Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La “frequenza radicale” della vaccinazione contro il Covid-19 in Spagna è scesa a solo il 4% in dieci mesi | Scienza

L’87% degli spagnoli non ha dubbi sui vaccini Covid. Il restante 13% mostra qualche titubanza, ma i più “radicali”, quelli che si danno la minima misura di fiducia e si rifiutano di abbandonarla, sono diminuiti: a luglio dello scorso anno il 33% era titubante e ha continuato a essere appena 4 % a maggio, secondo L’ultimo studio sull’evoluzione della percezione sociale del virus Covid di Fondazione spagnola per la scienza e la tecnologia (Fecyt), dipendente dal Ministero della Scienza. Questo dato, arrivato lo scorso fine settimana e ancora inedito, è stato presentato da Josep Lobera, Professore di Sociologia all’Università Autonoma di Madrid, mentre presentava il 10th Survey of Social Perception of Science, uno studio più ampio, anche di Fecyt di cui Lobera è . Direttore Scientifico Associato.

maggiori informazioni

L’estate scorsa, quando in Spagna la vaccinazione non era ancora iniziata, un terzo della popolazione ha mostrato i propri timori, principalmente perché si rifiutava di essere i primi e perché riteneva che la velocità con cui venivano sviluppate le dosi generasse insicurezza. “Dalle foto delle vaccinazioni del Regno Unito”, spiega Lopera, il numero di “contro i radicali” è diminuito a gennaio e solo nove sospetti su cento erano completamente contrari alla vaccinazione. I dati di maggio, che sono in attesa di pubblicazione, ma sono stati sviluppati da Lobera, mostrano che solo quattro persone su 100 che sono caute sui vaccini rispondono che non li otterranno in alcun modo.

“Siamo ancora in una situazione instabile”, ha avvertito Lopera. Qualsiasi insorgenza di effetti avversi o controversie sulla doppia vaccinazione con marche diverse potrebbe alterare la percezione. Tuttavia, la tendenza della fiducia spagnola nei vaccini rimane molto alta, dimostrando che 87 spagnoli su 100 sono stati vaccinati o lo faranno senza dubbio.

L’84% pensa che il cambiamento climatico sia molto pericoloso o molto pericoloso. Gli intervistati hanno ammesso che il modo in cui consumano è alla base di questo fenomeno e metà di loro ha cambiato le proprie abitudini

Il progresso dei dati è inquadrato nel presentare i risultati della più recente Social Science Perception Survey, compilata da 7.953 interviste distribuite in ciascuna comunità indipendente a persone di età superiore ai 15 anni con cinque o più anni di residenza in Spagna.

READ  Coronavirus: è consigliabile o meno fare un test anticorpale e un vaccino dopo il COVID-19?

Lo studio mostra che la scienza è un argomento che interessa il 14% della popolazione, a livelli simili all’economia (16%), all’istruzione (15%) e all’ambiente (10%). Tra i temi più importanti spicca il cambiamento climatico: l’84% lo ritiene pericoloso o molto pericoloso, gli intervistati ammettono che dietro questo fenomeno c’è il modo in cui consumano e la metà di loro ha cambiato abitudini. Il 47% ha partecipato a qualche forma di protesta e il 20% ha firmato a favore di misure per mitigare il riscaldamento globale.

“Vediamo preoccupazione e metà afferma di aver smesso di acquistare determinati prodotti per motivi etici o ambientali”, afferma Lopera. Il ministro della Scienza Pedro Duque, che ha co-presentato lo studio, si unisce al 45% che pensa che il cambiamento climatico venga risolto più o meno con la scienza e la tecnologia.

Il 49% degli intervistati ritiene che i test sugli animali per scopi medici abbiano molti o pochissimi benefici rispetto al 41% che li vede come aventi le stesse categorie di rischio.

Per la prima volta è stata inclusa anche una domanda sui test sugli animali per scopi medicinali. Il 49% degli intervistati ritiene che abbia molti o molti vantaggi rispetto al 41% che pensa che abbia le stesse categorie di rischi.

Un aspetto notevole dell’indagine è l’evoluzione della percezione di trattamenti fittizi senza prove scientifiche. Sebbene uno spagnolo su sei (17%) si fidi ancora degli effetti benefici dell’omeopatia, questa percentuale è di otto punti percentuali inferiore a quella registrata due anni fa. L’11% si fida ancora di lui Reiki (modalità manuale per servosterzo), cinque punti percentuali in meno rispetto a due anni fa.

La fiducia nei trattamenti fittizi sta diminuendo, ma il loro uso è in aumento

Josep Lobera qualifica anche questi dati. “La fiducia sta diminuendo, ma le persone che affermano di averla usata stanno aumentando”. L’aumento è stato registrato in coloro che utilizzano terapie fittizie come metodo complementare piuttosto che alternativo. Uso più elevato per il dolore (49%) e lo stress o l’ansia (20%). Tuttavia, l’1% ha riferito di aver evitato i trattamenti medici contro il cancro e di aver fatto ricorso a metodi non scientifici.

READ  Studi britannici che includono la Spagna nell'elenco dei paesi ad altissimo rischio

Per Duque, “La cosa più importante è che non ci siano più persone che sostituiranno l’antibiotico ‘trattamento sanitario’. Ma è preoccupante che l’1% delle persone sia stato indotto a credere di poter curare una malattia grave con qualcosa senza prove scientifiche”. Sono pochi, ma bisogna continuare a lavorare”.

La cosa più importante è che non più persone sostituiranno l’antibiotico con la “cura della salute”. Ma in modo allarmante, l’1% delle persone è stato indotto a credere di poter curare una malattia grave con qualcosa senza prove scientifiche.

Pedro Duque, ministro della Scienza

Sulla spesa spagnola per la scienza, Rosa Canpence, direttrice della cultura scientifica e dell’innovazione di Fecyt, sottolinea che “il 66% degli intervistati pensa che la Spagna sia in ritardo rispetto alla media europea” in termini di investimenti scientifici, un divario che l’85% ritiene che dovrebbe correggere il governo . Tuttavia, alla domanda se sarebbero disposti a dare un contributo altruistico alla scienza, solo il 27% degli intervistati ha risposto affermativamente mentre il 31% ha affermato che vorrebbe, ma non può, e il 31% rifiuta con forza questa possibilità.

Duke lamenta la mancanza di una tradizione in Spagna di canali di investimento onesti nella scienza, a differenza degli Stati Uniti, dove alcune istituzioni raccolgono fino a un miliardo. In questo senso, il ministro si è interrogato sul perché non ci sia un riquadro sul conto economico per la scienza, come lo è per la chiesa o altri enti di interesse sociale. Il rappresentante del governo sottolinea che, nonostante le difficoltà di finanziamento, “la qualità della produzione scientifica spagnola è paragonabile a quella del resto d’Europa”. E afferma: “Con nuovi finanziamenti, che arriveranno presto, potremo cambiarlo”.

READ  Benefici del pomodoro: un alimento ricco di sapore e sostanze nutritive

Agenzia spaziale spagnola

In merito agli investimenti pubblici, Duque ha fatto riferimento all’Agenzia Spaziale Spagnola annunciata dal Direttore di Gabinetto al Primo Ministro e Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale, Ivan Redondo: “In questo momento le circostanze sono cambiate. Ho sempre detto che sarebbe utile se ci sono diverse fonti di finanziamento che devono essere coordinate Ora, ci siamo Aumenterai i finanziamenti e questo avrà senso Lo stiamo già documentando dall’inizio dell’anno Creeremo una tabella di marcia con il minimo disservizio per il conti pubblici Poi si entra nella discussione sulla struttura Il momento è positivo 20 anni dopo Con l’aumento dell’attività e progetti nazionali in cantiere È tempo di guardare all’agenzia».

Il Associazione Spagnola delle Imprese di Difesa, Sicurezza, Aeronautica e Tecnologia Spaziale (TEDAE), la principale entità del settore, ha sostenuto la creazione dell’agenzia, che ha considerato “le aspirazioni del settore come sempre” e che nel 2019 è stata esplicitamente inclusa nell’agenda settoriale dell’industria spaziale spagnola.

Gli imprenditori sostengono che non si tratta solo di un atto simbolico, ma anche strategico: “Lo spazio corrisponde a una politica statale che simboleggerebbe l’Agenzia spaziale spagnola. Inoltre, ciò faciliterebbe la definizione e l’attuazione di una vera politica nazionale e gestione degli interessi e della difesa nazionali e industriali, che si sviluppano in un ambiente internazionale complesso, competitivo e altamente esigente che coinvolge un gran numero di organizzazioni e agenzie internazionali”. Sostengono che “l’Agenzia spaziale spagnola fornirà una maggiore coerenza al dialogo esterno e al lavoro di tutte le amministrazioni pubbliche negli affari spaziali”.

TEDAE afferma che Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Belgio, Portogallo, Polonia, Svezia, Svizzera, Austria e Romania hanno modelli di agenzia appropriati di capacità industriale, strategia politica e potenziale di investimento per ciascun paese.

puoi seguire Cosa Sopra Sito di social network FacebookE il Twitter e Instagram, o registrati qui per ricevere La nostra newsletter settimanale.