rapina in cui hanno saccheggiato 2.500.000 di euro che avevano preso in due borse nere. Era il 2005 in una gioielleria di Saint-Tropez. L’attacco del milionario è durato 75 secondi ei ladri sono scappati su una barca a motore.

Secondo il quotidiano francese விடுதலை, Il complice di Bejik è stato arrestato. Ha commesso un errore e questo lo ha spinto dietro le sbarre: in un bar a pochi metri dalla gioielleria, ha bevuto una bibita e il suo dna era nella cannuccia di plastica. Fu arrestato poco dopo ad Amsterdam, la capitale dei Paesi Bassi.

READ  Francia, Italia e Spagna chiedono alle aziende tecnologiche di pagare per le reti di telecomunicazioni

Al contrario, Pegg è scappato. È stato condannato a 15 anni di carcere mentre era assente dalla Francia. Nel 2016 è entrato in Argentina con un documento ucraino chiamato Timofi Ivanenko..

La PFA arresta un membro della banda della Pantera Rosa
La PFA arresta un membro della banda della Pantera RosaPFA

“Ha conosciuto il suo compagno in Argentina e lo avrebbe incontrato in Italia”.Spiegato Nazione Una fonte che ha partecipato alle indagini.

Gli investigatori dell’ufficio dell’Interpol di Buenos Aires hanno iniziato a indagare sulle attività di Begum nel Paese 18 mesi prima del suo arresto, quando i suoi colleghi italiani hanno scoperto una relazione sospetta con una donna argentina.

“Il latitante e la donna argentina si erano conosciuti in Italia. È tornata in Argentina, dove si sono incontrati di nuovo. Da quell’indagine fornita dai colleghi italiani, abbiamo iniziato a seguire le loro orme nel Paese”, ha detto una fonte della polizia.

Non c’è traccia del lavoro formale o informale di Becky in Argentina. Il suo partner possiede attività legate all’industria dei cosmetici.

Non vi è alcuna indicazione che abbia commesso alcun crimine in Argentina. Non sembra esserci alcuna fedina penale. Aveva un profilo basso e non ha attirato l’attenzione “, hanno consigliato gli investigatori della polizia.

Il denaro che aveva quando il fuggitivo è stato arrestato ha attirato l’attenzione dei funzionari dell’Interpol. “Non è normale uscire con così tanti soldi da paesi diversi”, ha consigliato il portavoce.