Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna ha il terzo rapporto più alto tra stipendio medio e PIL pro capite, superato solo da Germania e Italia

La Spagna ha il terzo rapporto più alto tra stipendio medio e PIL pro capite, superato solo da Germania e Italia

Nessuno ignora l’importanza e l’importanza della remunerazione in tempi di immensa complessità come oggi, quando l’aumento delle SMI o il recente accordo di omogeneizzazione dell’UE, l’inarrestabile aumento dei prezzi, la necessità di attrarre e trattenere i talenti nelle organizzazioni o il crollo dell’occupazione negoziazione di accordi e contrattazione collettiva (AENC) e raggiungimento di un accordo sul reddito, non sono che esempi della multiforme realtà di un’organizzazione, lo stipendio, in cui piovono fiumi di inchiostro. ultime settimane.

Ecco perché Istituto Gruppo AdeccoIl Centro studi ed editoria del Gruppo Adecco ha pubblicato l’ottava edizione dell’Adecco Pay Monitor, che, sulla base dei dati dell’indagine trimestrale sul costo del lavoro e di Eurostat, analizza lo stipendio medio spagnolo da diverse prospettive.

In questa prima parte, l’analisi si sofferma sul rapporto tra salario medio e variabili quali PIL pro capite e produttività media, nonché sullo stato del salario minimo rispetto a diversi valori: il confronto europeo, la dimensione del settore e dell’impresa o una comunità indipendente.

Tra le varie definizioni di salario, utilizziamo in questo osservatorio il salario ordinario totale. Questa definizione include pagamenti mensili regolari prima del calcolo delle detrazioni e delle detrazioni corrispondenti. Sono pertanto esclusi tutti i pagamenti irregolari (pagamenti aggiuntivi, straordinari, arretrati, indennità, ecc.). Utilizzeremo i dati medi annuali. Tutti i dati saranno riportati in EUR al mese d’ora in poi.

La vitalità è arrivata Javier Blasco, Direttore Istituto Gruppo Adecco: “La crisi non colpisce tutti allo stesso modo e lo stipendio rimane l’unica leva benefica in quella che alcuni chiamano leva sociale. Sebbene il reddito disponibile totale per le famiglie sia cresciuto del 2,2% anno su anno nel 2021, questo aumento non è stato sufficiente per recuperare il 100% tutto è andato perso nell’anno della pandemia. Ciò contrasta con il fatto che le tasse sui salari per i contributi sociali, le tasse sul reddito e sul patrimonio erano molto più elevate rispetto ai dati del 2019.

“Dicono che più della metà dei dipendenti attualmente si sente demotivata nel proprio lavoro e il 62% vede che i propri stipendi non sono commisurati alle prestazioni che svolgono. A volte pensiamo che le cosiddette ‘grandi dimissioni’ colpiscano solo le grandi organizzazioni , ma nel nostro paese abbiamo ancora migliaia di offerte di lavoro a causa del fascino dei loro bassi stipendi, e questo sembra aver portato alla “democratizzazione” di lui e di lui, colpendo tutti i tipi di aziende, indipendentemente dalle loro dimensioni, Blasco conclude.

READ  L'Italia impone la mascherina in strada e chiude le discoteche | economia

Salario in Spagna: stipendio medio vs PIL pro capite e produttività

Lo stipendio medio dell’economia spagnola nel 2021 è stato di 1.751 euro al mese. Il livello salariale medio non è basso in Spagna. È, piuttosto, un livello in base a ciò che l’economia può permettersi. Questo è quanto si può dedurre dal confronto di alcuni rapporti salariali rilevanti tra tutti i paesi dell’UE.

Prendendo i dati del 2021, i dati più recenti disponibili per un confronto di tutti i paesi dell’UE, la Spagna ha il terzo rapporto più alto tra salari medi e PIL pro capite. L’82,6% del nostro Paese è superato solo dall’84% dalla Germania e dall’82,9% dall’Italia.

Pertanto, la posizione dello stipendio medio spagnolo in relazione al PIL pro capite è più alta, ad esempio, di Francia (80,4%), Danimarca (72,3%), Paesi Bassi (70,4%), Polonia (66,4%), Portogallo. (64,6%), Svezia (61,8%), oltre ad altri 18 paesi. Le due percentuali più basse corrispondono a Lussemburgo (36,7%) e Irlanda (41,7%).

amore

Lo stipendio, qualunque sia il suo livello, è un compenso per il lavoro svolto. Per questo, alla fine, il salario deve mantenere una certa conformità al valore della produzione a cui contribuisce questo lavoro.

Lo stipendio medio spagnolo, in proporzione alla produttività media, è il sesto più alto dell’Unione Europea. Mentre nel nostro Paese lo stipendio medio è pari al 34,9% della produttività (intesa come PIL per lavoratore), in Francia al 34%, in Finlandia al 33,1% e in Svezia al 30,4%, solo per citarne alcuni.

Gli unici cinque paesi con una percentuale più alta di spagnolo sono Germania (45,3%), Paesi Bassi (39,1%), Danimarca, Austria (37,8% in entrambi i casi) e Italia (35,2%).

I due casi opposti, con percentuali inferiori, sono l’Irlanda (19,4%) e l’Estonia (26,3%). In generale, i paesi con quote minori tendono ad essere quelli in cui la produttività cresce più velocemente. Pertanto, sebbene i salari aumentino, poiché la produzione per dipendente avviene più rapidamente, la relazione analizzata diminuisce.

amore

È proprio lo sviluppo della produttività che permette di sollevare dubbi sulla sostenibilità degli attuali livelli salariali in Spagna: tra il 2016 e il 2021, il nostro Paese è il Paese che mostra la peggiore dinamica di questa variabile.

Negli ultimi dieci anni è stato osservato un divario tra crescita salariale e crescita della produttività nei paesi dell’UE. Una crescita salariale sostenuta per lunghi periodi può essere raggiunta solo in presenza di una crescita significativa della produttività. Il grafico seguente mostra gli indicatori dei salari reali medi e della produttività del lavoro nell’UE-27 tra il 2009 e il 2019. In generale, si può osservare che la produttività del lavoro (+12,3%) è aumentata più rapidamente dei salari. (+8,4%) tra il 2009 e il 2019. Nel complesso, la separazione dei salari dalla produttività del lavoro spiega perché la quota del reddito da lavoro (la quota della retribuzione dei lavoratori nel PIL) in molti paesi continua a essere significativamente inferiore rispetto agli anni ’90.[1].

READ  Lira: la valuta turca debole incoraggia il commercio transfrontaliero

Un terzo dei 27 paesi dell’UE mostra un calo della produttività negli ultimi cinque anni. Tra questi, la Spagna fornisce i dati più sfavorevoli, con un calo cumulativo del 4,8%. Lussemburgo (-3,9%) e Portogallo (-1,6%) sono i peggiori. A Malta, Grecia, Belgio e Paesi Bassi, la produttività è diminuita dell’1% o meno.

amore

Bassa produttività significa che per raggiungere lo stesso livello di produzione sono necessarie più persone. Oppure, in alternativa, lo stesso stampo risulta in meno rispetto a prima. Chiaramente questo è il contesto opposto a quello necessario per consentire un aumento sostenibile dei salari: qualsiasi aumento di questi, perché non supportati da un aumento della produzione, deve avvenire a scapito della riduzione dei margini commerciali.

Quest’ultimo, a sua volta, implica una minore capacità di investimento, il che rende difficile il ripristino della produttività, creando così una sorta di circolo vizioso. In termini più semplici: senza un aumento della produttività, gli aumenti salariali sono insostenibili.

Un altro terzo dei paesi dell’UE ha ottenuto incrementi di produttività lievi o moderati, che vanno da appena lo 0,1% in Germania allo 0,3% in Francia, al 5,2% in Slovacchia e al 6,7% in Slovenia.

Infine, nel restante terzo, la produttività è aumentata in modo deciso. I più importanti di questi sono l’Irlanda (+33,8%) e la Romania (+29,7%). I tre Stati baltici fanno parte di questo gruppo con incrementi del 18% in Lituania, del 17,9% in Estonia e del 14,8% in Lettonia.

salario minimo

Un’analisi dei salari minimi da diverse angolazioni rafforza il punto precedente: è difficile giustificare aumenti salariali aggiuntivi se non vengono recuperati livelli di produttività precedentemente persi.

In primo luogo, nessun paese dell’UE ha un salario minimo pari o superiore al 60% del salario medio. Solo in cinque paesi dell’UE il salario minimo supera il 50% del salario medio.

Con l’aumento a 1.000 euro, la Spagna si è riconfermata come il secondo Paese in cui il salario minimo legale è più alto in proporzione al salario medio, al 57,1%. Solo la Slovenia ha sovraperformato la nostra (58,8%).

In Belgio, Paesi Bassi, Germania, Repubblica Ceca, Ungheria e altri paesi, il rapporto tra salario minimo e salario medio è inferiore di oltre 10 punti percentuali rispetto alla Spagna.

READ  La ceramica avverte Ribera che la decarbonizzazione minaccia le imprese

amore

A rigor di termini, la situazione è ancora più sfavorevole, poiché i dati Eurostat escludono il settore primario e il servizio domestico, per i quali la retribuzione media è inferiore alla media. Pertanto, la sua inclusione aumenterà il rapporto tra salario minimo e salario medio.

La produttività varia ampiamente tra i settori economici e le dimensioni delle imprese. Ciò giustifica che lo stipendio medio varia notevolmente nei diversi settori dell’economia. Quindi, lo stesso salario minimo non ha lo stesso onere in tutti i settori e le imprese. Al contrario, è più gravoso quando lo stipendio medio è più basso.

Ad esempio, mentre il salario minimo è equivalente al 50,7% del salario medio nel settore industriale, raggiunge il 58,8% rispetto al salario medio nel settore edile. Allo stesso modo, lo stipendio minimo di 1.000 euro è il 48,3% dello stipendio medio delle aziende con 200 o più dipendenti, ma ammonta al 68,1% dello stipendio medio delle piccole imprese (quelle con meno di 50 dipendenti).

amore

D’altra parte, a causa della diversa struttura economica nelle diverse Comunità Autonome, anche i livelli di produttività di ciascuna di esse differiscono. A sua volta, in ciascuna comunità autonoma, la retribuzione media è correlata, in misura maggiore o minore, al livello di produttività regionale. Pertanto, il salario medio per alcuni lavoratori autonomi varia notevolmente.

Da quanto sopra si può dedurre una grande varianza nel costo reale degli stessi salari minimi per le imprese di ciascuna comunità autonoma. Nella Comunità di Madrid e nei Paesi Baschi, invece, il salario minimo di 1.000 euro equivale a meno del 50% del salario medio per ciascuno.

Al contrario, nelle Isole Canarie e in Estremadura, questa percentuale supera il 70%. Da parte sua, nella regione di Murcia, Andalusia e Castilla-La Mancha lo stesso è di circa il 65%.

In queste cinque regioni, dove il salario minimo è vicino al 65% o più del salario medio, lavorano 6,1 milioni di persone, ovvero il 30% del totale.

Ci sono solo cinque comunità autonome in cui il salario minimo è inferiore al 60% del salario medio (Madrid, Paesi Baschi, Navarra, Catalogna e Asturie).

amore


[1] Rapporto salariale globale 2020-21, Organizzazione internazionale del lavoro

*Se hai trovato questo articolo interessante, ti invitiamo a seguirci Twitter
E iscriviti alla nostra newsletter quotidiana.

RRHD digitale