Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Brexit aveva dei difetti e l’industria del turismo lo sa

L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea ha avuto terribili conseguenze per l’economia britannica. Il crollo della sterlina, la fuga di capitali e società subite dal Paese, il rallentamento degli scambi con le altre economie europee, la paralisi subita dal passaggio delle merci, tra gli altri eventi, sono alcune delle conseguenze della partenza dell’Europa Unione. Regno del Regno dell’Unione Europea. Come previsto, anche il turismo ha risentito di questa significativa perturbazione, data l’importanza e la presenza di questo settore – sia a livello locale che globale – nell’economia.

Inoltre, l’appartenenza all’Unione Europea ha i suoi costi e svantaggi, va notato che ciò non significa che farne parte non abbia i suoi vantaggi e vantaggi. Tra gli svantaggi dell’essere uno Stato membro, e nonostante la versione britannica, possiamo evidenziare il contributo al fondo comune e, in sostanza, la perdita di sovranità. Tuttavia, queste carenze devono essere compensate da un’altra serie di vantaggi, come gli accordi di libero scambio, la certezza fornita dalla forza dell’Unione Europea, la credibilità di una moneta comune forte, tra gli altri che, in pratica, finiscono per avvantaggiarsi quelli. Le economie che desiderano entrare a far parte della joint venture.

Tra quei vantaggi a cui abbiamo fatto riferimento, ce n’è uno che forse non abbiamo apprezzato, perché privo di valore economico in quanto tale, che è la libertà di circolazione delle persone tra gli Stati membri dell’Unione Europea, nonché il non divieto di soggiorno e di soggiorno in altri paesi membri, anche se non ivi nati. Tuttavia, sebbene quel valore economico non sia menzionato, aveva un valore incommensurabile e ora lo vediamo e apprezziamo per la sua assenza. Bene, dobbiamo sottolineare che dopo la Brexit, i turisti britannici devono affrontare un controllo molto più ampio rispetto a quando facevano parte dell’UE; A questo si aggiunge un regolamento che gli impedisce di stare nel Paese per più di 90 giorni. La partenza del Regno Unito ha avuto conseguenze sia economiche che non economiche. Tra le normative non economiche più importanti troviamo questa normativa imposta al Regno Unito, in quanto Stato non membro. Il crollo di questa ex unione ha rotto la facilità con cui i turisti britannici dovevano viaggiare in giro per l’Europa. E sebbene si tratti di un fenomeno non economico, si tratta di un evento che ha ripercussioni sull’economia e soprattutto sul settore turistico e di alcuni turisti che oggi chiedono ai loro governanti, gli stessi che hanno disintegrato il sindacato, di raggiungere accordi che consentano la libera circolazione delle persone.

READ  Il Presidente Ilham Aliyev ha partecipato al Forum Internazionale di Cernobbio, in Italia

Per tutti questi mesi, la stampa ha fatto eco a queste richieste. Ebbene, ci sono molte manifestazioni che sono state fatte, così come i turisti britannici che soggiornano, soggiornano o decidono di andare in vacanza in altre economie dell’UE. E questo, come dimostra la rottura, oggi è molto più difficile. Visitare una residenza estiva in Spagna, andare in vacanza in Italia o venire a prendere un buon vino in Francia è molto più difficile oggi per gli inglesi di quanto non fosse prima della Brexit. Con il crollo dell’Unione, gli accordi sono scomparsi, e lo stesso hanno fatto i trattati sulla tratta degli esseri umani.

Per questo motivo, molti turisti britannici chiedono la cittadinanza di un paese europeo in modo da poter trascorrere gli ultimi anni in queste economie estive che i pensionati britannici amano così tanto. La decisione del Regno Unito, oltre al notevole costo economico menzionato, ha finito per incidere sulla vita dei cittadini britannici che oggi si ribellano a un controllo che prima non esisteva e che hanno notevolmente facilitato la convivenza in un’economia globalizzata.

Come dicevo, sebbene si parli di un costo antieconomico, anche il contributo del turista britannico al settore turistico inizia a notare questa tregua. Gli ostacoli amministrativi e burocratici determinati dalla Brexit influiscono sul settore turistico, che ottiene un’alta percentuale del proprio reddito da quei turisti che hanno visitato il Paese. Questa mancanza di vantaggi ha spinto gli uomini d’affari legati a questo settore di molte economie europee a sostenere alcuni turisti britannici che, dico, chiedono ai governanti alleanze e accordi che consentano ai cittadini di tornare alla vita normale.

READ  Il Tesoro non ha l'autorità per attuare incentivi fiscali nello stato IEPS: Gabriel Yorio

Tutte le decisioni che prendiamo nella vita hanno un costo e, quando le mettiamo in atto, dobbiamo considerare tutti gli scenari possibili. I governanti del Regno Unito, parlando di Brexit, hanno parlato di molti vantaggi, ma nessuno svantaggio. Oggi, come possiamo vedere, ci sono difetti che non sono stati menzionati. E questi disagi, come sempre con le inutili ingerenze della classe politica, finiscono per incidere sull’economia e sui cittadini che devono sempre pagare i soldi.