Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ultimo volo del Concorde: l’aereo supersonico utilizzato dai ricchi e famosi per attraversare l’Atlantico

L’ultimo volo del Concorde: l’aereo supersonico utilizzato dai ricchi e famosi per attraversare l’Atlantico

Il Concorde può trasportare fino a 144 passeggeri. Un biglietto andata e ritorno tra Londra e New York costa in media 10mila dollari: un mercato da vip ma scontato (Mario Tama/Getty Images)

Il 24 ottobre 2003, vent’anni fa, il pioniere dell’aviazione commerciale supersonica salutava. Lui ConcordiaÈ un modello in anticipo sui tempi e non ha avuto successori. Dopo 27 anni di servizio, è lei a gestirlo Air France e British AirwaysL’ultimo volo atterrò nel Regno Unito un secolo dopo che i fratelli Wright iniziarono la conquista dei cieli dall’altra parte dell’Atlantico.

Il 17 ottobre 1903, a Kitty Hawk, nella Carolina del Nord, Orville WrightSono rimasto in aria per dodici secondi e ho percorso 36 metri con il Wright Flyer: una piccola distanza per l’uomo, un ultimo salto per l’umanità. Cento anni dopo, il Concorde, simbolo del progresso aeronautico del XX secolo, è diventato prematuro un pezzo da museo nel mezzo della crisi finanziaria del settore. Il punto nero è stato solo un incidente: il 25 luglio 2000, il volo Air France 4590 si è schiantato poco dopo la partenza. L’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi si dirige verso l’aeroporto John F. Kennedy di New York. Morirono tutti i 100 passeggeri, nove membri dell’equipaggio e quattro persone a terra. Ma la scomparsa del Concorde non fu dovuta all’insicurezza, bensì a molteplici ragioni, soprattutto commerciali, come gli alti costi di manutenzione e l’insufficiente redditività.

Il 14 ottobre 1947, dopo la Seconda Guerra, e in seguito ai progressi tecnologici nell’industria militare, divenne pilota Chuck Yeager È diventato la prima persona a rompere la barriera del suono a bordo di un aereo alimentato da missili Bell X-1. Il progetto, che ha coinvolto l’aeronautica degli Stati Uniti e il Comitato consultivo nazionale per l’aeronautica (NACA), predecessore della NASA, non aveva ancora contemplato i voli commerciali. Presto seguirono modelli di aerei militari supersonici: aerei essenzialmente piccoli, veloci alla velocità della luce, capaci di eseguire manovre improvvise e di volare a quasi Mach 1 (la barriera del suono) per brevi periodi. Solo con il Concorde Aérospatiale-BAC, che effettuò il suo primo volo nel 1969, anche se entrò in servizio il 21 gennaio 1976, i voli supersonici divennero supersonici. La nuova meraviglia dell’ingegneria aeronautica è stata costruita dalla British Aircraft Company in collaborazione con la società francese Aerospatiale. Ha coperto la tratta Londra-New York In sole tre ore e mezza, meno della metà del tempo impiegato da un aereo normale (il Concorde consumava quattro volte più carburante). La sua velocità massima era di 2.179 chilometri orari, ovvero quasi il doppio della velocità del suono, ovvero 1.235,5 chilometri orari. L’altitudine massima di volo era di 18.300 metri. Viaggiavo lontano dalle grandi città a causa dell’inquinamento acustico. Venti navi furono costruite in Francia e nel Regno Unito: sei di loro erano prototipi sperimentali; Sette sono stati consegnati all’Air France e il resto alla British Airways.

Anche la famiglia reale britannica faceva parte dell’illustre navata del Concorde. Isabel Bowes-Lyon, la Regina Madre Elisabetta (la cui figlia Elisabetta II volò per la prima volta sul Concorde nel 1977) salì a bordo dell’aereo supersonico nel 1985 per festeggiare il suo 85° compleanno. (Mark Garanger/Corbis/Corbis via Getty Images)

Stelle supersoniche

READ  Israele ha condannato l'infiltrazione del movimento terroristico Hamas nel suo territorio e ha compiuto un attacco a sorpresa che ha ucciso almeno una persona

Il Concorde può trasportare fino a 144 passeggeri. Il costo di un biglietto di andata e ritorno tra Londra e New York è nella media $ 10.000: mercato VIP ma scontato. In generale, uomini e donne d’affari, star dello spettacolo, ricchi e famosi viaggiano. Il passeggero medio era, ad esempio, Paul McCartney, che viaggiava con la chitarra. Lawrence Azerrad, autore di Supersonic: The Design and Lifestyle of Concorde, ha scritto che il musicista ha invitato i suoi compagni di viaggio a cantare le canzoni dei Beatles durante il volo, in uno stile “che conosciamo tutti”. Secondo il New York Post, McCartney vide il luogo dello schianto del volo 587 dell’American Airlines (nel Queens, il 12 novembre 2001, con 265 morti) dal finestrino di un Concorde in procinto di atterrare all’aeroporto JFK.

Invece di eseguire le loro canzoni durante i voli supersonici, Michael Jackson L’ha creato lui, o almeno ne ha trovato l’ispirazione, come nel caso di Billie Jean. “Le canzoni arrivano nei momenti più strani. Potresti camminare in un parco o ovunque e saltano fuori. Ho scritto un’intera canzone su un Concorde, a 50.000 piedi, senza avere un registratore, quindi dovevo ricordarmela. Sono tornato a casa e l’ho registrato. “È semplicemente venuto verso di me durante il volo”, ha spiegato il Re del Pop. Phil Collins Era uno dei musicisti che viaggiavano sul Concorde. Grazie ai voli supersonici, nel 1985, mentre si esibiva al concerto di beneficenza Live Aid, si esibì sulle due sponde dell’Atlantico nello stesso giorno: suonò allo stadio di Wembley a Londra e al JFK di Filadelfia, avendo coperto il volo New York-Filadelfia. in elicottero.

Anche la famiglia reale britannica faceva parte dell’illustre navata del Concorde. Isabel Bowes-Lione, La Regina Madre Elisabetta (la cui figlia Elisabetta II volò per la prima volta sul Concorde nel 1977) Salì sull’aereo supersonico nel 1985 per festeggiare il suo 85esimo compleanno. Aveva con sé una corona: gli permisero di volare in un posto speciale in cabina. La duchessa di York, Sarah Ferguson, era abituata ai voli supersonici e li incorporava persino nella sua routine, che ovviamente non era la più comune. “La cosa bella del Concorde è che posso portare i miei figli a scuola a Londra alle 8.30, lasciarli, prendere il volo 001 della British Airways per New York alle 10.30 e arrivare lì alle 9.30, in tempo per Weight Watchers.” “Incontri e discorsi.” La differenza di fuso orario era a suo vantaggio, così come la loro solvibilità finanziaria, ovviamente.

Dopo 27 anni di servizio, operato da Air France e British Airways, l’ultimo volo è atterrato nel Regno Unito un secolo dopo che i fratelli Wright iniziarono la loro conquista dei cieli dall’altra parte dell’Atlantico. (Hugh Thomas/BWP Media/Getty Immagini)

Un’esperienza unica

READ  Il bilancio delle vittime in Israele dopo l'attacco terroristico di Hamas è salito a oltre 1.200 persone

Il 21 gennaio 1976 fu nominato un adolescente John Tay Era tra una folla di persone curiose che hanno assistito al decollo inaugurale del Concorde all’aeroporto di Heathrow di Londra. Stupito, decise di diventare pilota. Più di vent’anni dopo, alla fine degli anni ’90, e dopo un lungo addestramento, raggiunse il posto di pilotaggio di un aereo Concorde: il sogno della sua vita. “Sentire i quattro motori Rolls-Royce Olympus accendersi e l’aereo vibrare per la prima volta è stato assolutamente incredibile. Il sole stava tramontando e si poteva vedere una grande palla di fuoco alla fine della pista. Dopo aver messo a punto ogni dettaglio e contato giù, ho premuto tutte e quattro le manette a terra con la mano sinistra. Non potrò mai descrivere quello che ho provato mentre acceleravo lungo la pista. “È stata l’esperienza più straordinaria della mia carriera di aviazione.”

Ogni volta che decollava o atterrava con un Concorde, Ty vedeva grandi gruppi di osservatori ipnotizzati dallo spettacolo, come accadde nel 1976. “Una volta, un pilota dell’American Airlines, volando su un volo che doveva decollare prima del mio, mi chiese se Potresti scambiarti i posti in fila per vedere il Concorde decollare. Gestire un jet supersonico da Heathrow è stato straordinario. Potevi sentire gli occhi dei passeggeri sugli aerei subsonici che ti guardavano e anche gli occhi dei tuoi compagni piloti che ti guardavano. E qui Sto guidando il taxi Concorde verso la pista 27 R dell’aeroporto di Londra.”.

Prima degli attacchi dell’11 settembre 2001, la politica delle cabine era molto aperta, con molta interazione tra equipaggio e passeggeri. “La prima grande star che ho incontrato è stata… Elton John. “Ero seduto in prima fila”, ricorda Ty. Sono andato allo stadio di Wembley per guardarlo, insieme ad altre 100.000 persone, solo poche settimane fa. Abbiamo avuto una piccola conversazione che non ricordo molto, perché mi piaceva davvero tanto. Col tempo, sui voli dove veniva servito il caviale con posate di madreperla, il pilota si abituò a interagire con alcuni dei suoi idoli, tra i quali ricorda particolarmente Mick Jagger e Paul McCartney.

Sui voli, il caviale veniva servito con posate di madreperla e il pilota interagiva con le celebrità (Stefan Zacklin/Getty Images)

È tutta storia

READ  "Non si chiamava Ivan, si chiamava Alana", hanno detto i genitori dei gemelli argentini, che hanno parlato per la prima volta dopo la tragedia

Un altro pilota del Concorde Jock Louieche compì venticinque anni il giorno del primo viaggio di quella nave – e vide quel momento storico in televisione -, ha trasmesso Muhammad Ali, Richard Nixon, Elizabeth Taylor, Sean Connery. E tante altre celebrità. “C’erano molte persone in viaggio che non avrei mai sognato di incontrare: pop star, stelle del cinema, uomini d’affari, reali”, dice. Oltre ai voli regolari, il Concorde ha aggiunto i voli charter VIP. La differenza principale, afferma Lowe, è che “sui voli charter c’era più stress e pressione per assicurarsi che l’aereo partisse e arrivasse in orario. Una volta stavamo volando con… La regina Elisabetta II e il principe Filippo Dal Canada al Regno Unito abbiamo dovuto rallentare perché la temperatura nell’atmosfera superiore ha raggiunto il suo massimo. La regina se ne accorse e mi chiese cosa stesse succedendo. Ho risposto. L’interazione è stata molto interessante: ho potuto spiegargli che, nonostante avessimo rallentato, non andavamo così veloci e che saremmo arrivati ​​in tempo. “Così è stato.”

Durante guerra freddaL’Unione Sovietica costruì il proprio aereo supersonico, il Tupolev Tu-144. Ma effettuò solo 55 voli con passeggeri prima che il programma fosse cancellato a causa di un alto tasso di malfunzionamenti, uno dei quali provocò un grave incidente al Paris Air Show del 1973. Il Concorde, al contrario, dominò i cieli per quasi tre decenni. Trasportava circa 2,5 milioni di passeggeri ed effettuava 5.000 voli durante la sua breve vita produttiva, finché le dure leggi del mercato non la costrinsero al pensionamento anticipato.