Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Corte Europea stabilisce che le filiali devono pagare i loro clienti per gli abusi commessi dai loro genitori

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) ha pubblicato questa mattina una sentenza che cambierà le cause di responsabilità civile che colpiscono le grandi multinazionali in materia di concorrenza. In risposta a una pronuncia pregiudiziale del tribunale di Barcellona, ​​il tribunale ha deciso che le società controllate possono essere ritenute responsabili per le azioni delle società controllanti.

La questione specifica a cui fa riferimento la consulenza del tribunale di Barcellona è il cartello dei camion, dichiarato tale dalla Commissione europea nel 2016 e che ha richiesto multe milionarie ai principali produttori europei per coordinarsi per aumentare i prezzi. A fronte di migliaia di ricorsi da parte dei clienti di queste società, molti tribunali hanno assolto concessionari di autocarri o filiali in diversi paesi per non aver valutato legalità negativa, cioè per non essersi assunti direttamente la responsabilità di azioni che potrebbero far sorgere il diritto al risarcimento.

Camion e veicoli che viaggiano lungo l’AP-7

un file

Ora, in base alla sentenza recentemente rivelata, non sarà più così, e quindi, le persone colpite in Spagna, Italia, Francia o in qualsiasi altro paese dell’UE non dovranno citare in giudizio la casa madre del produttore – che è stata condannata dalla Commissione europea – ma potranno intraprendere azioni legali contro la società appartenente al loro paese. La sentenza afferma che quando si accerta che una società appartenente ad un’unità economica abbia violato le regole in materia di concorrenza, la nozione di società, e con ciò l’unità economica, “comporta integralmente la responsabilità solidale delle società costituenti il unità economica al momento della commissione del reato”.

READ  La guida essenziale per riabilitare la tua casa: requisiti e aiuto | Aziende

Il testo fornito dalla CGUE afferma che quando viene accertata una violazione a causa di pratiche anticoncorrenziali, “la vittima può tentare di dichiarare la responsabilità civile di una controllata di tale controllante purché dimostri che una controllata, con la sua controllante, è un unità economica”.

grilletto

Le consultazioni con il Lussemburgo sono nate dal caso di Edouard Sefuentes, un uomo d’affari di Robbie che ha acquistato due camion Mercedes.

Ad esempio, nel caso specifico che è alla base della pronuncia pregiudiziale decisa oggi, l’imprenditore Eduard Cifuentes, di Simal, di Rubí, ha acquistato due camion da Mercedes Benz Trucks Spain (MBTE) ed è stato frustrato presso il 7 Tribunale commerciale di Barcellona chiedendo che riscuote poco più di 22.000 euro in quanto danneggiati dal cartello dei camion. Avvisato dall’avvocato Manel Espinosa Gonzalez, dello studio legale Allura Asesores, ha presentato ricorso e ora spera che l’udienza annulli la sentenza del tribunale commerciale. Secondo la sentenza, questo querelante “sarà in grado di presentare una richiesta di risarcimento contro MBTE come sussidiaria di Daimler AG”, cosa che ha già fatto. Una condizione per supportare la tua affermazione è che “È stato stabilito che l’accordo anticoncorrenziale di Daimler si riferisce agli stessi prodotti commercializzati da MBTE”.

Secondo i giudici consultati, questa sentenza è significativa perché non solo aiuterà a risolvere migliaia di cause relative ai cartelli di camion in tutta Europa con maggiore velocità e certezza del diritto, ma si applica a tutti i casi in cui esiste un problema simile. . Ad esempio, Diesel Jet.

READ  La buona guerra e la fiorentina: oltre le parole e più di 50 casi giudiziari

Roberto Vallina, partner di gara di RocaJunyent, afferma che “la sentenza rappresenta un cambiamento importante per tutte le questioni dell’associazione dei camion e di altre relative ai danni per violazioni della concorrenza”. In Spagna ci sono migliaia di casi, molti dei quali sono già stati processati e altri sono in corso. “Decine di cause sono state archiviate per mancanza di legittimità negativa, perché dirette contro gli affiliati, e ora, se i procedimenti sono ancora in corso, possono essere riaperti”, aggiunge Valina.