Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Spagna, Italia e Grecia, paesi OCSE in cui il reddito reale delle famiglie è stagnante dal 2007 |  Economia

Spagna, Italia e Grecia, paesi OCSE in cui il reddito reale delle famiglie è stagnante dal 2007 | Economia

Sono trascorsi più di 15 anni dallo scoppio della bolla immobiliare e da allora le famiglie spagnole non hanno ancora raggiunto lo stesso livello di reddito. Nello specifico, il reddito reale pro capite delle famiglie – ovvero, una volta eliminato l’effetto dell’inflazione – alla fine dello scorso anno rimaneva due punti percentuali al di sotto del livello dell’inizio del 2007, poco prima dell’epidemia. Crisi finanziaria secondo i dati..

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti

Sono trascorsi più di 15 anni dallo scoppio della bolla immobiliare e da allora le famiglie spagnole non hanno ancora raggiunto lo stesso livello di reddito. Nello specifico, il reddito reale pro capite delle famiglie – ovvero, una volta eliminato l’effetto dell’inflazione – alla fine dello scorso anno era rimasto di 2 punti percentuali al di sotto del livello dell’inizio del 2007, poco prima dell’epidemia. Crisi finanziaria, secondo i dati dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). È l’unico paese tra i 34 membri (con dati disponibili), insieme a Italia e Grecia, che rimane stagnante in questo indicatore macroeconomico. Al contrario, nel gruppo dei paesi che compongono questa organizzazione, che comprende i paesi più industrializzati del mondo, il reddito delle famiglie è aumentato del 22% tra il 2007 e il 2023.

Il quadro che emerge dai dati pubblicati dall’organizzazione parigina mostra che, nonostante l’accelerazione registrata dall’economia nazionale prima dello scoppio dell’epidemia nel 2020 e la ripresa dopo la crisi Covid, il livello del reddito pro capite è ancora inferiore a quello tra 17 anni. Questo numero è stato scelto perché in questo periodo il PIL è aumentato a un ritmo più lento rispetto alla popolazione: la popolazione è cresciuta di circa quattro milioni, arrivando a 48.507.039. Ciò significa che il Paese ha perso produttività in questi anni.

READ  Javier Sánchez-Prieto, CEO di Iberia: "Continueremo a scommettere sul mercato argentino"

La mancanza di convergenza è alimentata dal basso livello di tecnologia e trasformazione digitale nel mercato del lavoro, combinato con la bassa qualità del capitale umano. Lo spiega Javier Blasco, direttore dell'Adecco Group Institute. “È il modello di produzione che sta dietro questa stagnazione dei redditi, e il problema è che la Spagna non diventerà, almeno nel breve termine, una potenza digitale o ad alta partecipazione industriale”, spiega. Secondo la Banca di Spagna, infatti, il tasso di crescita della produttività nazionale negli ultimi due decenni è stato molto basso e inferiore a quello delle altre economie di riferimento in Europa; Nello specifico, il 14% in meno rispetto all’Eurozona. Inoltre è un problema che si osserva in tutti i rami di attività e non è dovuto alla specializzazione settoriale.

La composizione settoriale, più sbilanciata verso i servizi come il commercio e l'ospitalità, il peso del settore turistico e le attività a bassa produttività e ad alta intensità di manodopera, spiega solo in parte questo ritardo a livello produttivo, spiega l'ente diretto da Pablo Hernández de Cos. livello. Secondo le loro stime, se il Paese avesse la struttura dell’Eurozona, questa differenza sarebbe del 10%. Le ridotte dimensioni del tessuto commerciale non spiegano del tutto questo difetto, perché confrontando i dati anagrafici delle imprese di Spagna, Germania, Francia e Italia si nota che le aziende nazionali producono tra il 10% e il 20% in meno rispetto alla produzione di quei paesi. Non importa se è grande o piccolo.

Sia Blasco che la Banca di Spagna sostengono che la mancanza di innovazione ha un impatto uguale o maggiore rispetto alla dimensione delle aziende e alla dipendenza dal settore dei servizi. I dati mostrano il netto svantaggio in cui si trova l’economia nazionale in quest’area rispetto al resto del continente: nel 2022 la spesa in ricerca e sviluppo in rapporto al Pil è stata dell’1,44%, 0,8 punti inferiore alla media europea, secondo gli ultimi dati pubblicati da Eurostat. . . La debolezza del settore privato in questa regione è particolarmente evidente, sebbene in alcune aree anche gli investimenti pubblici siano leggermente inferiori rispetto alla media dell’area dell’euro.

READ  L'Italia prova ad accelerare il terzo cambio di moneta europea dopo la proroga

Un altro punto debole è il basso livello di capitale umano della popolazione spagnola, soprattutto nella formazione tecnologica e nelle competenze digitali. “Nonostante ci siano stati miglioramenti negli ultimi decenni, siamo ancora al di sotto della media europea”, afferma Blasko. I numeri confermano questa opinione. Secondo un rapporto pubblicato da BBVA nel settembre dello scorso anno, il valore del capitale umano in Spagna ha mostrato una tendenza al ribasso per più di un decennio, il che significa un calo cumulativo dal 2000 del 5,6% in termini reali. In termini pro capite, il tasso è diminuito di quasi il 20% nello stesso periodo, cosa che l'entità attribuisce ad un processo di invecchiamento intensificato. Parallelamente, la Banca di Spagna attribuisce questo alla debole capacità innovativa e di assorbimento della conoscenza, guidata dai migliori salari offerti da altri paesi.

Il terzo fattore che limita la produttività, e quindi influenza il reddito reale pro capite, è il contesto normativo. Secondo gli analisti, le imprese spagnole continuano a fare maggiore affidamento sul credito bancario e un accesso relativamente limitato ai finanziamenti tramite capitale di rischio rispetto alle loro controparti europee. Questo dinamismo limita il potenziale di crescita delle aziende e la loro capacità di manovra per adattarsi a potenziali sconvolgimenti economici, oltre ad adattare la loro capacità di implementare progetti di innovazione. Parallelamente, la differenza organizzativa tra le comunità autonome determina anche il loro sviluppo a livello nazionale. A questo proposito, la Banca di Spagna rileva che solo nel 2022 lo Stato e le Regioni autonome hanno approvato quasi 11.000 nuove norme.

Queste debolezze hanno reso la Spagna il terzo paese UE con i peggiori risultati nell’OCSE in termini di progresso del reddito reale pro capite. Solo Grecia e Italia stanno subendo danni maggiori. Il primo è inferiore di 20 punti rispetto al livello del 2007, mentre il secondo registra un calo di circa 7 punti.

READ  La situazione normale il primo giorno di disoccupazione negli aeroporti spagnoli

Segui tutte le informazioni Economia E un lavoro In Facebook E So nel nostro Newsletter settimanale

Programma dei cinque giorni

Le quotazioni economiche più importanti del giorno, con chiavi e contesto per comprenderne la portata.

Ricevilo nella tua email