Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vaccino contro il COVID-19 aiuta a prevenire i sintomi prolungati?

(CNN spagnolo) – Uno dei misteri del nuovo coronavirus rimane la casualità dei sintomi di lunga durata della malattia. Scienziati di tutto il mondo stanno cercando di conoscere i fattori che rendono una persona più vulnerabile all’esperienza del virus Corona in corso. In questo episodio, il dottor Elmer Huerta esplora diversi studi.

Puoi ascoltare questo episodio su Spotify o sulla tua piattaforma podcast preferita, oppure leggere il testo qui sotto.


Ciao, sono il dottor Elmer Huerta e questa è la tua dose di informazioni sul nuovo coronavirus. Informazioni che ci auguriamo possano essere utili per prenderci cura della vostra salute e della salute della vostra famiglia.

Nella puntata del 9 febbraio sentiamo quello che viene definito un “covid lungo” o covid persistente, e come questa condizione – come tante altre nella storia della medicina – abbia dovuto lottare per essere riconosciuta dai professionisti del settore medico. la salute.

Oggi vedremo che negli ultimi cinque mesi sono stati compiuti progressi nell’apprendimento di questo caso.

Ricerca che cerca di affrontare il virus Corona in corso

Abbiamo discusso nella puntata di febbraio che il concetto di post-Covid-19 è stato ampliato. Dal riconoscere le conseguenze nei pazienti che hanno lasciato gli ospedali e le unità di terapia intensiva dopo una grave malattia, alle conseguenze che iniziano a manifestarsi nelle persone che hanno superato il COVID-19 da lieve a moderato e non hanno bisogno di essere ricoverate in ospedale.

Purtroppo, poiché la maggior parte dei sintomi del coronavirus per periodi prolungati sono soggettivi e quindi difficili o impossibili da provare con ulteriori test, abbiamo visto il numero di medici che non hanno dato la dovuta importanza ai pazienti che si recavano nei loro studi.

READ  Opportunità di mercato globali per la medicina del melasma, fattori di crescita che coprono e tendenze imminenti 2021-2026 - Marketdesk

caso britannico

Era necessario che un gruppo britannico che non avesse molta formazione scientifica, la Body Politic Organization, fosse alla guida maggio 2020un sondaggio online che per la prima volta è riuscito a raccogliere dati da 640 persone che sono state affette da sintomi persistenti dopo aver contratto il COVID-19.

Dopo un breve periodo, 1 aprile 2021 L’Office for National Statistics del Regno Unito ha pubblicato lo studio più importante sull’argomento, dimostrando che più di un milione di cittadini britannici hanno sintomi persistenti dopo aver contratto il virus Covid-19.

studio americano

Influenzato da questi studi, il dottor Francis Collins, direttore del National Institutes of Health degli Stati Uniti, iniziò a farlo Febbraio 2021 L’iniziativa nazionale per lo studio continuo sul coronavirus con un budget di 1.150 milioni di dollari.

Lo sviluppo di questo studio di 4 anni, chiamato RECOVER – per recuperare – iniziato all’inizio di quest’anno 2022 e che prevede di studiare 40.000 persone, è stato purtroppo troppo lento e sta suscitando critiche da parte di gruppi di scienziati e pazienti.

La critica principale è che lo studio si concentra maggiormente sulla raccolta dei dati e non sullo studio di misure terapeutiche volte ad alleviare i sintomi dei pazienti.

Un’altra critica è il fatto che il reclutamento di 40.000 volontari per lo studio è troppo lento. Considerando che dall’inizio dello studio all’inizio di gennaio 2022 sono stati reclutati solo 1.366 pazienti Fino al 18 marzoUna cifra che rappresenta solo il 3% della cifra target. fino al Prima settimana di luglioSono stati iscritti solo 5.317 adulti e 269 bambini, che rappresenta solo il 15% della popolazione totale di circa 40.000.

READ  Gli scienziati chiedono al G20 maggiori investimenti e l'accesso globale a un vaccino

Fattori legati al virus per lunghi periodi

In un altro precedente relativo al virus Covid per periodi prolungati, uno studio britannico chiamato REACT-2, Pubblicato aprile 2022Fattori specifici che sono stati associati a una maggiore probabilità di sviluppare sintomi persistenti, come ad esempio:

  • età
  • obesità
  • fumare
  • Uso di sigarette elettroniche
  • Ricovero per COVID-19
  • Essere un operatore sanitario.

in Un altro studiodel King’s College London – il primo studio sottoposto a revisione paritaria per esaminare la relazione tra la variante dell’omicron e il rischio prolungato di virus – ha rilevato che la probabilità di sperimentare questa condizione era dal 20% al 50% inferiore durante il periodo di pandemia causato dalla variante dell’omicron rispetto a durante il periodo delta.

La ricerca, che ha studiato più di 56.000 persone, ha rilevato che il 4,4% dei casi di Omikron ha sviluppato Covid-19 prolungato, rispetto al 10,8% dei casi Delta. Tuttavia, poiché oomicron è altamente contagioso, il numero assoluto di persone che hanno sofferto di una prolungata malattia da Covid è stato più alto durante la pandemia indotta da omicron che durante il delta.

A questo proposito, l’Office for National Statistics del Regno Unito ha stimato che il numero di persone che convivono con il virus per lunghi periodi è effettivamente aumentato da 1,3 milioni a gennaio 2022 a 2 milioni a partire dal 1 maggio 2022.

Il vaccino “previene” i sintomi a lungo termine della malattia?

Finalmente una buona notizia. un studio italiano Pubblicato sul Journal of the American Society il 1° luglio, condotto tra operatori sanitari con virus Covid che non necessitavano di ricovero, e ha riscontrato che coloro che hanno ricevuto due o tre dosi di vaccino avevano un tasso di diffusione del virus inferiore per lungo tempo periodi.

READ  Allarmante arrivo in Europa di una formica asiatica infetta da una puntura velenosa

Nello specifico, lo studio ha rilevato che:

  • Gli uomini avevano il 35% di probabilità in meno di aver contratto il COVID-19
  • Coloro che hanno ricevuto due dosi avevano il 75% di probabilità in meno
  • Coloro che hanno ricevuto tre dosi avevano l’84% di probabilità in meno di sviluppare la condizione.

Al contrario, gli anziani e le persone con allergie e malattie sottostanti avevano rispettivamente un rischio maggiore del 23%, 50% e 32%.

Insomma, il prolungato virus COVID è un’entità riconosciuta dalla scienza e temuta che, per la sua elevata frequenza, sarà una condizione che nei prossimi anni travolgerà i servizi sanitari.

Riteniamo che la vaccinazione rimanga l’arma principale, non solo per ridurre le probabilità di ospedalizzazione e morte, ma anche, come abbiamo visto, per ridurre le recidive del virus per lunghi periodi.


Hai domande sul COVID-19?

Mandami le tue domande su Twitter e cercheremo di rispondere nei nostri prossimi episodi. Mi puoi trovare a Incorpora il tweet.

Se hai trovato utile questo podcast, assicurati di iscriverti per ricevere l’ultimo episodio sul tuo account. Aiuta gli altri a trovarlo valutandolo e rivedendolo sulla tua app podcast preferita.

E per le informazioni più aggiornate, puoi sempre andare a CNNspanol.com. Grazie per l’attenzione.