Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'Italia esprime alla Russia “grande delusione” per la nazionalizzazione dell'azienda tecnologica Ariston

L'Italia esprime alla Russia “grande delusione” per la nazionalizzazione dell'azienda tecnologica Ariston

Roma, 29 apr. (EFECOM).- Il governo italiano ha espresso lunedì all'ambasciatore russo Alexei Paramono il suo “grande disappunto” per la nazionalizzazione del Gruppo Ariston Thermo, azienda italiana operante nel settore del riscaldamento e delle tecnologie domestiche. Gli è stato chiesto di “riconsiderare” la sua decisione e di “ritirare i passi compiuti”.

Il segretario generale della Farnesina, Riccardo Quariglia, ha convocato l'ambasciatore a nome del ministro Antonio Tajani e gli ha chiesto di “esprimere il grande disappunto del governo italiano” per questo “atto inaspettato” e di spiegarne le ragioni. , “Non è possibile trovare alcuna base giuridica”.

“Soprattutto considerando che è stata adottata contro un'istituzione che ha radici storiche nel Paese e non ha nulla a che vedere con l'attuale situazione di crisi internazionale”, si legge in una nota della Farnesina, aggiungendo che Quariglia “ha espresso questo desiderio al suo interlocutore. Russia sta riconsiderando la misura adottata in quanto definita temporanea”.

“L'Unione Europea ieri ha condannato fermamente questa mossa, che ha colpito anche l'azienda tedesca e, tra l'altro, è un'ulteriore prova del disprezzo della Russia per il diritto internazionale”, ha sottolineato.

Tajani, che è anche vice capo del governo, “è in contatto con l'azienda fin dall'inizio e ha il diritto di analizzare le conseguenze della decisione russa insieme ai partner del G7 e dell'Ue e valutare la risposta adeguata”. .

“In linea con i suoi partner europei, in particolare con la Germania, l'Italia chiede alla Federazione Russa di ritirare le misure adottate contro le attività economiche legittime delle società straniere nel Paese”, si legge nella nota. Controllare la situazione”

Tajani ha annunciato l'invito dell'ambasciatore sabato, il giorno dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato il trasferimento temporaneo delle filiali del gruppo Ariston Thermo e della tedesca Bosch alla società russa Gazprom Domestic Systems, un produttore statale di elettrodomestici. .

READ  Italia.- Il Consiglio dei ministri italiano approva il piano di Tracy per ridurre le barriere burocratiche

Ariston Thermo è un'azienda leader nel campo del comfort termico e dell'efficienza energetica, con una presenza diretta in 40 paesi e un fatturato di oltre 3 miliardi di euro al 2023 secondo i propri dati. EFECOM

Sig./SGP