Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I salari sono già aumentati di circa il 3% in Francia e Germania

Dopo anni di polemiche, le stelle sono in aumento nella maggior parte delle economie dell’eurozona. In molti paesi gli aumenti sono già visibili, ad esempio nelle due maggiori economie dell’eurozona, come Francia e Germania, dove i primi trimestri dell’anno hanno registrato incrementi di circa il 3%. Le grandi corporazioni chiedono di più, perché vedono rafforzate le loro richieste Alta inflazione, carenza di manodopera e profitti aziendali.

In particolare, secondo i dati dell’Ufficio federale di statistica tedesco, i salari dei lavoratori sono aumentati Una media del 4% nel primo trimestre del 2022In un periodo in cui i prezzi sono aumentati del 5,8%. Nel caso francese, gli aumenti medi negoziati finora sono a Le articolazioni sono aumentate del 3%. per tutto l’anno secondo uno studio condotto dalla banca centrale del Paese. Una spiegazione nel caso francese è che da maggio è stato applicato un aumento automatico del salario minimo del 2,65% sulla base dell’aumento dell’inflazione osservato nell’anno precedente.

Questi dati sono coerenti con quelli raccolti da Banca centrale europea (BCE) Attraverso i risultati e le richieste di vari processi di contrattazione collettiva, che consentono di aspettarsi un aumento salariale medio nell’eurozona del 2,8% quest’anno e del 2,4% l’anno successivo. Questa tendenza al rialzo può essere spiegata da una combinazione di fattori:La combinazione di inflazione elevata e mercato del lavoro teso significa che i lavoratori possono chiedere di più. Aggiungi a questo che le grandi aziende stanno facendo buoni profitti, il che significa che c’è spazio per salari più alti”, afferma Bert Cullen, economista specializzato in analisi dell’eurozona presso ING.

Il La disoccupazione nell’eurozona è attualmente inferiore al 7%.Uno dei suoi livelli più bassi. In paesi come la Germania e i Paesi Bassi è di circa il 3%, che è anche il valore più basso perché le agenzie statistiche hanno record. primo trimestre 2022, Il tasso di sfitto nell’area dell’euro è salito al 3,1%. Molto più alto dell’1,5% che ha mantenuto dal 2013.

READ  I datori di lavoro italiani hanno ridotto la crescita del PIL all'1,9% nel 2022, più della metà

richieste sindacali

In effetti, i sindacati chiedono di più. Uno dei riferimenti per misurare la temperatura delle richieste dei lavoratori è IG Metall, la più grande associazione tedesca Che ha avviato di recente le sue trattative con la richiesta di aumentare dell’8,2% i salari dei lavoratori del settore. Esther Lynch, Vice Segretario Generale della Confederazione Europea dei Sindacati (CES) Difende la necessità per i lavoratori di “lottare per salari più alti che consentirebbero loro di stare al passo con l’inflazione” e sottolinea che prima di questo aumento del costo della vita, “I salari sono diminuiti molto più della produttività“.

Anche altre economie come i Paesi Bassi, ad esempio, hanno registrato incrementi di circa il 3% e bisognerà vedere fino a che punto le richieste sindacali continuano a essere sostenute dall’elevata inflazione. Un caso speciale è il caso del Belgio, che è l’unico paese dell’Unione europea ad avere l’estensione Salari automaticamente collegati all’indice dei prezzi al consumo, che ha messo in allerta la banca centrale e il governo del Paese, che ha ricevuto richieste dai datori di lavoro di applicare un’eccezione all’indicizzazione automatica quest’anno, mentre i sindacati stanno premendo nella direzione opposta. Paesi come la Danimarca o il Lussemburgo hanno abbandonato questa formula anni fa.

Il rischio di inversione dell’inflazione

Ma a prescindere da questa specificità, Colin considera positivo che i salari stiano cominciando ad aumentare in Europa. Secondo Eurostat, nell’ultimo trimestre del 2021, i salari orari reali sono diminuiti del 3% in un momento in cui l’inflazione stava già salendo oltre il 4,5%.

È un segno di un’economia sana se i salari aumentano in linea con l’inflazione moderata e l’aumento della produttività‘, dice l’economista di ING, riferendosi ad aumenti nella fascia del 3%, ma avverte che se gli stipendi inizieranno a riflettere un’inflazione molto alta, la situazione sarà ‘allarmante’ per i rischi di entrare in una spirale discendente.

READ  Il settore ha chiuso nel 2021 con il livello di attività più alto degli ultimi 3 anni

In questo contesto, altri paesi come Italia Le stesse tendenze non appaiono, principalmente perché non tutti i fattori sono soddisfatti. Nonostante il forte calo dei tassi di disoccupazione, l’economia italiana soffre di una disoccupazione molto più alta di quella tedesca o francese, con il settore dell’aviazione commerciale, ad esempio, che cancella i voli per carenza di lavoratori. “Il mercato del lavoro attraversa diverse fasi tra il nord e il sud dell’Europa“, afferma Colin, che tuttavia ritiene che l’effetto dell’infezione possa verificarsi. In Spagna, lo stipendio medio ha raggiunto per la prima volta i 2.000 euro all’inizio dell’anno.

A sua volta, l’esperto ING lo considera Il rallentamento della ripresa economica e l’inflazione incontrollata potrebbero invertire la tendenza. I prezzi più elevati incidono anche sui margini aziendali e riducono la domanda interna. Prima della guerra il mercato del lavoro europeo attraversava un ottimo momento, ma l’incertezza sta prendendo peso in tutti i settori.

CommentiIl WhatsAppFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedInLinkedIn