Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le società di data center rafforzano la Spagna durante il boom del settore | comp

Le principali aziende di data center in Spagna hanno lanciato l’Associazione spagnola dei data center, Spain Capital, per unire gli sforzi e dare una visione per un settore fiorente. Nei prossimi cinque anni, la Spagna sarà in grado di attrarre investimenti diretti in infrastrutture fisiche per un valore di 5.000 milioni di euro, hanno spiegato.

Il mercato europeo dei data center sta vivendo un boom di investimenti con oltre sei milioni di metri quadrati di spazio disponibile a fine giugno 2021, secondo un rapporto di Datacenterpricing (DCP), e “La Spagna è il paese europeo in cui si trova questo settore “, afferma il presidente dell’associazione Ignacio Villila. .

Secondo il DCP, l’aumento nel nostro Paese sarà del 62%. Questa organizzazione ha analizzato la costruzione di data center pianificata e annunciata in Europa, sulla base di 109 progetti, per un totale di circa 1,5 milioni di metri quadrati di area e circa 2.250 megawatt di potenza. Il 54% dei nuovi progetti sarà concentrato in Spagna, Portogallo, Irlanda, Italia e Svizzera.

Il consorzio parte da nove soci fondatori (Equinix, Interxion, Global Switch, Data4, DCD, Infrastructure Masons, Nabaix, Quark e Sales4U) ed è aperto a qualsiasi operatore di data center situato in Spagna e alle aziende legate al settore: operatori ed elettricità tecnologia, ingegneria e costruzione.

Villila ha spiegato ieri che l’obiettivo dell’associazione, che aspira ad essere un interlocutore per il settore con il management e con altre organizzazioni private, è posizionare il settore come catalizzatore economico e sociale e sfruttare l’opportunità per mettere la Spagna al primo posto all’avanguardia di questa tecnologia, rendendo il paese centro Collegamento dell’Europa meridionale.

READ  Il vertice del G7: dichiarazioni e critiche dopo l'incontro dei Paesi più potenti

“I data center sono infrastrutture essenziali per collegare, archiviare, proteggere ed elaborare i dati su larga scala. Sono la base fisica per tutto ciò che accade in Internet e quindi una potente leva per il rilancio economico e per attirare talenti e investimenti”, ha aggiunto. , secondo Villella, “ogni euro investito in esso”. Centri dati Ha un impatto di 12 euro sul Pil”.

Spagna DC ha stabilito tre principali linee d’azione: sostenibilità ed energia (i data center consumano grandi quantità di energia e “ci assumiamo la responsabilità”), istruzione (creare collegamenti tra industria e università e istruzione universitaria per migliorare la formazione tecnica dei futuri professionisti del settore bisogno) e l’economia digitale (“il settore può dare un contributo fondamentale alla crescita, all’energia e alla trasformazione digitale dell’economia spagnola”, secondo Villala).

L’associazione cercherà inoltre di risolvere i problemi più comuni delle aziende del settore, la difficoltà di accesso alla terra e all’energia qualificata, nonché la carenza di talenti. “Non esiste un database semplice che ti permetta di sapere dove si trova l’energia elettrica in qualsiasi momento per sviluppare una bobina Banca dati; Oggi devi rivolgerti a un elettricista ed è un processo lungo. Quello che vogliamo è lavorare con Red Eléctrica Española e con i principali distributori di energia elettrica del paese in modo che queste informazioni possano essere ottenute in modo più organizzato e accessibile dalle diverse società. Qualcosa di simile sta accadendo con la Terra. Non esiste una mappa accessibile che mostri gli sviluppi nei poligoni o nelle aree industriali in cui potrebbe essere implementato il data center”.

Velilla comprende che ci sono paesi europei in cui l’accesso a tali informazioni è più o meno complesso rispetto alla Spagna, come l’Italia, e molti altri paesi più semplici, come i Paesi Bassi. “È un argomento su cui si sta lavorando in molti paesi, non solo in Spagna”.

READ  Impressionante potenza latina | corrispondente

Assemblaggio che ha già più di 15 partner, aspira a convincere tutte le aziende del settore ad aderire all’iniziativa (molte aziende hanno già mostrato interesse). Il presidente della Spagna, la capitale, conferma che in Spagna c’è solo un mondo di operatori Banca dati e aziende ospitando È composta da circa 100 aziende”, anche se nei prossimi anni ne arriveranno parecchie. Pensiamo ai grandi schieramenti di aziende nuvole [como Amazon, Microsoft, Google o IBM, que han anunciado recientemente sus regiones cloud en España] Genererà un ecosistema aggiuntivo intorno Banca dati Manterrà la crescita del business, creando nuove società di data center. “

Velilla non fornisce informazioni sul volume degli scambi globali del settore in Spagna. “Parte del lavoro dell’associazione è mettere in bianco le informazioni su cosa c’è veramente in Spagna, qual è il potere provato, quali sono le aspettative e come paese possiamo fornire un’indicazione di dove siamo, una visione economica e dove stiamo andando.” Fornisce dati che mostrano lo slancio del settore: “La gamma di potenza che abbiamo installato oggi è di circa 200 megawatt e la previsione è che entro i prossimi 24 mesi arriveremo a circa 500 megawatt”.

Il presidente dell’associazione vede nella costituzione dell’associazione la chiave di volta che “tra pochi anni non ci sarà più Centri dati Da diverse parti della Spagna.” “Vogliamo lavorare a stretto contatto con la pubblica amministrazione in modo da essere sani di mente, mettere buon senso e conoscenza e non iniziare a pensare di costruire un data center in ogni città spagnola. È importante Il settore continua a crescere in maniera ordinata e Allineiamoci tutti in base a ciò che è veramente necessario per creare questo ecosistema e che siamo sulla mappa dell’interdipendenza globale”.

READ  Iberia ed El Corte Ingles si alleano per attirare gli inglesi nello shopping duty-free