Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La donna indagata per pratica illegale di medicina è stata indagata a Esperanza

Il procuratore Alejandro Benítez è incaricato delle indagini ed è la persona che ha chiesto la privazione della libertà. Ha osservato che “sebbene la difesa abbia chiesto misure alternative alla custodia cautelare, il giudice ha accolto la nostra richiesta” e ha aggiunto di aver “valutato i rischi di fuga e ha imposto la misura cautelare senza scadenza”.

Diagnosi e farmaci

Il funzionario dell’MPA ha sottolineato il fatto che “senza un vincolo o una registrazione qualificati, l’imputato ha prestato i suoi servizi come medico di servizio e ha emesso diagnosi, farmaci e prescrizioni ad almeno 30 pazienti tra mercoledì 1 e 15 settembre di quest’anno” nella città di speranza.

Ha spiegato che “la donna ha fatto riferimento a un presunto certificato medico in un CV presentatole per l’assunzione da parte di un’azienda sanitaria di emergenza e di una clinica privata”, aggiungendo che “ha commesso reati nell’ambito dei compiti a lei assegnati a seguito di inganno.”

Il Pubblico Ministero ha precisato che “agli imputati sono state consegnate fatture di tipo (C) indicanti gli onorari professionali, ed è stato utilizzato un timbro con la matricola di un medico in servizio”. A sua volta, “siamo stati in grado di confermare che la 42enne praticava anche l’arte della guarigione illegalmente a Entre Rios e scoprire se faceva lo stesso in un centro medico nella provincia di Cordoba”, ha detto.

crimini

“Tutti quelli che si trovavano nel carcere preventivo sono accusati dei reati di pratica illegale della medicina, frode e frode”, ha affermato Benitez.

D’altra parte, ha osservato che “a causa delle sue azioni illecite, l’imputata non ha rispettato la sospensione del processo – nota anche come libertà vigilata – che le ha impedito di lavorare come medico”. Ha spiegato a tal proposito che “la procedura è stata risolta nel 2019”.

READ  Arrivo tardivo della variante delta a Mar del Plata: tutti i campioni erano negativi