Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Thomas Friedberger: “Non vedo un modo per evitare la recessione in Europa e negli Stati Uniti” | Fondi e piani

Thomas Friedberger (Parigi, 1973) è CEO e Chief Investment Officer di Tikehau Capital, un gestore patrimoniale alternativo francese che gestisce fondi per 35 miliardi di euro. La sua specialità è il private equity, i fondi immobiliari, i fondi di debito privato e i fondi di debito aziendale.

Riuscirà la Banca centrale europea a evitare la frammentazione del mercato del debito sovrano dell’eurozona?

È una delle sue grandi sfide. L’annuncio del ritiro dello stimolo ha provocato un aumento dei premi di rischio. Particolarmente preoccupante è il caso dell’Italia, per l’elevato livello di indebitamento. Penso che la BCE troverà un modo per controllare quei premi di rischio. Sarà difficile controllare l’inflazione.

La Spagna e l’Italia dipendono fortemente dal sostegno della BCE?

Non ho le idee chiare. Nella recessione in cui ci stiamo dirigendo, penso che quei due paesi non saranno il problema principale. La Germania fa molto affidamento sull’importazione di materie prime dalla Russia e sull’esportazione in Cina. La tua economia potrebbe risentirne. Inoltre, penso che incontrerà un deficit di bilancio, soprattutto perché si è impegnato a raddoppiare le sue spese militari e spenderà anche molto per la transizione energetica. Penso che ciò richiederà un maggiore coordinamento all’interno dell’Unione europea e progressi nell’unione fiscale.

C’è stata qualche irresponsabilità da parte delle banche centrali nel far salire l’inflazione?

È difficile accusare i banchieri centrali in questo modo. L’inflazione ha sorpreso sia l’Europa che gli Stati Uniti per vari motivi. Non era facile prevedere l’invasione dell’Ucraina, che contribuì all’escalation dei prezzi. In effetti, ora c’è un’inflazione elevata in quasi tutti i paesi del mondo, ad eccezione della Cina. Non credo che la BCE abbia commesso grandi errori. Da diversi anni avverte che l’inflazione sarà più alta, perché ci sono ragioni strutturali. La Federal Reserve sta facendo il possibile per combatterla, alzando mercoledì di 75 punti base, la maggior parte dei quali è stata vista dal 1994. Per ora, combattere l’inflazione è chiaramente una priorità più alta che salvare il ciclo economico.

READ  Patto di stabilità: Bruxelles esclude la richiesta di drastici tagli del debito dopo la pandemia | Economia

Ci sarà una recessione in Europa sì o sì quest’anno?

Non vedo un modo per aggirarlo. Anche negli Stati Uniti. Delle ultime 12 volte in cui la Fed ha dovuto aumentare i tassi di interesse, ci sono state nove recessioni. C’è una spirale molto pericolosa di aumento dei prezzi, aumento dei salari… la Fed deve porvi fine e, per farlo, dovrà causare una recessione.

Cosa accadrà ai tassi di interesse nei prossimi mesi?

Penso che sia molto realistico pensare che gli Stati Uniti chiuderanno l’anno con tassi al 3,5%, e nell’Eurozona si avvicineranno all’1%, avendo raccolto 150 punti base. Ciò influirà più sulle aziende che sulle famiglie. Molti dei loro debiti si riferivano ai tassi ufficiali.

Ne risentiranno i fondi di capitale di rischio e di debito privato?

Sì, naturalmente. Il mercato azionario e obbligazionario è già in fase di recessione. I mercati privati ​​finiranno per convergere lì. I costi di finanziamento aumenteranno, i margini saranno sotto pressione e ci sarà una crescita minore, quindi le valutazioni di questi fondi illiquidi dovranno essere corrette al ribasso.

È una cosa circostanziale?

Penso di no. Negli ultimi 35 anni, ci sono state tre grandi dinamiche che hanno aiutato gli utili delle società a crescere in modo robusto: globalizzazione, tagli alle imposte sulle società e tassi di interesse più bassi. Queste tre tendenze si sono esaurite nello stesso periodo. Quindi le aziende dovranno fare un grande sforzo per ottimizzare i propri costi attraverso i trasferimenti; per migliorare il tuo capitale; Per migliorare le tue tasse…

Quali sono le conseguenze di questo processo?

Ora le aziende devono essere più flessibili. Pertanto, dovranno investire di più nella digitalizzazione e quindi essere più efficienti. Dovranno investire nella sicurezza per proteggersi dagli attacchi informatici. Dovranno investire per ridurre il loro consumo di energia… Questi investimenti si tradurranno in rendimenti inferiori per l’investitore.

READ  L'interesse è sceso dal cielo: quali paesi tassano una ricchezza inaspettata

Come cambierà il metodo di investimento?

Penso che ci sarà molta dispersione nei risultati, quindi sarà più importante che mai scegliere le società su cui investire bene.

Quale delle tue strategie ha funzionato meglio negli ultimi mesi?

Le strategie illiquide non hanno ancora riflesso correzioni e deflussi, anche se alla fine arriveranno. Ma siamo fiduciosi di aver investito bene. Nel capitale di rischio, abbiamo messo insieme il più grande fondo europeo per la transizione energetica, con società che hanno un track record molto forte e che continueranno a fare molto bene perché l’Europa continuerà a investire in quella direzione. Abbiamo anche fondi per la sicurezza informatica, nella digitalizzazione… nel debito privato, crediamo che ci saranno grandi opportunità nel rimpatrio delle aziende europee, soprattutto nelle medie imprese.