Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Medicina privata” in crisi di finanziamento

In Argentina, la medicina speciale ha una lunga tradizione. Il 68% delle persone ha un’assicurazione sociale o una copertura medica a pagamento e vorrebbe vedere un medico e una clinica privata. Ciò ha contribuito al fatto che ci sono 46 università mediche nel paese, di cui 20 pubbliche e 26 private, e dei posti letto ospedalieri totali nel paese (160.000), metà sono pubblici e l’altra metà sono privati. Come si può notare, sia nel corso che nel corso di pratica, la medicina privata in Argentina condivide il ruolo di primo piano con la medicina generale.

Santa Fe è una contea leader in questa materia. Dispone di 4 università mediche (da Rosario, del Litoral, UAI e Italiano) e 11.000 posti letto, di cui 6000 corrispondono al settore privato. Le strutture sanitarie private di Santa Fe, con poche eccezioni note, sono generalmente piccole. Ci sono una media di 15 posti letto per istituto quando la media del paese è 22, e nella città autonoma di Buenos Aires, la dimensione media è di 88 posti letto per istituto. Le istituzioni sanitarie pubbliche a Santa Fe sono ancora più grandi, con un massimo di 40 posti letto per istituto. In sostanza, le istituzioni sanitarie private – con poche eccezioni – sono piccole e medie imprese.

Come tutte le piccole e medie imprese, è esposta alla crisi economica. Ma nel caso della medicina privata in particolare, sono stati particolarmente colpiti dalla combinazione inversa dell’epidemia e della scarsa politica dei prezzi. Per rilevare questo fenomeno è utile soffermarsi qualche minuto sull’evoluzione del capitolo salute della regione della Pampa dall’INDEC Consumer Price Index (CPI).

I prezzi dei medicinali privati ​​sono adeguati in base all’indice generale dei prezzi al consumo

Capitolo sulla salute della regione della Pampa IPC nell’INDEC

READ  Teflon e le "sostanze chimiche eterne": tossine nascoste nel tuo corpo | Scienza ed ecologia | DW

Linea: LP Consulenza sulla base dell’INDEC

Si segnala che i prezzi dei prodotti medici (medicinali e dispositivi medici venduti al pubblico) diminuiscono rispetto all’inflazione generale con l’epidemia fino a maggio 2020, per recuperare e mantenere un andamento simile all’inflazione generale. La tariffa prepagata ha invece avuto un comportamento completamente diverso.

I prezzi dei piani sanitari privati ​​sono rimasti congelati per tutta la durata del blocco del coronavirus fino a novembre 2020, deteriorando l’inflazione del valore reale dei prezzi dei piani sanitari privati ​​fino al 25%. All’inizio del 2021, il governo è rimasto riluttante a consentire l’aumento delle tariffe prepagate (lo stato regola le tariffe delle carte prepagate), quindi il deterioramento è continuato. Il rifiuto di autorizzare aumenti di prezzo è stato così controverso che le compagnie farmaceutiche prepagate hanno dovuto presentare un’ingiunzione in tribunale nel giugno 2021, che ha finalmente aperto le licenze e portato a una riconfigurazione – come si può vedere nel grafico – iniziata a luglio 2021 Ma è finita Non basta perché nella seconda metà del 2021 l’inflazione generale è già accelerata.

Più di recente, nella seconda metà del 2022, il SSS, l’Autorità di regolamentazione delle prepagate, ha iniziato a concedere adeguamenti bimestrali alle tariffe anticipate sulla base di una formula che tiene conto dell’evoluzione del contratto di attività (salute), dei prezzi dei farmaci e dei farmaci. forniture e inflazione generale. Per questo motivo, nel grafico a partire da giugno 2022 è stata osservata una sega in risposta a questi aggiornamenti della formula. L’ultimo aggiornamento ha mostrato che ci sarà un adeguamento della tariffa prepagata del 14% a dicembre, che si tradurrà in un aggiornamento annuale per il 2022 del 114%. Poiché l’inflazione generale a dicembre è stimata al 100% annuo, la notizia è che il governo ha consentito l’adeguamento dei premi pagati in anticipo in aggiunta all’inflazione. Ma, a rigor di termini, questo maggiore aggiustamento annuale per l’inflazione non compensa la perdita di valore reale che le tariffe dei piani sanitari privati ​​hanno subito durante il blocco dei prezzi causato dalla pandemia. Infatti, anche con questo aumento del 114% entro il 2022, i prezzi dei piani sanitari privati ​​restano inferiori del 15% rispetto al loro valore reale pre-pandemia.

READ  L'origine e l'evoluzione dell'anemometro

Non è certamente una buona idea aumentare le tariffe prepagate. Ma il problema non sono le alte tariffe prepagate ma l’inflazione. Quando gli adeguamenti delle tariffe sono inferiori all’inflazione, c’è il rischio che la qualità dell’assistenza medica ne risenta perché le spese mediche e le spese ospedaliere per le cliniche private sono legate alla tariffa prepagata. Quindi, se le tariffe prepagate sono dietro l’inflazione, lo saranno anche le spese mediche e i costi.

Il grafico sottostante riporta la stessa serie del grafico precedente (l’evoluzione reale delle tariffe prepagate, che è l’evoluzione delle spese e delle tariffe mediche, in quanto quest’ultima è legata alla prima) con l’evoluzione reale del contratto sanitario che si applica non ai medici ma agli infermieri e al personale non medico.

Anticipo prezzo e contratto di stipendio in medicina privata

In termini reali

Linea: LP Consulenza Basato su INDEC e CCT Health

Lì puoi vedere come lo stipendio dell’accordo in termini reali abbia seguito il percorso tariffario durante il lockdown dovuto alla pandemia. Ma poi nel 2021 ha effettivamente riguadagnato il suo vero valore, quando i premi prepagati, le tasse e le spese mediche sono rimasti ammortizzati. Questo è ciò che si traduce nella crisi dei finanziamenti nella medicina privata. I costi aumentano con l’inflazione, ma i prezzi dei piani, le tasse e le spese ospedaliere sono ancora più bassi. Ciò si traduce in una mancanza di sequestri e in un aumento dei contributi e delle richieste dei professionisti sanitari per salari più elevati, come dimostrano le richieste dei giovani medici negli alloggi ospedalieri.

Inoltre, sta accadendo qualcosa di più preoccupante della richiesta di salari migliori per i professionisti sanitari, ovvero la carenza di medici. A Santa Fe, le cliniche private, i sanatori e gli ospedali pubblici non possono coprire i soggiorni in specialità materne come cliniche mediche e pediatria. Ciò fa presagire una carenza strutturale di medici nei prossimi anni.

READ  Cuba ospiterà la mostra delle industrie agroalimentari, Fiagrop 2022 (+ foto)

L’aumento degli stipendi dei medici è una soluzione rapida finché hai i soldi. Ma il rifornimento dei medici quando sono a corto richiederà molto più tempo. Questo è motivo di preoccupazione per il ministro della salute regionale, come ho detto, e per le cliniche private e i sanatori che sono stati annunciati anche dalle loro camere d’affari.

conclusione

La medicina in Argentina in generale e Santa Fe in particolare ha sempre goduto di un alto profilo. Ma negli ultimi anni, a causa della crisi economica generale, il regime ha perso i fondi e l’epidemia ha assestato un colpo che gli sarebbe stato vicino, se non fosse stato per il “colpo di grazia”. Durante i due anni della pandemia (2020-2021) alla medicina privata sono state richieste molte energie e risorse e sono stati respinti gli adeguamenti dei prezzi imposti dall’inflazione. Poi c’è stata una ripresa dei redditi nel 2022 ma è stata parziale e insufficiente.

Oggi, con la richiesta di una migliore ricompensa per medici e residenti, le conseguenze stanno emergendo e, senza un medico in alcune delle principali specialità, tali conseguenze peggioreranno.

Linea: LP Consulenza