Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La scienza torna in piazza alla Notte Europea degli Studiosi e degli Studiosi organizzata dall’Università della California – Alvarado

Alla sua nona edizione, questo incontro tra società e scienza ha ripristinato il coordinamento faccia a faccia a Santander e Torrelava. I partecipanti hanno imparato a conoscere la scienza grazie alla collaborazione di 300 ricercatori dell’UCLA e di altri centri e istituzioni

La scienza torna in piazza in occasione della nona edizione della Notte Europea degli Studiosi e degli Studiosi, organizzata dall’Università della Cantabria (UC), che ha ripreso il coordinamento faccia a faccia. Questo incontro della società con la ricerca, che mira ad avvicinare la scienza al grande pubblico, ha comportato un grande afflusso di persone di tutte le età e profili che, tenendo sempre conto delle raccomandazioni sanitarie, il Corridoio di Santander Square per visitare il 24 padiglioni dei vari gruppi di ricerca, e di assistere ad alcune delle attività di 24 che sono state realizzate in più sedi a Santander e Torrelaveja. Tra le altre opzioni, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di osservare il cielo con i telescopi, costruire macchine d’assedio in miniatura, ridere e imparare con gli scienziati del circo e imparare, ad esempio, un ATLAS interattivo da cui osservare l’area. Per regione, evoluzione del clima del pianeta negli ultimi decenni, o progetto internazionale PiMetAn, sul ruolo dei pinguini in Antartide.

La IX Notte Europea degli Studiosi e degli Studiosi è stata resa possibile dalla partecipazione di oltre 300 membri della comunità scientifica, sia di UC che di istituzioni miste e non UCI. Tutto questo in un’intensa giornata denominata quest’anno GREEN 9 NIGHT (G9NIGHT), perché dedicata proprio al Patto Verde Europeo. Organizzato dall’Unità per la Cultura Scientifica e l’Innovazione (UCC+i) dell’Università della California, ha anche collaborato con il Comune di Santander, il Governo della Cantabria e la Fondazione Spagnola per la Scienza e la Tecnologia – Ministero della Scienza e della Tecnologia. innovazione.

READ  Il Vaticano riunirà leader religiosi ed esperti per promuovere il Summit sul clima

Il valore sociale di questo evento divulgativo

All’evento hanno partecipato i rappresentanti delle principali istituzioni collaboratrici: il presidente dell’Università della California, Angel Pazos; Vice Presidente per la Ricerca e la Politica Scientifica dell’Università della California, Luigi Del Oglio; Assessore alla gioventù, all’istruzione e alla salute della città di Santander, Noemi Mendes; Direttore Generale dei Fondi Europei del Governo della Cantabria, Paz Diaz Nieto, e Ministro dello Sviluppo Rurale, Bestiame, Pesca, Alimentazione e Ambiente del Governo della Cantabria, Guillermo Blanco. Ovvero, questa iniziativa cerca di dimostrare il valore della scienza in tutte le sue discipline e di promuovere la professione tra i più piccoli, e si tiene ogni anno contemporaneamente in più di 300 città in tutta Europa. Per il nono anno consecutivo, Cantabria aderisce a questa iniziativa del programma Horizon 2020 dell’Unione Europea attraverso l’Università della California.

Allo stesso modo, le istituzioni membri del G-9, tra cui l’Università della California, hanno aderito a un consorzio per celebrare l’evento in modo coordinato. Il progetto G-9 Night di quest’anno è stato soprannominato GREEN 9 NIGHT, un titolo che allude al “Green Deal” dell’UE o alla Carta verde europea. La speciale prospettiva sostenibile di questa edizione ha portato a un precedente evento a giugno chiamato Green Week – o Green Week – che ha anche riunito a livello G9 177 ricercatori in 80 attività di divulgazione scientifica relative agli SDG dell’Unione europea.

progetto internazionale

Inoltre, per la prima volta, Project G-9 ha collaborato con Nights of the Jyväskylä University (Finlandia) e Università del Salento (Italia) attraverso attività congiunte incentrate sulle sfide del Green Deal europeo e dell’Agenda 2030.

La Notte Europea dei Ricercatori, che si svolge in più di 370 città del continente, è finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito di Marie Skłodowska-Curie (MSCA) – un’iniziativa per promuovere le carriere scientifiche in Europa – e fa parte di Horizonte 2020, il Programma quadro per la ricerca e l’innovazione dell’Unione europea. I suoi obiettivi principali sono avvicinare il numero di ricercatori al pubblico in modo che il loro lavoro e i benefici che apportano alla società siano riconosciuti, nonché incoraggiare la scelta di una carriera scientifica tra gli studenti e rimuovere le barriere di genere.

READ  Alan acquisisce l'app di salute mentale Jour per $ 17 milioni